Connect with us

Politica

Questo non è un paese per Tasi!

Pubblicato

on

Con il presente comunicato stampa, si informa  che il Consiglio Comunale, nella seduta del 13/08/2014, su proposta del sottoscritto, Sindaco f.f. Dott. Antonio Iulianella, già assessore al Bilancio e tributi nella Giunta dell’Avv. Maurizio Di Nicola ora consigliere regionale,  ha deliberato l’azzeramento della tassa sui tributi servizi indivisibili (TASI) per l’anno 2014. La legge di stabilità n. 147 del 27/12/2013, continuando a trasferire la fiscalità e quindi le responsabilità sugli Enti Locali, iniziando  con il federalismo municipale, ha introdotto l’Imposta Unica Comunale (IUC). La nuova imposta unica, che tanto unica non è, si compone di Imu (la vecchia Ici), di Tari (ex Tares, Tarsu) e della nuova Tasi.  Quest’ultima è sostanzialmente una nuova tassa (con calcoli che ogni contribuente deve farsi da sé in quanto il comune non manda nulla di precompilato), dovuta a partire dall’anno 2014, con scadenze 16 giugno (posticipata ad ottobre) e 16 dicembre, da chiunque occupi locali, proprietari o inquilini, e si applica su tutti i fabbricati esistenti sul territorio comunale (abitazioni, negozi, uffici, capannoni) comprese le pertinenze (box, cantine, depositi), nonché sulle aree fabbricabili.

Il Comune di Pescina, pertanto, per l’anno 2014 non applicherà  la TASI e nulla quindi sarà dovuto dai nostri contribuenti.

Il provvedimento segue il programma di mandato dell’Amministrazione Comunale teso a  ridurre il livello di tassazione sui cittadini, secondo i limiti e le possibilità che il governo nazionale riserva ai comuni.

Per i nuclei familiari e per le attività produttive significa un risparmio notevole in un momento di difficoltà economica nazionale. Abbiamo siglato, sin dall’inizio del nostro insediamento,  un patto importante con i nostri cittadini che permette di pagare meno se tutti lo fanno, con l’intenzione di intensificare le azioni di contrasto all’elusione e all’evasione fiscale per i tributi comunali. Quindi se pagano tutti, tutti pagano di meno.

Nonostante il Comune è obbligato a fronteggiare il problema degli altri tagli imposti dai provvedimenti di spending review (riduzione della spesa) dal 2011 in poi, e considerato che, anche nel corrente anno i trasferimenti di denaro dallo Stato sono ulteriormente diminuiti, siamo riusciti ad evitare questo ulteriore sacrificio.

I tagli statali e i vincoli imposti dal Patto di Stabilità interno introdotto dall’anno 2013 (mai applicato al comune di Pescina),  impediscono e limitano notevolmente gli investimenti, le manutenzioni straordinarie e le opere pubbliche. Abbiamo risparmiato tanto nel corso di questi tre anni, ottenuto positivi ed ottimi risultati di amministrazione ed ora non possiamo utilizzare queste risorse, congelate per provvedimenti imposti dall’Europa e recepiti dallo stato italiano. Tuttavia con l’ingresso in sperimentazione volontaria dal 2014 per la nuova contabilità pubblica (obbligatoria da gennaio 2015 per tutti i comuni d’Italia), sono state liberate, a seguito di un riconoscimento di “premio” dallo Stato,   delle sufficienti somme utili alla realizzazione di qualche investimento. Pertanto siamo riusciti ad evitare ed eviteremo, fin quando concesso e possibile,  di ricorrere a ingiustificati aumenti di prelievi fiscali, lasciando invariate tutte le aliquote e le tariffe relative agli altri tributi,  applicando  solo le percentuali minime ed obbligatorie dettate dallo Stato  (Imu, Tari, Tosap, addizionale e  pubblicità). Anche il ticket mensa scolastica, ormai bloccato ad Euro 1,80 a pasto giornaliero,  è notevolmente ridotto  rispetto alla media dei comuni italiani e con il taglio  del 30% delle nostre indennità di carica, (provvedimenti adottati già dal 2011),  abbiamo favorito, nei limiti del possibile, l’occupazione temporanea di cittadini  disoccupati.

 

Dott. Antonio Iulianella

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Sviluppo aree interne, Di Pangrazio: Marsica beneficiaria dei fondi del Governo e della Regione Abruzzo

Pubblicato

on

San Vincenzo Valle Roveto – Il Presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio ha partecipato allo “scouting” sull’agricoltura tenutosi a San Vincenzo Valle Roveto per la strategia dell’Area interna Valle Giovenco – Valle Roveto – Villavallelonga. L’Area interessa 12 Comuni della Marsica ed è tra le cinque Aree dell’Abruzzo ammesse al sostegno del sistema di coesione dal Dipartimento dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il Presidente ha rappresentato l’impegno assunto dalla Regione Abruzzo a partire dal 2014 che ha portato al riconoscimento delle cinque Aree interne, che determinerà investimenti per circa 35 milioni di euro compartecipati dal Governo nazionale e dalla Regione Abruzzo. Nel suo intervento il Presidente Di Pangrazio ha confermato il pieno e convinto intervento della Regione Abruzzo e nel sostenere la strategia delle Aree interne, che sono un elemento strutturale della conformazione sociale ed economica dell’Abruzzo montano.

“La valorizzazione degli ambiti montani, con il contrasto alla caduta demografica, attraverso l’implementazione di servizi e di politiche di sviluppo – ha detto il Presidente nel suo intervento – è l’elemento vitale della strategia che, con il contributo finanziario dello Stato e della Regione Abruzzo, può determinare la nascita di innovativi modelli di sviluppo dell’Abruzzo montano. Il contributo degli attori locali, in sinergia con le istituzioni pubbliche, deve diventare il fattore vincente per nuove strategie di sviluppo. Non ultimo il contributo dei fondi comunitari che mostrano quanto sia attuale ancora oggi la funzione dell’Unione Europea. Rafforzare i processi di condivisione e coesione – ha concluso il Presidente – deve diventare fattore vincente per lo sviluppo delle Aree interne dell’Abruzzo e dell’intero nostro territorio regionale”.

Continua a leggere

Politica

Nuova cambio in consiglio comunale, Ceglie (Pd): decisioni prese in giunta da chi non aveva diritto a sedervi

Pubblicato

on

Avezzano“Sembra esserci una maledizione che impedisce alla giunta di Avezzano di procedere senza cambi di casacca, di Consiglieri, Assessori e Vicesindaci. Mediamente, nei quindici mesi che sono passati dalle Comunali, c’è stato un cambio ogni 40 giorni – lo ha dichiarato il segretario del PD Giovanni Ceglie – In alcuni casi è stato il Tribunale (TAR) o il Consiglio di Stato a riportare la Legalità per far fronte all’interpretazione della legge che oramai contraddistingue la vita Comunale. La diagnosi è che nessuno risulta ferrato in Diritto mentre invece la prognosi prevede la certezza che nessun attore principale ci rimetterà di tasca propria. Saranno i cittadini ad essere chiamati al pagamento delle spese dei ricorsi persi. Il tutto aggravato da decisioni prese in giunta da persone che non avevano diritto a sedervi”.

“La domanda oggi è: chi ha preso parte a decisioni di Giunta, Consiliari ed altro, occupando illegalmente il seggio Comunale, può operare scelte serene e immuni da influenze politiche di chi, proditoriamente, lo ha investito della carica o non è più realistico pensare che si sarà comportato da vassallo? – si chiede Ceglie – Ciò che però sorprende dopo questa terza bocciatura è l’assuefazione ai cambi di rotta: sul Vangelo, sulle inettitudini della Minoranza (che alla fine è arruolata in Maggioranza), sulla coerenza di taluni Consiglieri (che passano da un’alleanza all’altra oppure da una Lista qualunque ai tanto denigrati Partiti) ed infine su talune scelte strutturali non ottimali (come la pista ciclabile o lo spostamento del Mercato); tutti argomenti che dovrebbero indignarci e farci gridare allo scandalo. La risposta è che tutto ciò non avviene perché siamo nella Terza Repubblica, dove contano le chiacchiere più della sostanza”.

 

Continua a leggere

Politica

Annalisa Cipollone riottiene il seggio in Consiglio, fuori Paciotti

Pubblicato

on

Intanto, è stata fissata per il 20 settembre la riunione dei capigruppo. Tra i consiglieri convocati oggi, 18 settembre, risulta Francesco Paciotti, chiamato per la “Programmazione dei lavori del prossimo consiglio comunale”

Avezzano – Il TAR Abruzzo ha accolto il ricorso di Annalisa Cipollone che rivendicava l’assegnazione del seggio in Consiglio fino ad oggi occupato da Francesco Paciotti.

Candidata nella coalizione “Insieme”a sostegno di Gabriele De Angelis, con Francesco Paciotti, nella lista “Innovazione per Avezzano”, si era attestata seconda nelle preferenze dopo Emilio Cipollone, fido braccio destro di De Angelis, seguita da Francesco Paciotti; Emilio Cipollone rinunciò al seggio per ricoprire la carica di vicesindaco, e al suo posto subentrò Paciotti.

Dopo la sentenza della cosiddetta “anatra zoppa”, che decretò la perdita della maggioranza per De Angelis, furono riassegnati i seggi alla Coalizione di Di Pangrazio e risultò che alla lista “Innovazione per Avezzano” spettava un solo seggio, ma, nella proclamazione, fu confermato consigliere Francesco Paciotti. La Consigliera, dopo essersi inutilmente rivolta al Comune, ha presentato ricorso al TAR, che le ha dato ragione: legittimamente eletta dai cittadini, ha diritto al seggio in Consiglio. Il TAR inoltre chiarisce come l’irregolarità sia sorta dall’inizio, dalla prima proclamazione degli eletti effettuata dal presidente Forgillo, annullata poi dalla sentenza dell'”anatra zoppa”. Il ricorso della Cipollone, vale la pena ricordare, era suffragato anche da un documento della prefettura, arrivato il 10 marzo, circa un’ora prima del consiglio comunale che ha ratificato la sentenza del Consiglio di Stato. La nota del prefetto Giuseppe Linardi era indirizzata alla presidente del consiglio, Iride Cosimati e recitava: “A parere di questa prefettura, la composizione del consiglio è rimessa alle determinazioni del Comune, affinché sia resa coerente con la proclamazione degli eletti e con il risultato elettorale”. La Cipollone, secondo la prefettura, doveva entrare in consiglio. La presidente Cosimati, il 19 marzo (dieci giorni dopo il consiglio), aveva chiesto un parere al segretario generale Manuela Alfieri. La risposta di quest’ultima, dopo la consultazione con Guido Blandini dell’Avvocatura comunale, porta la data del 21 marzo. Secondo i legali del Comune non sussistevano elementi nuovi per modificare il consiglio.

Tra le righe della sentenza del TAR, pubblicata poco dopo le 10 di stamane, gli elementi utili, per Annalisa Cipollone, ad avanzare poderose richieste risarcitorie. Nei mesi scorsi, numerosi sono stati i richiami da parte delle opposizioni sul punto, ma il Consiglio avezzanese non ha dato seguito nemmeno alle relative note del Prefetto, continuando a deliberare con un organo non legittimamente deputato. Sulle eventuali responsabilità saranno chiamati a esprimersi gli organi competenti.

Circa gli scenari che si aprono con questa ultima novità, occorrerà attendere le decisioni della Cipollone, i cui rapporti con De Angelis non parevano idilliaci. Dopo due proclamazioni degli eletti, due sentenze del Tar e una del Consiglio di Stato, ben quattro cambi di giunta e diversi cambi di casacca, preceduti dalla trasformazione radicale del primo cittadino da “Sindaco civico” a “Sindaco targato Forza Italia” dopo pochi mesi dall’ingresso a Palazzo di Città, in poco più di un anno dalle elezioni, sarà difficile stupire ancora gli avezzanesi ma, stando a “voci di corridoio” si profilano ulteriori colpi di scena. Intanto – difetto di notifica? Distrazione? –  è stata fissata per il 20 settembre la riunione dei capigruppo e tra i consiglieri convocati oggi, 18 settembre, risulta Francesco Paciotti, chiamato per la “Programmazione dei lavori del prossimo consiglio comunale”.

“Soddisfazione per la ricomposizione finale del consiglio comunale”, è stata espressa da un serafico sindaco Gabriele De Angelis tramite una nota diramata dal suo portavoce, Roberto Alfatti Appetiti. “Finalmente si chiude la lunga parentesi processuale – commenta il primo cittadino –  con il ritorno in consiglio di Annalisa Cipollone. A nome personale e della maggioranza, coesa e compatta intorno al programma di mandato, do il bentornato alla consigliera, nella consapevolezza che offrirà un contributo importante all’attività amministrativa. Un ringraziamento – conclude De Angelis – lo rivolgo anche a Francesco Paciotti, per l’impegno profuso sinora”.

“Ripristinata la legalità e la piena volontà popolare dei cittadini avezzanesi. Quel che dispiace e ci duole – sottolinea Roberto Verdecchia – è che per gli errori palesi degli altri (vedasi e leggasi ex Presidente del Tribunale Forgillo su cui ci sarà molto da discutere nelle opportune sedi giudiziarie) la maggioranza che non aveva luogo di essere alla data dell’8 febbraio, grazie alla campagna acquisti oggi sembrerebbe essersi fortificata. Ma durerà e supererà le nuove elezioni alle porte?…”

 

sentenza Cipollone

 

Continua a leggere

Abruzzo

#Elezioni regionali, è ufficiale: si voterà il 10 febbraio 2019

Pubblicato

on

L’Aquila. Dopo tanta incertezza a seguito delle dimissioni di D’Alfonso e le liti scaturite tra le varie forze politiche della regione, finalmente è stata resa nota la famigerata data delle elezioni regionali. Il presidente vicario della Regione Abruzzo Giovanni Lolli ha fissato al 10 febbraio 2019, la data per l’elezione del Presidente della giunta e per il rinnovo del consiglio regionale. L’Abruzzo dunque si prepara per la chiamata alle urne.

La decisione è stata sancita d’intesa con la Presidente della corte d’appello dell’Aquila Fabrizia Francabandera e sentito il presidente del consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio. Domani Lolli firmerà il decreto di fissazione della data delle elezioni con la conseguente convocazione dei comizi elettorali.

Continua a leggere

Politica

Infrastrutture: il presidente Di Pangrazio chiede incontro urgente al ministro Toninell

Pubblicato

on

Regione – Il Presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, dando seguito alla riunione tenuta l’ undici settembre scorso con le rappresentanze sindacali e sociali abruzzesi, ha scritto una lettera al Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli avente ad oggetto la richiesta di un incontro urgente per la messa in sicurezza, il caro pedaggi, le convenzioni e la gestione delle infrastrutture autostradali in Abruzzo. Il Presidente ha illustrato nella nota le criticità esaminate nell’ incontro tenutosi a Palazzo dell’Emiciclo con i portatori d’interesse sociale, pubblici e privati. “Ho comunicato al Ministro che l’incontro si è chiuso con l’unanime invito alla Presidenza del Consiglio regionale di istituire un coordinamento di tutti gli attori sociali abruzzesi per per attivare contestualmente un rapporto istituzionale con lo stesso Ministero, al fine di pervenire ad una comune ricognizione delle urgenti e gravi problematiche emerse anche nella riunione. Vista l’urgenza del tema affrontato, ho chiesto al Ministro di stabilire una data a breve per un incontro necessario al fine di formulare le necessarie ipotesi di un proficuo e condiviso piano di lavoro sugli interventi di messa in sicurezza, sulla gestione, sulla contrattualistica di.lavoro e le garanzie occupazionali . Sul caro pedaggi – aggiunge Di Pangrazio – confermo che parteciperò, in rappresentanza della nostra Regione, alla manifestazione dei sindaci a Roma indetta per il 19 settembre, per ribadire con forza le ragioni dei cittadini abruzzesi alle prese con continui aumenti del pedaggio e al contempo con infrastrutture attualmente poco sicure. Credo basti ormai con l’onere delle autostrade più care d’Italia. Visto il territorio altamente sismico in cui viviamo, le nostre infrastrutture devono essere le più sicure d’Italia con costi compatibili con lo sviluppo economico dell’Abruzzo. Auspico una risposta rapida e urgente da parte del Ministro Toninelli”.

Continua a leggere

Attualità

Piedicolle di Montereale, taglio del nastro per il Centro di raccolta intercomunale

Pubblicato

on

Provincia – Si è tenuta nella mattinata di venerdì 14 settembre, l’inaugurazione del Centro di raccolta intercomunale a servizio di Montereale, Capitignano e Campotosto, realizzato dal Comune di Montereale in zona artigianale Piedicolle e affidato alla gestione di Aciam, l’azienda consorziale d’igiene ambientale marsicana.

Il taglio del nastro, attuato da Massimiliano Giorgi, sindaco di Montereale, Maurizio Pelosi, sindaco di Capitignano, Luigi Cannavicci, sindaco di Campotosto, insieme a Lorenza Panei, presidente di Aciam, si è tenuto in un clima di festa, alla presenza delle autorità militari locali, delle Pro loco e degli alunni delle classi 4ª e 5ª della scuola di Montereale, presenti con le insegnanti, che hanno partecipato con entusiasmo anche a un’attività didattica sul posto. Nel Centro, che si estende per circa 500 mq, i diversi materiali saranno selezionati e poi inviati ai consorzi di filiera facenti capo al CONAI e al Centro di coordinamento RAEE. Soddisfazione è stata espressa dalla presidente di Aciam, Lorenza Panei, che ha sottolineato l’importanza di questa tipologia d’implementazione dei servizi, “Una scelta che mira al massimo recupero dei materiali”, ha ricordato la Presidente, “per la salvaguardia dell’ambiente e l’ottimizzazione delle risorse. Una strada in salita ma l’unica possibile per un futuro sostenibile”. Il CdR sarà accessibile nei giorni di giovedì, venerdì e sabato, dalle 9 alle 13, anche per il conferimento dei rifiuti ingombranti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Continua a leggere

Attualità

Mercato del sabato, si cambia: dal 6 ottobre sarà su via Garibaldi

Pubblicato

on

Avezzano – Si è tenuta in Comune una riunione tra i rappresentanti di categoria degli ambulanti e il vicensindaco Lino Cipolloni insieme agli assessori Renata Silvagni (Attività produttive) e Leonardo Casciere (Sicurezza) per la definizione dello spostamento del mercato del sabato.

Ormai da mesi l’amministrazione si sta occupando della sistemazione del mercato, per far sì che ci sia un adeguamento alle più aggiornate regole in materia di sicurezza.

Anche alla luce dei lavori pubblici avviati e della nuova viabilità che a breve disciplinerà il traffico del centro della città (la delibera che tratta la pedonalizzazione di un primo tratto di via Corradini è attesa per l’inizio della prossima settimana), si è reso necessario uno spostamento del mercato, in un’area più agibile, più comoda da raggiungere e soprattutto più sicura.

“Gli ambulanti hanno proposto la soluzione di spostare il mercato su via Mazzini ma a seguito del cambiamento che ci sarà per la viabilità nel centro e al rispetto delle esigenze legate alla circolazione del servizio pubblico del trasporto della Scav, questa opzione è stata scartata”, commenta il vice sindaco Cipolloni, “ci sarebbero troppo disagi. Abbiamo valutato insieme le soluzioni su via Einaudi e via Garibaldi e alla fine, di concerto con i rappresentanti degli ambulanti, si è scelta l’opzione di via Garibaldi, che ha già un ampio consenso tra gli associati”.

Il nuovo mercato partirà da piazza Orlandini e si svilupperà su via Garibaldi in direzione via Nuova.

Il mercato rimarrà a piazza Torlonia per sabato 15, 22 e 29 settembre. La nuova location sarà a partire da sabato 6 ottobre.

“Una soluzione condivisa andava trovata anche per salvaguardare la riqualificazione di piazza Tolonia su cui l’amministrazione ha scelto di investire per renderla più bella e accogliente per i cittadini”, continua Cipolloni, “la piazza sarà riconsegnata alle famiglie in una veste totalmente rinnovata, con un parco giochi nuovo e facilmente accessibile anche ai disabili. In quanto al mercato, ora procederemo”, conclude, “con una regolarizzazione delle posizioni. Stiamo comunicando ai circa 150 ambulanti che devono mettersi in regola rispetto alle normative vigenti. A seguire sarà redatta una nuova graduatoria dove chi non sarà in regola non potrà usufruire dell’assegnazione dello stallo”.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com