Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Altri articoli

Rapina sventata grazie all’intervento dei Carabinieri, aggressore sotto processo


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Voleva solo difendere il frutto del suo duro lavoro in campagna. E per farlo è finito in ospedale. Ma vediamo i dettagli di quanto accaduto a E.A.M., un ragazzo straniero di 26 anni, che da anni lavora nella Marsica come bracciante agricolo.

Stanco dopo l’ennesima giornata di lavoro nei campi, stava tornando a casa con lo stipendio di 950 euro in tasca. Ma durante quella giornata, compie un’ingenuità che pagherà cara: confida ad un connazionale di avere quella somma con sé. Ed è proprio lungo la strada di ritorno nella sua casa di Paterno che, in località Pietragrossa, incontra il suo aggressore, B.M. 36 anni, munito di spranga di ferro e pronto a tutto, pur di farsi consegnare il bottino.

Il giovane viene prima minacciato e poi violentemente colpito con la spranga. Durante la colluttazione, ad un certo punto, l’uomo vede sopraggiungere altri connazionali, quindi preso dalla paura riesce a scappare e a nascondere il denaro. Dopodiché chiama immediatamente il “112”.

Poco  dopo, durante un giro di perlustrazione con le forze dell’ordine, E.A.M. riconosce uno dei suoi aggressori, proprio quello con la spranga, fuori da un bar. I Carabinieri, quindi, fermano e accompagnano B.M. nella stazione di Avezzano.

La vicenda risale a fine ottobre 2011 e di lì in poi si sviluppano le indagini del Pubblico Ministero Maurizio Maria Cerrato, che viene immediatamente informato dell’accaduto. L’arrestato, B.D.M. ( a seguito dei reati di tentata rapina e lesioni personali, previsti dagli artt. 110, 56,628,  582, e 585 c.p.) viene poi trasferito presso il carcere locale e viene nominato l’avvocato d’ufficio Giacomo Felli.

Il giovane brutalmente aggredito, assistito e difeso dagli avvocati Gianluca e Pasquale Motta, viene invece portato al Pronto Soccorso dell’ospedale di Avezzano, dove verrà curato per le lesioni riportate, giudicate guaribili in 20 giorni.

Ora l’aggressore è alla sbarra. E l’udienza, che si sarebbe dovuta tenere ieri presso il Tribunale di Avezzano, è stata rinviata al prossimo 3 luglio 2014.

 

1 Comment

1 Comment

  1. Emiliano Contestabile

    Emiliano Contestabile

    17 gennaio 2014 at 13:29

    per carità signore

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top