Italia

Renzi-Berlusconi, l’accordo è a metà

Via al nuovo Italicum entro l’anno. L’ottavo faccia a faccia tra Renzi e Berlusconi, che va avanti a Palazzo Chigi per un’ora e mezza, si conclude con un mezzo accordo che tiene in vita lo “scricchiolante” patto del Nazareno (che sarà integrato con le decisioni prese dal vertice di maggioranza di lunedì scorso) e consente al Cavaliere di conservare un posto di tutto rispetto nella delicatissima partita sulla successione di Napolitano al Quirinale. Dopo le tensioni degli ultimi giorni, Renzi ottiene l’impegno ad approvare la legge elettorale al Senato entro dicembre ma non riesce a sciogliere tutti i nodi che ancora bloccano la difficile trattativa. Le divergenze riguardano infatti la soglia di sbarramento per i piccoli partiti e l’attribuzione del premio alla lista o alla coalizione. «L’impianto di questo accordo è oggi più solido che mai, rafforzato dalla comune volontà di alzare al 40% la soglia dell’Italicum, e dall’introduzione delle preferenze dopo il capolista bloccato nei 100 collegi» si legge nella nota congiunta che viene diffusa al termine dell’incontro. L’accordo, però, finisce qui. E a confermarlo è proprio il comunicato sottoscritto dal leader di Forza Italia e dal premier.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top