Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Altri articoli

Quasi linciaggio a Celano: la parola a “La Destra”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

“BASTA è ora di ridare l’Italia agli Italiani, La Marsica ai Marsicani e che i Celanesi si riprendano Celano” così inizia il comunicato del Segretario de La Destra di Celano Lucio Perrotta, “L’ultimo episodio in ordine di tempo la dice lunga, Ora Basta! Fuori chi non lavora , fuori chi non giustifica come si mantiene, fuori chi vive di prepotenza e intimidazioni, Celano è stanca, con questi soggetti pericolosi il pane non lo si può più dividere. SVEGLIAMOCI “… continua ancora Lucio Perrotta, “La prepotenza di questi stranieri è venuta fuori dal grande disagio sociale di cui nessuno parla, in cui versa il nostro territorio, dalle nostre Piazze gestite per lo spaccio, la prostituzione, estorsione. Ora basta anche con le mezze misure, gli articoli di giornale e lo stupore di una settimana.

Servono azioni decise, come il coprifuoco per gli stranieri ed extracomunitari che non lavorano e che non riescano a dimostrare con quali mezzi si garantiscono il sostentamento e debbono essere cacciati, (ma non trasferiti come è successo da Luco dei Marsi a Trasacco, da Trasacco a Celano), posti di blocco mirati soprattutto contro quei soggetti che sfrecciano sulle vie cittadine a bordo di bolidi di grossa cilindrata con all’interno mazze, piede di porco, martelli… Vengano controllati e fermati quei soggetti che adescano minorenni per la vendita di stupefacenti e chissà poi per cosa altro, considerato che molti di loro sono abituati ed educati al disprezzo più assoluto delle donne di qualsiasi età. Se necessario, intervenga anche l’Esercito, a dare sostegno alle forze dell’Ordine che si ritrovano troppo spesso, senza organico e senza soldi, ma nonostante tutto sempre presenti. E’ arrivato il momento – conclude Lucio Perrotta – che venga alzata la voce non solo dei cittadini ormai esasperati, ma anche dai Politici che contano e nella Marsica ne abbiamo tanti. Ora Basta!.

Click per commentare

0 Comments

  1. Pierluigi Aleksandrovič Lustri

    20 novembre 2013 at 12:05

    Qualcuno mi ripaghi i tre minuti della mia vita buttati nel cesso per leggere ste cagate immonde.

    • Andrea Maceroni

      20 novembre 2013 at 12:36

      qualcuno invece mi ripaghi i 5 secondi di vita buttati per leggere il tuo commento!!!almeno si costruttivo…io non ho letto cagate, io ho letto una situazione di disagio che si allarga in tutta la Marsica…ad Avezzano è la stessa cosa e numerosi sono i problemi causati da gente nullafacente, che viene in Italia per fare come vuole….non voglio fare dell’erba un fascio perché questo è colpa anche di una amministrazione(locale e nazionale) che, vuoi per la crisi o per incapacità, non sa risolvere il problema….Ripeto, non sono tutti delinquenti,conosco gente straniera che si fa il mazzo tutto il giorno e vive bene nel contesto sociale, ma non possiamo negare che nel nostro territorio la delinquenza è un problema serio.

    • P.U.L.

      20 novembre 2013 at 12:42

      Se mi dici dove sei te li ripago io i minuti…Rientra a casa all’ora di pranzo e trovala vuota e sfasciata, prova a farti una passeggiatina dopo le 22:00 e vedi chi trovi, alzati la mattina e vai a lavorare per pagare pure loro che non fanno un cavolo dalla mattina alla sera, o se sei più in gamba,oltre ad essere extracomunitario, come pensi di farla finita….

  2. Marina Cerasoli

    20 novembre 2013 at 12:12

    Perché?

  3. angela

    20 novembre 2013 at 13:54

    dato che l’italia è degli italiani e la marsica dei marsicani…. immagino che non siano previste “azioni decise come il coprifuoco” per gli italiani e i marsicani che “non lavorano e che non riescano a dimostrare con quali mezzi si garantiscono il sostentamento” e “posti di blocco mirati soprattutto contro quei soggetti che sfrecciano sulle vie cittadine a bordo di bolidi di grossa cilindrata con all’interno mazze, piede di porco, martelli… Vengano controllati e fermati quei soggetti che adescano minorenni per la vendita di stupefacenti e chissà poi per cosa altro, considerato che molti di loro sono abituati ed educati al disprezzo più assoluto delle donne di qualsiasi età”. ANCHE IO RIVOGLIO I MINUTI DELLA MIA VITA SPRECATI A LEGGERE QUESTE CAZZATE!!!

  4. angela

    20 novembre 2013 at 14:03

    quello che mi stupisce non è il fatto che esista NEL 2013 gente con queste idee, ma che esista ancora gente che risponda al grido “ridare l’Italia agli Italiani, La Marsica ai marsicani”…

  5. angela

    20 novembre 2013 at 14:24

    solo un aggettivo : FASCISTI!!!

    • Andrea Maceroni

      20 novembre 2013 at 16:38

      Ma fascisti di cosa…siamo fascisti noi che permettiamo di fargli fare tutto o loro che quando capiti nel loro paese guai a lasciare una donna senza il velo, ad avere una religione diversa…SVEGLIATI Angela, loro sanno già che quando vengono in italia possono fare come gli pare….siamo un popolo di perbenisti che si sta facendo mettere i piedi in testa….altro che galera e reinserimento sociale…te ne torni al tuo paese!!!

      • angela

        20 novembre 2013 at 17:14

        Nel 2013 non s può scrivere”l italia agli italiani e la marsica ai marsicani”. Esistono stranieri ke commettono reati, ma esistono anke italiani ke commettono reati…però dato che l’italia è degli italiani sono giustificati!!!non facciamo come sempre di tutta l’erba un fascio.ripeto:fascista chi ha scritto queato comunicato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top