MarsicanewsTV

Ricerca rivoluzionaria nel fotovoltaico, tra i ricercatori Alessandro Stroppa

Un team internazionale di scienziati, che coinvolge l’Istituto Spin-Cnr di L’Aquila, le università di L’Aquila e di Vienna e la North Carolina State University, ha dato il via ad una vera e propria rivoluzione nel campo dei materiali fotovoltaici grazie ad un’innovativa ricerca scientifica, pubblicata sulla rivista “Nature Communications”. Nel team di ricercatori, coordinato da Silvia Picozzi dell’istituto Spin-Cnr, fa capolino Alessandro Stroppa, residente ad Avezzano.

“L’idea è maturata nel tempo – dichiara Stroppa, fisico del Cnr e docente dell’università di L’Aquila – lo stimolo è arrivato dal tentativo di realizzare un fotovoltaico che generi energia alternativa veramente pulita. Il nostro studio era mirato a cercare un’alternativa sostenibile sia alle celle solari fatte di silicio, i cui costi sono elevati a causa dei complessi metodi di fabbricazione, sia alle perovskiti ibride finora studiate, meno costose ma tossiche per l’uomo e per l’ambiente per via del piombo in esse contenuto. Nelle simulazioni al computer, abbiamo studiato una nuova perovskite ibrida non contenente piombo. Impiegando queste perovskiti per convertire energia solare in elettrica – conclude Stroppa – avremmo quindi energia doppiamente pulita, da una parte perché solare e, dall’altra, perché ottenuta con un composto non contenente piombo”.

 

 

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top