Connect with us

Cultura

Qualità artistica ripagata da un grande successo di pubblico al Festival Internazionale Di Mezza Estate di Tagliacozzo

Pubblicato

on

Si è concluso ieri sera a Tagliacozzo la 30° edizione del Festival Internazionale di Mezza Estate.
Sono stati circa 10.000 gli spettatori per gli oltre 50 appuntamenti con musica, teatro, cinema e danza che per 26 giorni hanno animato i pomeriggi e le serate tagliacozzane. Il grande successo di pubblico ha riguardato sia i grandi nomi come Amanda Sandrelli, Enrico Brignano, Danilo Rea, Irio De Paula, Rosalia De Souza, Lino Guanciale che la sezione dedicata al cinema e gli spettacoli della sezione “giovani talenti” introdotta in occasione del trentennale del Festival grazie alla collaborazione con l’Associazione “Amici del Festival di Mezza Estate”.
Tutto esaurito anche per gli ultimi due spettacoli di una delle rassegne più longeve d’Abruzzo. Giovedì sera, 21 agosto, circa 400 spettatori hanno affollato piazza Obelisco per lo spettacolo di danza “Tango passione argentina” con le splendide coreografie di Luigi Martelletta. In uno spettacolo originale e coinvolgente, la scuola classica della danza si è incontrata con la passione popolare dei tangueros. Ieri sera, venerdì 22 agosto, piena anche la suggestiva piazzetta III Molini per la proiezione di “io la conoscevo bene” di Antonio Pietrangeli, regista di origini abruzzesi celebrato nell’ambito del Festival con un’accurata retrospettiva, una mostra fotografica, un dibattito sulla critica cinematografica e il concorso “sala di proiezione” per la migliore recensione. Grazie alla collaborazione con il Festival Internazionale del Film di Roma, per i giovani vincitori del concorso, ora c’è la possibilità di far parte della giuria giovanile della prestigiosa manifestazione romana.
Confermando la vocazione internazionale del Festival, quest’anno da Tagliacozzo sono passati grandi artisti italiani e artisti provenienti da Brasile, Ungheria, Polonia, Germania, Argentina offrendo al pubblico del Festival Internazionale di Mezza Estate spettacoli di grande qualità realizzati nello splendido scenario di uno dei borghi più belli d’Italia.
Il programma del Festival, articolato e interdisciplinare, ha spaziato dal teatro al cinema, dalla danza alla musica, offrendo spettacoli estremamente differenziati capaci di intercettare i più diversi gusti di un pubblico attento e appassionato. Turisti e cittadini della Marsica hanno potuto godere per quasi un mese di arte, cultura e bellezza: dalla ricerca teatrale su testi di fantascienza messa in scena da Lino Guanciale alla raffinata e coinvolgente musica Klezmer del trio polacco “Magda Brudzinska”, dai virtuosismi di Danilo Rea e Irio De Paula al suggestivo “notturno d’autore” che ha utilizzato come scenografia naturale gli angoli più affascinanti del centro storico di Tagliacozzo, dall’eclettica Banda Osiris ai raffinati spettacoli di danza curati da etoile come Diana Ferrara e Luigi Martelletta, dal cineclub pomeridiano al grande cinema all’aperto. Tra i momenti che hanno animato la 30° edizione del Festival Internazionale di Mezza Estate vale la pena di citare lo strepitoso cameo di Enrico Brignano che, ritirando un premio alla carriera, ha voluto regalare al suo pubblico un vero e proprio inedito teatrale raccontando, con grande spettacolarità, la sua vita di attore.
La 30° edizione del Festival Internazionale di Mezza Estate ha richiesto uno sforzo organizzativo ancora maggiore e ancora più importante a fronte di risorse economiche sempre più esigue. L’amministrazione di Tagliacozzo ha ritenuto che i tagli non dovessero colpire la cultura perchè essa è uno strumento fondamentale per affrontare una crisi che è epocale e globale. Per la comunità tagliacozzana la cultura è utile alla crescita morale e civile dei cittadini ma anche a comprendere quali sono le vocazioni economiche del territorio: teatro, musica, paesaggio, architettura, arte e bellezza sono risorse economiche fondamentali per tutti i territori abruzzesi. È per questo che il Festival si svolge da 30 anni nel centro storico di Tagliacozzo: per valorizzare, insieme alle performance degli artisti, anche il patrimonio storico e culturale di borghi da rivalutare e rivivere.
Con il suo cartellone denso di appuntamenti e la sua storia trentennale, il Festival Internazionale di Mezza Estate si conferma come una delle rassegne più importanti della regione Abruzzo, oltre che come un vero e proprio patrimonio culturale da difendere e potenziare per tutto il territorio della Marsica e della Provincia de L’Aquila.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

“Va, pensiero, sull’ali dorate”, Jacopo Sipari porta il Nabucco di Verdi in Lettonia

Pubblicato

on

Marsica – Il giovane direttore d’orchestra abruzzese, Jacopo Sipari di Pescasseroli, debutta Sabato 27 Gennaio sul podio del prestigioso Teatro dell’Opera e del Balletto di Riga in Lettonia con il capolavoro di Giuseppe Verdi, “Nabucco” con il quale aveva già riscosso un grandissimo successo all’Opera di Belgrado. E’ il debutto di Sipari presso l’Opera Nazionale Lettone (LNO), il principale teatro della Lettonia e uno dei più prestigiosi d’Europa. Il teatro è la sede dell’Opera e del Balletto Nazionale. La compagnia stabile si formò poco dopo l’indipendenza della nazione, nel 1918, e due anni più tardi vi si creò la compagnia di danza. Progettato dall’architetto Ludwig Bohnstedt, aprì i battenti nel 1863 con il nome di Teatro Tedesco di Riga. Distrutto da un incendio nel 1882, venne ricostruito sulla base del progetto originario da Reinholds Schmaeling: i lavori terminarono nel 1887. Dal 2003 al 2007 è stata diretta da Andris Nelsons uno dei più grandi direttori d’orchestra al mondo. Straordinario il cast con Evez Abdulla (Nabucco), Yulianna Bawarska (Abigaille), Andris Ludvigs (Ismaele), Romāns Poļisadovs (Zaccaria). “La prima volta che ho diretto Nabucco – dice Sipari –  avevo 26 anni e Abigaille era la grande Dimitra Theodossiou. Mi sembrava talmente incredibile che potessi lavorare con lei che in prova neanche l’avevo riconosciuta. Ho sempre amato profondamente quest’opera, sicuramente l’opera di Verdi che amo di più insieme ad Otello e Aida. Un’opera intrisa di spirito di libertà, di forza, di carattere, di energia senza eguali. Ogni volta che la dirigo provo emozioni diverse. Spero tanto di poterla portare a Tagliacozzo Festival”. Nabucco (il titolo originale completo è Nabucodonosor) è la terza opera lirica di Giuseppe Verdi e quella che ne decretò il successo. Composta su libretto di Temistocle Solera, Nabucco fece il suo debutto con successo il 9 marzo 1842 al Teatro alla Scala di Milano alla presenza di Gaetano Donizetti. È stata spesso letta come l’opera più risorgimentale di Verdi, poiché gli spettatori italiani dell’epoca potevano tracciare paralleli tra la loro condizione politica e quella degli ebrei soggetti al dominio babilonese. Questa interpretazione però fu il risultato di una lettura storiografica retroattiva che, alla luce degli avvenimenti storici occorsi, volle sottolineare in senso risorgimentale l’attività artistica del compositore. La lettura fu incentrata soprattutto sul famosissimo coro Va, pensiero, sull’ali dorate, intonato dal popolo ebraico, ma il resto del dramma è invece incentrato sulle figure drammatiche dei Sovrani di Babilonia Nabucodonosor II e della sua presunta figlia Abigaille. L’opera venne realizzata dopo un periodo travagliato della vita di Verdi, in quanto non solo egli era andato incontro ad un fiasco con la rappresentazione della sua opera Un giorno di regno il 5 settembre 1840, ma aveva anche subito la morte della moglie Margherita Barezzi e dei figli Virginia e Icilio. Ciò lo aveva condotto ad un rifiuto totale di comporre brani musicali, se non che venne contattato dall’impresario teatrale Bartolomeo Merelli il quale gli propose un libretto composto da Temistocle Solera. Tale libretto, il quale recava il nome di Nabucco colpì a tal punto Verdi che accettò volentieri di musicare l’opera. Nel 1841 venne completata la partitura musicale e il successivo 9 marzo 1842 l’opera venne messa in scena alla Scala di Milano. Di ritorno dalla Lettonia Sipari è atteso con la Sinfonica Abruzzese al debutto al Parco della Musica – Sala Sinopoliper uno straordinario concerto con la star del jazz Cinzia Tedesco. Il concerto verrà poi riproposto all’Aquila nella stagione della Istituzione Sinfonica Abruzzese il 2 Febbraio. Subito dopo la Sinfonia n.3 di Tchaikovsky con l’Orchestra della Radio e Televisione di Belgrado e la Sinfonia n.2 di Brahms con l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Tirana.

Continua a leggere

Attualità

Eppure Soffia, al Teatro dei Marsi va in scena uno spettacolo sulle battaglie delle donne

Pubblicato

on

Avezzano – Donne, correnti e cambiamenti: il 4 gennaio al Teatro dei Marsi di Avezzano alle 21,00. Eppure Soffia, la poesia nella musica italiana, affronta il suggestivo tema delle battaglie sociali che hanno impegnato le donne in Italia e nel mondo, dagli anni settanta ad oggi. Un viaggio raccontato con musiche e parole, con le canzoni di Iva, Caterina, Patty, Mina, Loredana, Mia, Teresa, Giuni, Gianna e Paola che saranno il filo musicale. Un euro di ciascun biglietto sarà devoluto a La Casa delle Donne della Marsica Be Free cooperativa sociale contro tratta, violenze e discriminazioni. Centro Antiviolenza e casa rifugio h 24 finanziato dal bando 8 per mille della Chiesa Valdese.

Testi di Federico Del Monaco.

Regia di Roberto Carattoli, aiuto regia di Annalisa Martorelli.

Attori: Francesca Palumbo, Giuseppe Ippoliti, Alessandro Carattoli, Diletta Laezza, Alessandro Scafati, Alessandra Barbonetti, Francesco Ruggeri, Marisa Di Bastiano, Roberta Placida.

Cantanti: Alessandra Stornelli, Renzo Lanciotti, Simona Di Profio, Dajana Barbonetti, Manola Mione, Greta D’Avolio, Carlo Alberto Ippoliti.

Musicisti: Renzo Lanciotti, Fabrizio Pierleoni, Fabio Colella, Alessandra Stornelli.

Tecnici: Giada Giffi, Federico Carattoli.

Graphic Designer: Fabrizio Del Monaco.

Prevendita biglietti attiva presso il Punto informativo di Avezzano (angolo Corso della Libertà con Via Monsignor Pio Bagnoli) lunedì, mercoledì e venerdì dalle 18:00 alle 19,30.

 

Continua a leggere

Abruzzo

Il Maestro Riccardo Muti parla di Napoli tramite due Abruzzesi

Pubblicato

on

Napoli: Il Maestro Riccardo Muti, nella tarda mattinata di ieri, insieme ad alcuni Cantati lirici impegnati nella produzione Mozartiana al San Carlo ha incontrato i ragazzi del carcere minorile di Nisida.
Il Maestro durante l’incontro ha trattato diversi argomenti; uno di questi è stato spiegare ai giovani di come si possa parlare di una grande città come Napoli attraverso la Musica; il grande Direttore, però, questa volta per parlare della sua amata Napoli non ha utilizzato le “solite” arie di musica napoletana, ma ha scelto un aria da Camera scritta dal Pescarese Gabriele D’Annunzio e musicata dal compositore di Ortona a Mare, Francesco Paolo Tosti; entrambi Abruzzesi; in titolata ” A vucchella” tradotta in ” la boccuccia”.
In riferimento a quest’aria il Maestro Muti ha fatto notare l’ottima rappresentazione del carattere tipico napoletano, con una scrittura molto partenopea e frivola ma allo stesso tempo, passionale e armoniosa. Inoltre si è soffermato sull’importanza dell’espressione musicale e sulla grande libertà espressiva che si può avere rispettando, però, i parametri scritti dall’autore.
Sul testo e su dove sia nata quest’aria ci sono molte dicerie a riguardo; si dice, che, sia stata scritta nel caffè “Gambrinus” in piazza Plebiscito difronte il teatro San Carlo, e che Gabriele D’Annunzio abbia preso ispirazione da una ragazza napoletana che era seduta li mentre sorseggiava un caffè.
Attualmente il Maestro Riccardo Muti, che torna a Napoli dopo 34 anni dall’ultima opera, sta concludendo gli ultimi giorni di prova del “Così fan tutte”, uno dei più grandi capolavori Mozartiani, sotto la regia di sua figlia Chiara Muti con un cast stellare.
Direttore | Riccardo Muti
Maestro del Coro | Gea Garatti
Regia | Chiara Muti
Scene | Leila Fteita
Costumi | Alessandro Lai
Luci | Vincent Longuemare
Interpreti:
Fiordiligi, Maria Bengtsson; Dorabella, Paola Gardina; Guglielmo, Alessio Arduini; Ferrando, Pavel Kolgatin; Despina, Emmanuelle de Negri; Don Alfonso, Marco Filippo Romano.
Aleandro Mariani
Continua a leggere

Cultura

Una giornata di studio dedicata all’intellettuale avezzanese Ugo Maria Palanza

Pubblicato

on

Avezzano – L’Associazione culturale Ugo Maria Palanza, presieduta da Lia Palanza, e l’amministrazione comunale di Avezzano, assessorato alla Cultura, hanno organizzato per venerdì 9 novembre una Giornata di studio dedicata all’illustre intellettuale avezzanese “Ugo Maria Palanza, Il senso del tempo”.
Si terrà venerdì 9 novembre 2018 la Giornata di studio e approfondimento sulla figura di Ugo Maria Palanza. La giornata si divide in due momenti. Il primo, solenne, si terrà alle ore 11 nell’aula consiliare del Municipio di Avezzano e sarà introdotto dal saluto del Sindaco Gabriele De Angelis, cui seguiranno gli interventi di Lia Palanza, presidente dell’associazione culturale “Ugo Maria Palanza”, di Armando Palanza, giornalista Rai e di Angelo Guido Sabatini, scrittore ed ex assessore del Comune di Avezzano.
Il secondo appuntamento della giornata è alle ore 17 del 9 novembre presso l’aula Magna del Liceo Classico Torlonia, intitolata allo stesso Ugo Maria Palanza. Questo il programma: saluti istituzionali diAnna Maria Fracassi, dirigente scolastico del Liceo Statale Torlonia – Bellisario, e di Pierluigi Di Stefano, assessore alla Cultura del Comune di Avezzano. Seguiranno gli interventi di Lia Palanza, Angelo Guido Sabatini, Walter Capezzali, presidente Deputazione Abruzzese di Storia Patria. Modera Armando Palanza. Al termine dei lavori, sempre nell’Aula Magna, ci sarà il concerto dei Maestri Francesco Mammola (mandolino) e Giulia Mangone (pianoforte).
Continua a leggere

Cultura

L’acquedotto e la cloaca maxima di Alba Fucens tema di un libro, sabato la presentazione

Pubblicato

on

Alba Fucens – Un nuovo studio sull’archeologia del Fucino sarà presentato sabato 27 ottobre alle 17 ad Alba Fucens, presso “L’Alchimista del Borgo Medievale”. Alla presentazione del libro dal titolo “Studi sull’opera poligonale tra Alta Valle del Salto e Fucino L’acquedotto e la cloaca maxima di Alba Fucens di Dario Rose” interverranno Alessandra Ten, docente alla Sapienza di Roma, Daniela Liberatore , docente all’Università degli Studi di Foggia e Emanuela Ceccaroni della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio Abruzzo.

Continua a leggere

Cultura

“Il Palazzo Ducale di Tagliacozzo: dalle origine ai nostri giorni, prospettive di restauro e utilizzo”

Pubblicato

on

Tagliacozzo“Il Palazzo Ducale di Tagliacozzo: dalle origine ai nostri giorni, prospettive di restauro e utilizzo” è il tema del convegno in programma per oggi, 13 ottobre, alle 16 nelle scuderie del Palazzo ducale di Tagliacozzo. Ecco il programma dettagliato dell’evento.

Si inizia con i saluti istituzionali del sindaco di Tagliacozzo Vincenzo Giovagnorio, del presidente del Consiglio regionale dell’Abruzzo Giuseppe Di Pangrazio, dell’assessore ai lavori pubblici della Regione Abruzzo Lorenzo Berardinetti e di  Rosaria Mencarelli della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio dell’Abruzzo.

A seguire una serie di interventi di natura storica: Leonardo Saviano, docente emerito di Storia delle dottrine politiche all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Dalla torre dei de Pontibus al palazzo comitale degli Orsini; Domenico Colasante, storico e urbanista. Dal palazzo comitale degli Orsini al palazzo ducale dei Colonna; Fernando Pasqualone, storico dell’arte. Gli affreschi e le decorazioni del palazzo.

L’evento si conclude con interventi di natura tecnico amministrativa: Antonella Lopardi, Funzionario della Soprintendenza alle belle arti dell’Aquila e Storico dell’arte. Storia dei restauri del palazzo ducale di Tagliacozzo nei secoli XX e XXI; Clara Verazzo, Professore associato di restauro- dipartimento di Architettura dell’ Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio”. Esame critico dei restauri eseguiti nel palazzo ducale di Tagliacozzo; Mirco Crisante, autore della tesi “Palazzo ducale di Tagliacozzo, dall’analisi al progetto di riuso”. Ipotesi di restauro e di destinazione del palazzo ducale di Tagliacozzo; Emidio Primavera, dirigente Regione Abruzzo. Procedura amministraiva regionale della destinazione dei fondi Masterplan e Roberta Marcelli, Dirigente ufficio tecnico Comune di Tagliacozzo. Procedura amministraiva comunale del restauro del palazzo ducale di Tagliacozzo.

Continua a leggere

Cultura

Convegno sulla Grande Guerra, Di Pangrazio: “Fare memoria per la pace futura”

Pubblicato

on

Avezzano – Questa mattina il Presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio ha partecipato al Convegno “I campi dei prigionieri in Abruzzo nella Grande Guerra” organizzato dalla Pro Loco di Avezzano nel Palazzo Torlonia, alla presenza di studiosi, cittadini e di una numerosa delegazione di studenti. Nel suo intervento il Presidente ha ricordato che la Prima Guerra Mondiale resta il simbolo negativo di una generazione di giovani sradicata dalla propria terra e sacrificata per la guerra, una generazione che vissuto giorni, mesi, anni in una lontana regione della Penisola, tra disagi estremi: uccidendo per non essere uccisa. In Abruzzo in quegli anni bui furono costruiti due campi di concentramento per i prigionieri di guerra austroungarici. Il primo a Sulmona, in località Fonte d’Amore, e l’altro nella città di Avezzano. Il Campo di concentramento di Sulmona fu progettato e costruito per ospitare fino a 10.000 prigionieri austroungarici, e quello di Avezzano fino a 15.000. Precarie condizioni di detenzione, che aggravarono lo stato psico-fisico dei soldati, già minato da mesi di stenti e privazioni a causa della guerra, un clima rigido,  la malnutrizione, i ritmi lavorativi pesanti, il sovraffollamento, la mancanza di igiene, chiamano alla memoria delle giovani generazioni un vincolo per dedicarsi alla pace con assoluta determinazione. “A distanza di un secolo dobbiamo  raccogliere quel lungo, soffocato grido alla pace  – ha sostenuto il Presidente nel suo intervento – ed affermare la responsabilità di un vocabolario  cent’anni fa inesistente o ancora sconosciuto , che sappia costruire parole ed eventi di dialogo, solidarietà, corresponsabilità: il vocabolario della pace, della libertà, dell’uguaglianza da percorrere insieme . Fare memoria per la pace futura – ha concluso il Presidente – è  il compito affidato ad ogni cittadino; ma, nello specifico, è la missione che impegna innanzi tutto ed irrevocabilmente gli uomini impegnati nel governo delle Istituzioni pubbliche”.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com