Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Altri articoli

Province: firmato protocollo salvaguardia occupazione


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

“Riteniamo importante la salvaguardia dei livelli occupazionali. Le riforme, così necessarie ed indispensabili per questo paese, devono essere accompagnate da una partecipazione delle rappresentanze dei lavoratori e dalla salvaguardia dei livelli occupazionali”.

Con queste parole Graziano Delrio, Ministro agli Affari Regionali ha firmato assieme ad Anci e sindacati confederali il protocollo di salvaguardia dei livelli occupazionali, “primo passo del percorso di riforma dei livelli istituzionali”, ovvero la riforma dei enti locali. Il ministro era affiancato dal presidente della conferenza delle Regioni Vasco Errani che ha ringraziato tutti i presenti, ma si e’ detto dispiaciuto per
l’assenza di rappresentanti delle province: “Abbiamo cercato di coinvolgerli, ma
non hanno voluto partecipare”.

Articolato in otto punti, il protocollo firmato prevede un tavolo permanente di confronto, a partire dalle unioni di comuni e dal riordino delle province. Gli eventuali percorsi di mobilita’ non incideranno sui limiti delle amministrazioni riceventi. Verranno avviati percorsi di riqualificazione e valorizzazione professionale e ci sara’ la possibilita’ di internalizzare i servizi ‘in-house’ per garantire i livelli occupazionali. Il protocollo prevede anche il monitoraggio della contrattazione decentrata e, a livello territoriale, i dati e misure relative agli eventuali esuberi di personale. “Una vera riforma non puo’ prescindere anzi deve fondarsi sulla valorizzazione dei lavoratori in qualunque ambito, area vasta, area vasta metrpolitana, comune, regione”, ha aggiunto il ministro. Soddifatti i sindacati. Per Nicola Nicolosi, segretario nazionale Cgil “Con questo percorso i lavoratori possono partecipare al processo di riforma di cui la PA ha terribilmente bisogno.

“Le riforme agli enti locali – ha proseguito Nicolosi – non si fanno contro chi ci lavora dentro. Questo protocollo rappresenta quindi una nota positiva, in un periodo dove tutto cio’ che e’ pubblico e’ preso di mira -il delegato ricorda poi i 5 anni senza rinnovo contrattuale e 140mila dipendenti precari. Soddisfatte anche Cisl e Uil, i cui delegati erano anch’essi presenti alla firma. “E’ una delle prime volte che si firma un accordo del genere”, ha spiegato il presidente della conferenza delle Regioni Vasco Errani. “Il punto fondamentale – ha ricordato il governatore dell’Emilia-Romagna – vuole che il processo di riforma debba essere accompagnato dagli impegni dei diversi livelli e delle diverse istituzioni, che si devono far carico affinche’ questo priocesso sia sostenibile”.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top