Attualità

Tagliacozzo, al via raccolta firme contro chiusura ospedale e pronto soccorso

E’ stata attivata dal consiglio regionale d’Abruzzo e dal presidente della Regione Luciano D’Alfonso una raccolta firme contro la chiusura dell’ospedale e del pronto soccorso di Tagliacozzo. “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”, come sancito dall’art. 32 della Costituzione Italiana. “È necessario continuare ad investire sul Servizio Sanitario Nazionale, affinché continui ad essere uno strumento di difesa di un diritto fondamentale, e la sanità privata deve ad esso affiancarsi, ma non sostituirsi – si legge nella petizione – lo Stato deve difendere e tutelare il Servizio Sanitario pubblico, nel suo inestimabile valore, e deve dare ad esso gli strumenti per ammodernarsi e proiettarsi nel nuovo millennio, non distruggerlo. Bisogna salvare l’ospedale Di Tagliacozzo Umberto 1 e il pronto soccorso, in quanto ricopre una vasta aerea interna, e garantisce prestazioni anche di primo soccorso utili a salvare molte vite, che in caso di chiusura, condannerete a morte certa. No alla chiusura, si al potenziamento”.

1 Comment

1 Comment

  1. Lucia

    9 agosto 2016 at 15:18

    C’è un’isattezza nell’articolo, la petizione è indirizzata al consiglio regionale e al presidente della Regione Abruzzo D’Alfolso, è stata creata dal comitato pro-ospedale e da tutti i cittadini di Tagliacozzo e frazioni che oltre ad amare il proprio territorio, difendono il diritto alla salute.
    L’ospedale e il pronto soccorso di Tagliacozzo copre una vasta aerea, e nel periodo estivo raggiunge il doppio della popolazione grazie a turismo, quindi è di vitale importanza che tutti noi, giornalisti e politici compresi, che abbiano una coscienza, difendiamo il diritto alla salute.
    Colgo l’occasione per invitare tutti alla manifestazione che si terrà il giorno 12 agosto alle ore 21:00 presso l’ospedale di Tagliacozzo Umberto I, per difendere i nostri diritti. SI ALLA SALUTE, SI ALLA VITA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top