Attualità

Regione Abruzzo, nuova legge in materia di sagre e feste popolari

La Regione Abruzzo ha emanato la legge n.22 del 20 luglio 2016 che disciplina le sagre e le feste popolari quali espressioni del patrimonio storico, sociale e culturale delle comunità abruzzesi. La norma  si riferisce a due tipologie di manifestazione. La sagra, avente come finalità la valorizzazione di un territorio mediante l’utilizzo e la somministrazione di prodotti e lavorazioni enogastronomiche tipiche ed identitarie di una data località, e la festa popolare, organizzata esclusivamente o prevalentemente per finalità culturali, storiche, politiche, religiose, sportive e di volontariato in genere, non necessariamente legata alla valorizzazione del territorio, con esercizio di attività enogastronomiche.

Durante le sagre e le feste popolari non si potranno somministrare alimenti e bevande per più di sei giorni e si dovranno rispettare dei rigidi parametri qualitativi. In particolare nelle sagre i prodotti somministrati dovranno essere per almeno il 70% tra quelli inseriti nell’elenco regionale dei prodotti agroalimentari tradizionali di cui agli articoli 2 e 3 del decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali 8 settembre 1999, n. 350 (Regolamento recante norme per l’individuazione dei prodotti tradizionali di cui all’articolo 8, comma 1, del D.Lgs. 30 aprile 1998, n. 173) o comunque prodotti classificati e riconosciuti come DOP, IGP, DOC e DOCG della Regione Abruzzo o provenienti da agricoltura biologica, o da filiera corta a chilometri zero. Nelle feste popolari si dovrà utilizzare almeno il 40 % dei prodotti a filiera corta, chilometri zero e di qualità.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top