Connect with us

Giudiziaria

Quasi linciaggio di Celano, misure cautelari per una marea di persone

Pubblicato

on

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Avezzano e della Stazione di Celano hanno proceduto all’esecuzione di 7 misure cautelari nei confronti di altrettanti celanesi, per i reati di resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale.
La vicenda che ha dato origine ai provvedimenti risale al novembre 2013: nel centro di Celano verso l’ora di cena si scatena, per precedenti motivi d’astio, una violenta lite all’interno di un bar, tra un cittadino kosovaro ed un italiano. I due si fronteggiano tentando di ferirsi con strumenti da taglio, ma vengono separati. In poco tempo si raduna, di fronte all’esercizio commerciale, una nutrita folla, (dapprima 50 persone che crescono velocemente fino a diventare circa 300), alcune della quali, seriamente intenzionate a chiudere la questione con forme di giustizia sommaria, chiedono a gran voce la “consegna” dello straniero.
I primi ad intervenire sul posto sono i Carabinieri della Stazione di Celano e della Compagnia di Avezzano seguiti dalla Polizia Municipale di Celano, che si frappongono, tra la folla inferocita e l’extracomunitario. Malgrado i tentativi di riportare le persone alla ragione, l’acredine scatenata da alcuni soggetti che, tra le ingiurie rivolte ai militari operanti, cercano comunque di farsi largo per raggiungere l’avversario, suggerisce di rifugiare lo straniero all’interno del bar, abbassando le saracinesche e ponendosi a difesa del locale. Immediati sono giunti i rinforzi dal Comando Provinciale Carabinieri di L’Aquila e dalle Compagnie di Sulmona e Tagliacozzo. Carabinieri in ausilio per dissuadere le persone dal commettere atti sconsiderati ed evitare una sicura tragedia; la presenza e la fermezza delle forze dell’ordine ha consentito di riportare la calma in capo folla, non senza qualche difficoltà dovuta ed alcuni attimi di tensione fomentata dai più facinorosi; alla fine, calata l’eccitazione, è stato creato un cordone di sicurezza volto ad evitare il linciaggio dell’extracomunitario da parte della folla e l’uomo è stato allontanato dal luogo.
I provvedimenti dell’autorità giudiziaria, è bene dirlo, non sono scaturiti dalla lite verificatasi in precedenza nel bar: quella storia che vede lo straniero e l’italiano coinvolti, è sfociata in un diverso procedimento (nel quale sono stati entrambi deferiti per minaccia aggravata) ed è ancora al vaglio dei giudici. Lo straniero, all’epoca dei fatti senza permesso di soggiorno, è stato espulso dal territorio nazionale, mentre nei confronti di un suo connazionale residente in altro comune, coinvolto marginalmente nelle fasi iniziali della vicenda e comunque denunciato per possesso di strumenti atti ad offendere, è stato emesso un foglio di via obbligatorio con il divieto di fare rientro nel comune di Celano.
Al vaglio della magistratura è stata la condotta di alcuni che, prima dell’arrivo dei rinforzi, pensando di avere facilmente ragione dei pochi Carabinieri e dei agenti della Polizia Municipale, per primi intervenuti sul posto, non si sono fatti remora di assaltare il personale operante, incitando la folla ed ingiuriando pesantemente i militari accusati di proteggere un criminale. Loro, i Carabinieri, con serena fermezza ed in linea con i loro doveri e valori, hanno impedito che la vicenda degenerasse in più gravi conseguenze ed hanno proceduto, seppure a fatica, anche nell’accertamento dell’episodio verificatosi in precedenza all’interno del locale. La decisione della magistratura ha ritenuto di stigmatizzare, anche, la condotta di chi, con il proprio agire, ha ostacolato l’operato dei Carabinieri intervenuti proprio per accertare i fatti connessi alla lite.
Raggiunti dai provvedimenti per i reati di “resistenza a pubblico ufficiale” aggravata ed “oltraggio a pubblico ufficiale” sono stati: T.V. 37enne, L.M. 38enne, P.G. 38enne, P.V. 27enne, tutti con recidiva specifica infraquinquennale, sottoposti all’obbligo di dimora nel Comune di residenza con divieto di uscire dall’abitazione dalle 20.00 alle 07.00, e D.P.A. 58enne, C.G. 21enne e M.G. 32enne, sottoposti all’obbligo di presentazione alla P.G.. Un provvedimento, sia pure cautelare, che rende giustizia dell’operato e della serena fermezza posta dai Carabinieri e dagli agenti della Polizia Municipale, e che sancisce con chiarezza come, a prescindere dalle ragioni (in questa circostanza neppure prese in esame, perché parte di altro procedimento) nessuno possa sentirsi autorizzato ad imporre con la forza la propria volontà, prevaricando chi per fede e professione è posto a tutela dei cittadini e del diritto.

Abruzzo

POLIZIA DI STATO:L’AQUILA. MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA, ARRESTATO UN CINQUANTENNE

Pubblicato

on

Nella giornata di ieri personale della Squadra Mobile di L’Aquila – Reati contro la persona ha eseguito l’ordinanza con cui il GIP del Tribunale di L’Aquila, Dr. GARGARELLA, su richiesta del P.M., Dr.ssa D’AVOLIO, ha disposto l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un 50nne aquilano.
Il provvedimento è stato determinato al termine delle indagini svolte dagli investigatori della Squadra Mobile, che hanno raccolto gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell’uomo in ordine ai reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, ricostruendo, attraverso fondamentali testimonianze, episodi di violenza compiuti dallo stesso nei confronti della coniuge.
Le indagini, avviate a seguito della querela presentata dalla moglie, hanno evidenziato che l’uomo dal 2017, e in più occasioni, ha maltrattato la donna anche in presenza dei figli minori, con vessazioni morali e fisiche, tanto che la malcapitata è dovuta ricorrere più volte alle cure dei sanitari del Pronto Soccorso dell’Ospedale San Salvatore. Il comportamento dell’uomo, inoltre, ha reso la vita familiare oltremodo penosa generando nei congiunti un clima di terrore e disagio.
L’uomo, al termine delle formalità di rito, è stato associato presso il proprio domicilio, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, da cui già da tempo la consorte, insieme con i figli, si era allontanata.

Continua a leggere

Abruzzo

CASO UOMO SCOMPARSO A S.BENEDETTO. SPUNTA IPOTESI OMICIDIO

Pubblicato

on

San Benedetto. Spunta l’ipotesi omicidio sul caso della scomparsa di Collinzio D’Orazio, il 51enne di San Benedetto dei Marsi di cui si sono perse le tracce dal primo febbraio. Delle perquisizioni sono state eseguite ieri all’interno di alcune abitazione del paese dai carabinieri della compagnia di Avezzano. Si cercano probabilmente indumenti e altri indizi che possano portare alla soluzione di quello che sta acquisendo sempre di più i caratteri di un giallo.

Il sostituto procuratore della Repubblica di Avezzano, Lara Seccacini, ha aperto un fascicolo per omicidio contro ignoti e l’ipotesi di morte violenta non è più esclusa. Sono state esaminate anche delle immagini riprese da un circuito video in paese dove ci sarebbero gli ultimi momenti in paese del 51enne scomparso il primo febbraio quando si è allontanato  da casa.

I carabinieri della stazione di San Benedetto e della compagnia di Avezzano, coordinati dalla procura, non tralasciano alcuna pista. Avrebbero infatti  già ascoltato delle persone su cui sorgono dei sospetti. Sull’indagine c’è il massimo riserbo.

Il caso è finito anche sulle reti nazionali, a Chi l’ha visto e a La vita in diretta. I genitori dell’uomo, intervistati, hanno ipotizzato un allontanamento volontario. “Io penso che sia tra i barboni, a Roma”, ha affermato l’anziano, “lo diceva spesso. Poi si lavava le mani trenta volte al giorno”.   Sembra che alla base dell’allontanamento ci sia è stata una discussione con l’anziana madre che avrebbe portato il marsicano a fare quella che lui stesso avrebbe definito “una passeggiata per schiarirsi le idee”.

Continua a leggere

Giudiziaria

Presunto omicidio della badante di Colli di Monte Bove, al via il processo a carico del compagno

Pubblicato

on

Carsoli – Avrà inizio mercoledì in Corte d’Assise il processo per il presunto omicidio di Iuliana Catalin Bucataru, badante romena di 38 anni, a carico del connazionale Andrei Feru, muratore di 52 anni. Il dramma si è consumato il 5 novembre scorso in un’abitazione di Colli di Monte Bove, frazione di Carsoli. L’uomo, difeso dall’avvocato Paolo Trani, dovrà rispondere di omicidio volontario. La sorella della vittima è, invece, assistita dall’avvocato Angelo Iacomini.

Alla base del presunto omicidio ci sarebbe una lite domestica poi sfociata in tragedia. Il medico legale, Cristian D’Ovidio, nel corso dell’esame autoptico ha, infatti, accertato che la donna presentava numerose fratture al cranio e alle costole, la milza rotta, denti caduti ed altre piccole lesioni in più parti del corpo. Elementi, secondo l’accusa, incompatibili con una caduta accidentale.

A rafforzare la tesi dell’accusa anche il sopralluogo effettuato dai carabinieri del Ris di Roma che, nel corso di un’ispezione sulla scena del crimine,  in presenza del pm Cerrato e dello stesso medico legale, hanno riscontrato tracce ematiche sul muro, nel bagno e nella camera da letto.

Continua a leggere

Giudiziaria

Santa Croce: Tribunale L’Aquila assolve patron Colella su reato fiscale

Pubblicato

on

Canistro – Il giudice del Tribunale dell’Aquila Giuseppe Romano Gargarella ha assolto con formula piena Camillo Colella, patron della Santa Croce, e il commercialista Carmine Gatti, nell’ambito del processo scattato in seguito all’accusa di aver attestato all’Agenzia delle entrate informazioni non veritiere sulla situazione patrimoniale e contabile della Società. A renderlo noto la stessa Santa Croce, che era concessionaria della sorgente di acqua minerale Sant’Antonio Sponga di Canistro (L’Aquila) prima della revoca, impugnata dal sodalizio, dalla Regione nell’ambito di un serrato e lungo contenzioso ancora in corso. La società, proprietaria dello stabilimento di Canistro e del marchio di rilievo nazionale, è tornata ad imbottigliare con la più piccola sorgente Fiuggino. L’acqua minerale della sorgente più grande finisce invece da circa due anni nel fiume Liri, a causa dello stallo del bando del 15 dicembre 2016 che ha portato finora alla sola aggiudicazione provvisoria al gruppo nazionale Norda. 

La vicenda è riferita alla redazione e alla firma, nel novembre 2014, della relazione di attestazione allegata al Piano industriale per le annualità 2015-2023″, presentato all’Agenzia delle entrate dalla Sorgente Santa Croce. Si tratta di una situazione legata all’acquisizione, negli anni precedenti fin dal 2008, da parte dell’imprenditore molisano della vecchia gestione dell’attività di imbottigliamento nella sorgente Sant’Antonio Sponga, segnata da una grave esposizione debitoria, sia nei confronti dell’erario, sia nei confronti dei fornitori. In quel caso, si apprende da fonti aziendali, la nuova governance ha fatto una scelta rateizzando i debiti, anche attraverso la rottamazione, con il fisco per mandare avanti la gestione corrente. Una strategia che nel corso degli anni ha pagato, in quanto la società è riuscita nel risanamento, nonostante negli ultimi due anni abbia perso la concessione della preziosa acqua in riferimento alla sorgente più grande, anche se sull’argomento pende un contenzioso con la Regione. La società ha spostato una parte della produzione in uno stabilimento molisano e in tal modo ha continuato a distribuire in Italia la nota acqua minerale.  

Secondo l’accusa Gatti, incaricato da Colella di redigere la relazione, avrebbe esposto fatti non veritieri, “omettendo di riferire informazioni rilevanti sulla reale situazione contabile della società”, di indicare il valore del magazzino, le immobilizzazioni di materiali, l’ammontare dei crediti, e di segnalare la situazione debitoria dell’azienda verso fornitori ed erario. La difesa di Colella e Gatti, affidata al legale Roberto Fasciani, del foro di Avezzano, ha dimostrato durante il dibattimento, l’infondatezza di queste accuse.  

A seguito dell’esame dei testi Franco Susi e Stefania Ussorio, funzionari dell’Agenzia delle Entrate, è emerso, come si legge nella sentenza di assoluzione emessa il 6 giugno scorso, e che fa seguito alla richiesta dello stesso pubblico ministero, che l’atto “non aveva contenuto e potenzialità ingannatoria, ma era semplicemente insufficiente ed inidoneo allo scopo”, e infatti non è stato accolto, in quanto la relazione non è stata ritenuta convincente, non consentendo alla direzione competente dell’Agenzia delle entrate di compiere una valutazione”. 

 

Continua a leggere

Giudiziaria

Furto aggravato, arrestato pregiudicato ventiquattrenne

Pubblicato

on

Avezzano – Nella mattinata odierna gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di Avezzano hanno eseguito una misura cautelare degli arresti domiciliari per furto aggravato,  a carico di un 24enne, di origini campane ma residente in Marsica da alcuni anni. La misura  è stata emessa dal G.I.P. presso il  Tribunale di Avezzano, su richiesta del P.M. D.ssa Seccacini, al termine delle indagini effettuate dagli investigatori e dirette all’identificazione dell’autore di un tentato furto aggravato in una villetta in zona San Pelino di Avezzano.

Nell’occasione due uomini, mentre tentavano di accedere  all’interno della abitazione,  si erano dati alla fuga all’arrivo del proprietario e degli uomini  della Volante del Commissariato intervenuta sul posto. Gli elementi raccolti dagli investigatori della Squadra Anticrimine hanno fatto emergere svariati indizi probatori  che hanno consentito di  identificare nel giovane uno degli autori  del tentativo di furto. Dopo gli adempimenti di rito l’uomo è stato accompagnato presso la sua abitazione a disposizione della Autorità Giudiziaria.

Continua a leggere

Attualità

Esclusivo: Guardia di Finanza a Lecce nei Marsi

Pubblicato

on

Di nuovo la presenza delle Forze dell’Ordine a Lecce nei Marsi, precisamente nei pressi del Centro Medisalus di Arnaldo Aratari, già noto alle cronache per i fatti che lo hanno visto destinatario, insieme ad altri, di una Ordinanza di Custodia in Carcere, in parte scontato presso Carcere di Rebibbia a Roma. Ciò si comprende dallo scenario che questa mattina è sotto gli occhi di tutti: la Guardia di Finanza e probabilmente anche il Corpo Forestale dello Stato, unitamente ai Sindaci di Lecce e Gioia dei Marsi (anch’essi presenti sul luogo delle operazioni), sembra stiano ispezionando il sistema fognario che serve quella precisa zona.

E’ possibile che tale operazione possa riguardare lo stato in cui verte quel pezzo di territorio, sul quale insiste da tempo una Ordinanza del Comune di Gioia che vieta l’abbeveramento degli animali e l’irrigazione dei campi, per un accertato inquinamento del fosso Aquilella che dovrebbe ricevere solo le acque bianche provenienti dai lavaggi degli ortaggi e che invece riceve anche le acque nere di eventuali scarichi abusivi. E’ verosimile ritenere che gli operatori della Guardia di Finanza stiano effettuando gli opportuni accertamenti (che mai nessuno ha ritenuto di dover eseguire in questi anni) per la verifica della natura e dell’entità dell’inquinamento.

Come da prassi, le diverse industrie dedite al lavaggio degli ortaggi hanno l’opportunità di scaricare, dopo una opportuna decantazione per eliminare il terriccio, le proprie acque (definite bianche) nel fosso a cielo aperto. Il fosso Aquilella confluisce nella piana del Fucino per dare quindi acqua pulita da utilizzare proprio per l’irrigazione e per le altre attività legate all’agricoltura. Il danno in questo caso è doppio: in primo luogo l’inquinamento causato, ovviamente, da qualcuno che abusivamente (ma con il beneplacito di qualcuno) ha scaricato le proprie acque nere nella stessa condotta e poi il mancato utilizzo delle preziose acque bianche.

Al momento non si conoscono i dettagli dell’operazione. A breve altri aggiornamenti

Continua a leggere

Giudiziaria

Ruba 13 caloriferi e 140 chili di rame, arrestato cinquantaquattrenne

Pubblicato

on

Carsoli – La Stazione Carabinieri di Carsoli, nell’ambito di un servizio perlustrativo dedito al contrasto dei reati contro il patrimonio, posto in essere nel Comune di Oricola, ha tratto in arresto per “furto aggravato” un 54enne del luogo, con precedenti specifici di polizia.

I militari operanti sono intervenuti all’interno del capannone industriale di una ditta dismessa della zona industriale di Oricola, ove hanno bloccato l’uomo intento ad accatastare 13 caloriferi di vari elementi. L’attività investigativa espletata nell’immediatezza ha permesso di accertare che la citata refurtiva era stata precedentemente asportata da una azienda inattiva ubicata nelle vicinanze. Le successive perquisizioni veicolari e domiciliari hanno consentito di recuperare anche 140 Kg di rame, sottratti dai medesimi stabilimenti industriali, nonché numerosi arnesi atti allo scasso. L’arrestato è stato tradotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari come disposto dall’Autorità Giudiziaria, in attesa dell’udienza di convalida.

Continua a leggere

In Evidenza