Attualità

Una Rete per la cultura digitale, firmato l’accordo

Avezzano – Incrementare la diffusione e la qualità della formazione nell’ambito dell’ Information Communication Technology, attraverso una Rete territoriale capace di ottimizzare le risorse e le opportunità per la creazione di nuove competenze, nel rispetto dell’Agenda Digitale italiana. Questo l’obiettivo prefissato dall’Amministrazione Di Pangrazio, che ha promosso e sottoscritto il progetto per la costituzione della “Rete per la Cultura, la Formazione e le competenze digitali della Marsica”.

L’accordo tra il Comune di Avezzano e le Istituzioni scolastiche “E. Majorana “, “V. Pollione“, “G. Galilei“, l’Università dell’Aquila, è stato sottoscritto nel corso della cerimonia ufficiale tenutasi ieri nella sala consiliare del Comune; presenti l’assessore Alessandra Cerone, il dirigente comunale Sergio Natalia, l’esperto delegato all’innovazione tecnologica e alle politiche formative in materia, il dottor Oreste Angeloni, la rettrice dell’Università dell’Aquila, Paola Inverardi, Stefano Piccone del Polo ICT Abruzzo, i dirigenti scolastici Anna Amanzi dell’IIS “E. Majorana”, Fabiola Testa, in rappresentanza del Liceo Scientifico “V. Pollione” e Corrado Dell’Olio,  dirigente dell’Istituto “G. Galilei”. Tra i punti cardine dello sviluppo dell’articolato progetto, la promozione della diffusione della formazione di base, l’acquisizione di abilità specifiche in materia ICT, l’implementazione dell’utilizzo di mezzi tecnologici, inclusa la connessione alla banda ultra larga – fibra ottica – di cui saranno dotate in tempi brevi le scuole, nonché l’attuazione di tutte le strategie utili al pieno sviluppo della cultura digitale, al fine di ridurre il cosiddetto “ digital divide” culturale.

Questi sono interventi strategici per lo sviluppo del territorio”, ha spiegato l’assessore Alessandra Cerone, ”Abbiamo delineato il progetto per ‘fare Rete’ concretamente, sulla base di un programma di ampio respiro sul tema, fondato in particolare sulla sinergia tra scuola, Ente e imprese. Quello che è centrale per un giovane, nativo digitale, è conoscere le enormi potenzialità dell’uso della tecnologia, ma anche i confini entro i quali muoversi per non lasciarsene dominare. L’Agenda Digitale europea ci indica gli obiettivi, noi siamo chiamati a tracciare la strada per centrarli al meglio, con riguardo alle peculiarità del territorio. Il gruppo dei partner, selezionati inizialmente tra gli istituti che curano principalmente una formazione tecnico-scientifica, è destinato ad ampliarsi: Avezzano sarà punto di riferimento anche per le altre amministrazioni marsicane che, per risorse o organizzazione, avrebbero difficoltà a dare corso a un progetto di questo calibro nel settore”.

Nel programma, con il consolidamento dello scambio tra enti, scuola e mondo del lavoro: percorsi di orientamento, di acquisizione e potenziamento delle competenze fondamentali; incremento delle opportunità di formazione per gli studenti, anche attraverso l’integrazione dei programmi scolastici con progetti specifici; realizzazione di percorsi formativi integrati tra scuola e università nel campo dell’istruzione tecnica, piena partecipazione attraverso la prassi dell’alternanza scuola – lavoro. Allo scopo di supportare la piena realizzazione e lo sviluppo del progetto, è stato costituito un comitato tecnico-scientifico con compiti di indirizzo, attuazione e controllo.

 

 

 

 

 

1 Comment

1 Comment

  1. Salvatore Ruggeri

    6 dicembre 2016 at 18:03

    Ma se nella marsica è sconosciuto il domicilio digitale………come si può parlare di digitalizzaione ???

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top