Italia

Renzi: I numeri li abbiamo lo stesso

Questa volta il siluro contro Berlusconi prende la forma di una newsletter ai cittadini che Matteo Renzi “spara” a inizio mattinata. «Se Forza Italia, che ha sempre difeso le idee alla base del patto sulle riforme, adesso vuole rimangiarsele, buon appetito. Ho sempre detto che voglio fare accordi con tutti e che non ci facciamo ricattare da nessuno. Perché i numeri ci sono anche senza di loro» scrive il premier che, in vista delle votazioni su riforme e Italicum, ribadisce la linea intransigente del partito. Quel che è certo è che col patto del Nazareno in apnea, tutti guardano con interesse al pallottoliere dei numeri a Palazzo Madama, dove il Pd avrà bisogno di una nutrita pattuglia di “responsabili” per portare a compimento il percorso riformatore. E la recente “chiamata” di Renzi, per il quale il patto del Nazareno «non è un papiro segreto con dentro chissà cosa ma un accordo alla luce del sole su tre punti centrali», ha trovato ascoltatori attenti tra gli ex 5 Stelle, il gruppo di Gal in Senato e soprattutto in Scelta civica. Il partito di Monti, che domani celebrerà il suo congresso, continua infatti a pardere pezzi. Ieri, in otto, hanno deciso di approdare al Pd. Insieme a Gianluca Susta, Alessandro Maran, Pietro Ichino, Ilaria Borletti Buitoni, Ilaria Tinagli e Carlo Calenda, ci sono anche il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, e Linda Lanzillotta.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top