Italia

Renzi al Parlamento “Cambiare subito la prescrizione”

«La giustizia deve essere tempestiva. Non possiamo vivere con l’incubo prescrizione. I processi devono essere veloci e giusti». Colpito dal verdetto-farsa della Cassazione che ha annullato la condanna a 18 anni di reclusione del magnate svizzero Stephan Schmidheiny e ha dichiarato prescritto il reato di disastro ambientale doloso, Matteo Renzi esprime profondo rispetto per il dolore delle famiglie e chiede che i tempi della giustizia siano certi e non lascino spazio all’impunità. «Non è possibile su alcune vicende avere regole che col tempo fanno saltare la domanda di giustizia, perché ci sono dei dolori che non hanno tempo» scandisce il premier in una intervista a Rtl 102,5 sul caso Eternit. Fedele alla linea adottata fin dal primo giorno in cui siede a Palazzo Chigi, il presidente del consiglio, anche in questo caso, vuole fare in fretta. «Non può esistere una prescrizione che impedisce di dire cosa sia giusto o no. Bisogna fare più veloce: se sei colpevole sei colpevole, se sei innocente sei innocente. Non è che se passa il tempo si cancella qualcosa» puntualizza Renzi, per il quale la giustizia deve essere tempestiva e non può essere causa di dolore per quelle famiglie che oggi si sentono prese in giro.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top