Italia

Quirinale, Renzi ricomincia dal Pd

Matteo Renzi ricomincia dal Pd. Per la scelta del prossimo capo dello Stato il Pd punta a coinvolgere tutte le forza politiche, M5S compreso, ma il nome del candidato dovrà uscire dalle assemblee dei gruppi parlamentari dei democratici. Il segretario premier prova a ricucire con la minoranza, dopo lo strappo consumato sull’Italicum. A breve incontrerà di nuovo Pier Luigi Bersani per tentare una mediazione che scansi lo spettro dei franchi tiratori che nell’aprile del 2013 impallinarono Prodi. E in ogni caso l’identikit del candidato su cui puntare per la successione di Giorgio Napolitano dovrà essere in grado di unire tutte le anime del Pd. E poi sottoposto all’ok di Silvio Berlusconi. La segreteria del Pd convocata ieri dopo il vertice a Firenze ha fissato un primo calendario delle «consultazioni» che Renzi farà a partire da lunedì per un primo giro di orizzonte. Lunedì ci saranno le assemblee dei deputati e dei senatori con la delegazione del Pd che sarà guidata dallo stesso Renzi, dai vicesegretari e dai capogruppo. Martedì sarà la volta delle altre forze politiche. A partire da Forza Italia.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top