Cronaca e Giudiziaria

Regionali ufficio centrale corte d’appello riunito ieri… finalmente

A 16 giorni dal voto, al pianterreno del palazzo della Corte di Appello de L’Aquila, ieri si è riunito per la prima volta operativamente l’ufficio centrale regionale, che dovrà chiarire una volta per tutti i dubbi sugli eletti delle ultime Regionali. Lo sblocco dell’iter è avvenuto ieri sera, quando è arrivato per raccomandata dall’ufficio centrale circoscrizione di Pescara il plico contenente i verbali delle operazioni di voto di quella provincia.

Il ritardo, rispetto agli altri uffici circoscrizionali, è stato determinato dal fatto che a Pescara si è votato contemporaneamente per le elezioni europee, regionali e comunali, primo turno e ballottaggio, e anche per i referendum sulla «Nuova Pescara». L’organismo potrebbe concludere nella giornata di domani il suo lavoro, con l’attesa ufficializzazione della composizione del nuovo Consiglio da parte dei magistrati Rita Sannite, presidente, Silvia Rita Fabrizio e Armanda Servino, consiglieri di diritto, più i consiglieri supplenti Elvira Buzzelli e Armando De Aloysio.

Ora, dunque, l’ufficio centrale ha tutto il materiale numerico per aggregare i risultati elettorali di tutte e quattro le province, elaborare i calcoli, anche complessi, previsti dalla nuova legge elettorale, che è alla prima applicazione, per determinare la composizione del nuovo Consiglio regionale, stabilendo quali liste entrano nell’aula di palazzo dell’Emiciclo, con quanti seggi, e di quale circoscrizione. Dopo la proclamazione ufficiale vi sarà la possibilità, per i non eletti, di chiedere istanza di riconteggio ed eventualmente presentare ricorsi motivati al Tar Abruzzo. Alcuni candidati che rischiano di essere esclusi per una manciata di voti hanno già espresso questa intenzione.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top