Connect with us

Abruzzo

Protezione Civile: tutte le novità regionali

Pubblicato

on

Destinare risorse finanziarie, nell’ambito del Programma Operativo Regionale Abruzzo F.E.S.R. 2014-2020, per garantire il necessario supporto ai Comuni ai fini della predisposizione, aggiornamento, applicazione e diffusione dei piani comunali di Protezione civile. E’ una delle principali novità annunciate dall’assessore regionale alla Protezione civile, Mario Mazzocca, che lunedì 6 ottobre, alle 9.30, parteciperà all’Aquila all’evento di presentazione dell’Accademia di protezione civile.

Un appuntamento importante che vedrà anche la presenza del capo della Protezione civile, il prefetto Gabrielli, che nei giorni scorsi ha incontrato a Roma lo stesso Mazzocca per discutere le principali iniziative che la Regione Abruzzo intende assumere in questo campo. “Siamo disponibili -spiega Mazzocca – a favorire l’organizzazione di “Strutture comunali, ovvero la formazione di ‘Ambiti territoriali’ di protezione civile da determinare con appositi criteri e modalità, per consentire che i compiti specifici siano svolti, in luogo del singolo Comune, anche da Consorzi o Associazioni di Comuni in forza del principio associativo e cooperativo. Inoltre, stiamo lavorando alla predisposizione di Linee Guida per i piani intercomunali di protezione civile, con l’obiettivo di fornire un modello di intervento che assicuri una risposta maggiormente operativa in caso di emergenza e favorisca la messa in condivisione dei mezzi e delle risorse. Ad oggi possiamo affermare con soddisfazione che il 98% dei Comuni abruzzesi (su un totale di 305 comuni) è dotato di un Piano d’Emergenza, redatto in modo semplice e chiaro così da divenire rapidamente operativo in tutte le emergenze, in linea con le previsioni legislative statali e regionale. Crediamo che sia stata finalmente acquisita la consapevolezza che ‘fare protezione civile’ non significa solo affrontare in qualche modo e alla meno peggio un’emergenza. Significa organizzare ed erogare sul territorio, in modo costante e continuativo, un servizio di pubblica utilità. Un percorso che intendiamo proseguire con costanza e dedizione per tenere sempre alto il livello di attenzione alle delicate tematiche legate alla tutela del territorio”.

Abruzzo

TRIVELLE: CONFINDUSTRIA ABRUZZO DIFENDE PRIVILEGI E AFFARI CHE UCCIDONO IL PIANETA

Pubblicato

on

Comunicato stampa di AbruzzoH2O;

Abbiamo ascoltato le sconcertanti anche se già conosciute prese di
posizione di Confindustria Abruzzo che al The Abruzzo continua, dopo la
sconfitta su Ombrina, a difendere pervicacemente le trivelle e gli
idrocarburi. Tutto ciò nonostante tutti gli studi degli scienziati e lo
stesso accordo di Parigi impongono di trasformare la nostra economia
rendendola libera da petrolio, carbone e gas, le fonti fossili che stanno
uccidendo il Pianeta con i cambiamenti climatici. La Terra è in fiamme e
loro pensano agli affari.

Confindustria si scaglia contro l’aumento di 25 volte dei canoni per le
concessioni, dimenticando di ricordare che finora l’Italia per i profitti
dei petrolieri era un vero paese di Bengodi visto che pagavano canoni
irrisori di pochi euro a kmq. L’aumento era un atto ineludibile e anche
parziale rispetto agli enormi danni che questi progetti arrecano al
territorio che vengono completamente esternalizzati. Anzi, se prendiamo
anche le royalty che non sono state modificate ancora oggi i petrolieri
godono di privilegi impensabili per qualsiasi altro settore economico.

Inoltre Confindustria Abruzzo si contraddistingue per posizioni che
giudichiamo assai arretrate anche da un punto di vista industriale. Il
provvedimento del Governo blocca, purtroppo, solo le ricerche e non le
estrazioni già in atto. Veramente Confindustria pensa che è ancora tempo di
cercare in Abruzzo nuovi giacimenti da sfruttare nel 2030-2040 quando
dovremo aver abbandonato i pozzi che stiamo sfruttando ora riconvertendo la
produzione energetica e scommettendo su settori ad alta intensità di lavoro
come rinnovabili, efficienza energetica e risparmio?

Invece di chiedere di tornare al passato sfidiamo Confindustria Abruzzo a
rispondere a questa semplice domanda: la scienza sostiene che in questi 12
anni si decidono le sorti del Pianeta, si vogliono prendere la
responsabilità di mettere a rischio la vivibilità della Terra per le
prossime generazioni solo per continuare a fare profitto?

Continua a leggere

Abruzzo

LA CROCE ROSSA DI OVINDOLI RINGRAZIA PER L’ACQUISTO DELLA NUOVA AMBULANZA

La croce rossa di Ovindoli ringrazia tutti quell che hanno contribuito all’acquisto della nuova ambulanza

Pubblicato

on

La Croce Rossa Italiana Unità Territoriale di Ovindoli è lieta di annunciare l’avvenuto acquisto della nuova autoambulanza che servirà al nostro territorio per rispondere alle varie emergenze.
“Abbiamo impiegato circa due anni per raggiungere tale obiettivo ed oltre le nostre forze dobbiamo sentitamente ringraziare:
La famiglia Ciminelli che da diversi anni finanzia con il ricavato del memorial “Mario Ciminelli” le nostre attività e in maniera significativa all’acquisto del mezzo.
Marco Angelosante e famiglia che hanno donato, a chiusura della loro attività, la merce rimanente all’interno del negozio dando a noi la possibilità di venderla utilizzando il ricavato per l’acquisto dell’ambulanza.
Ringraziamo inoltre le varie associazioni che hanno contribuito a tale scopo.

Inoltre ma non con minore importanza ringraziamo tutti i cittadini e non e le varie attività
commerciali che ci hanno supportato.

GRAZIE DI CUORE A TUTTI “

Continua a leggere

Abruzzo

PER IL TERRITORIO DELL’ABRUZZO INTERNO È NECESSARIO UNO SVILUPPO SIGNIFICATIVO E ARMONICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE.

Pubblicato

on

PER IL TERRITORIO DELL’ABRUZZO INTERNO È NECESSARIO UNO SVILUPPO
SIGNIFICATIVO E ARMONICO DELLE
La Confesercenti del Centro Abruzzo intende riaprire subito il confronto
con il nuovo Governatore dell’Abruzzo e i Consiglieri regionali eletti nel
Collegio della Provincia del’Aquila.
Lo scopo è quello di dare un seguito concreto al Documento programmatico
che l’Associazione di categoria ha già avuto modo di presentare nel corso
dell’ultima campagna elettorale. Si tratta di un documento strategico per
sostenere, con un’azione di sistema, le istanze delle imprese in un momento
cruciale per la competitività del territorio, basato su punti strutturati
per offrire alla politica una prospettiva strategica territoriale, con
progetti tesi a favorire lo sviluppo, il sostegno alle imprese (in
particolare alle PMI) nel mondo 4.0, favorire la crescita e l’occupazione,
in particolare quella giovanile.
Sono obiettivi imprescindibili senza i quali non sarà possibile contrastare
disuguaglianza e povertà, favorire lo sviluppo di un’economia circolare,
ridurre i divari e garantire una crescita inclusiva e dinamica.
Per la Confesercenti del Centro Abruzzo, tutto questo assume una valenza di
alto livello strategico, se condivisa con chi si appresta a gestire la
Regione, perché il servizio politico deve essere la forma più alta di
servizio pubblico svolto nella ricerca del bene comune, al servizio di ogni
imprenditore, di ogni addetto e, soprattutto dei tanti giovani e adulti
disoccupati che stentano ad entrare o a rientrare nel difficile mercato del
lavoro. Per questo è stato organizzato un incontro con il Presidente della
Regione Abruzzo, Marco Marsilio e i Consiglieri regionali eletti nel
Collegio dell’Aquila: Americo Di Benedetto, Emanuele Imprudente, Giorgio
Fedele, Guido Liris, Marianna Scoccia, Roberto Santangelo e Simone
Angelosante.
L’incontro si terrà giovedì 14 marzo 2019, a partire dalle ore 19.00, nella
suggestiva cornice del “Mercato Pratola Centrale”, a Pratola Peligna (AQ)
in Via SS 5 Dir

La Confesercenti del Centro Abruzzo intende riaprire subito il confronto
con il nuovo Governatore dell’Abruzzo e i Consiglieri regionali eletti nel
Collegio della Provincia del’Aquila.
Lo scopo è quello di dare un seguito concreto al Documento programmatico
che l’Associazione di categoria ha già avuto modo di presentare nel corso
dell’ultima campagna elettorale. Si tratta di un documento strategico per
sostenere, con un’azione di sistema, le istanze delle imprese in un momento
cruciale per la competitività del territorio, basato su punti strutturati
per offrire alla politica una prospettiva strategica territoriale, con
progetti tesi a favorire lo sviluppo, il sostegno alle imprese (in
particolare alle PMI) nel mondo 4.0, favorire la crescita e l’occupazione,
in particolare quella giovanile.
Sono obiettivi imprescindibili senza i quali non sarà possibile contrastare
disuguaglianza e povertà, favorire lo sviluppo di un’economia circolare,
ridurre i divari e garantire una crescita inclusiva e dinamica.
Per la Confesercenti del Centro Abruzzo, tutto questo assume una valenza di
alto livello strategico, se condivisa con chi si appresta a gestire la
Regione, perché il servizio politico deve essere la forma più alta di
servizio pubblico svolto nella ricerca del bene comune, al servizio di ogni
imprenditore, di ogni addetto e, soprattutto dei tanti giovani e adulti
disoccupati che stentano ad entrare o a rientrare nel difficile mercato del
lavoro. Per questo è stato organizzato un incontro con il Presidente della
Regione Abruzzo, Marco Marsilio e i Consiglieri regionali eletti nel
Collegio dell’Aquila: Americo Di Benedetto, Emanuele Imprudente, Giorgio
Fedele, Guido Liris, Marianna Scoccia, Roberto Santangelo e Simone
Angelosante.
L’incontro si terrà giovedì 14 marzo 2019, a partire dalle ore 19.00, nella
suggestiva cornice del “Mercato Pratola Centrale”, a Pratola Peligna (AQ)
in Via SS 5 Dir

Continua a leggere

Abruzzo

SICUREZZA CANTIERI: PROTOCOLLO INTESA TRA COMUNE CARSOLI E L’ENTE FORMAZIONE E SICUREZZA ESE-CPT DELLA PROVINCIA DELL’AQUILA

Pubblicato

on

L’AQUILA, 21 febbraio – Un protocollo d’intesa finalizzato alla consulenza, a titolo gratuito, in materia di prevenzione degli infortuni nei cantieri, è stato firmato nei giorni scorsi tra il Comune di Carsoli rappresentato dal Sindaco, Velia Nazzarro e l’Ente di Formazione e Sicurezza ESE-CPT della Provincia dell’Aquila, rappresentato dal presidente, Giovanni Cirillo, dal vice presidente, Luigi Di Donato, e dal direttore, Lucio Cococcetta.

L’accordo prevede, tra le altre cose, controlli nei cantieri nel territorio comunale, attivati dalle imprese che acquisiscono appalti di competenza del Comune di Carsoli.

“I tecnici dell’ESE-CPT nel corso delle visite nei cantieri, oltre a verificare l’attuazione delle misure antinfortunistiche, esamineranno la documentazione di cantiere e suggeriranno alle imprese le buone prassi per il miglioramento dei livelli di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro e individueranno eventuali situazioni di rischio da correggere o da eliminare”, ha spiegato il presidente Cirillo.

Il sindaco Nazzarro ha sottolineato che “con la firma dell’importante protocollo d’intesa, il Comune di Carsoli ha inteso innalzare l’attenzione verso la prevenzione degli infortuni nei propri cantieri, grazie alla collaborazione con soggetti istituzionali e qualificati quali sono i CPT, alla luce dell’imminente avvio dei cantieri per la ricostruzione pubblica legati anche al terremoto del 6 aprile 2009”.

Continua a leggere

Abruzzo

Tornimparte, Ambulatorio per il trattamento delle demenze e dell’Alzheimer

Pubblicato

on

Ha preso il via a Tornimparte, l’ambulatorio per il trattamento delle demenze e dell’Alzheimer nell’ambito del progetto sull’invecchiamento attivo “Il territorio attiva la mente” promosso dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con l’Associazione Creativamente.

L’Ambulatorio sarà aperto ogni mercoledì dalle 9.30 alle 12.30, con attività di stimolazione cognitiva, a San Nicola di Tornimparte, nei locali della ex scuola elementare.

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI 3288232381

Continua a leggere

Abruzzo

MORINO : CONIUGI AGLI ARRESTI DOMICILIARI PER FURTO AGGRAVATO.

Pubblicato

on

Approfittando della relazione domestica che si era instaurata da tempo con un nucleo familiare caratterizzato dalla presenza di un invalido civile, una coppia di Morino è riuscita a sottrarre una notevole somma di denaro effettuando in più riprese, prelievi dal libretto postale intestato alle vittime.
I Carabinieri della Stazione di Morino, a seguito di una denuncia presentata a maggio 2018 dalla moglie di un 74enne del luogo, invalido al 100%, circa ingenti prelievi effettuati presso l’Ufficio Postale di Morino, da lei disconosciuti, nonché il furto di diversi preziosi in oro custoditi presso l’abitazione coniugale, hanno avviato una serie di accertamenti finalizzati all’individuazione degli autori dei furti e dell’indebito utilizzo della carta di credito, che hanno così portato, durante la scorsa notte, all’esecuzione di una misura cautelare degli arresti domiciliari, con applicazione del braccialetto elettronico, emessa dal GIP Dottoressa Maria PROIA del Tribunale di Avezzano su richiesta del PM Dott. Maurizio Maria CERRATO.
Le investigazioni hanno permesso di raccogliere inconfutabili elementi di responsabilità a carico di due coniugi, per la donna, D.D.A., classe 75, in ordine ai reati di furto aggravato ed indebito utilizzo di carta di credito, e per l’uomo, F.D.C., classe 69, di riciclaggio. In particolare si è accertato come la 44enne, badante presso l’abitazione delle vittime, in quanto assisteva il 74enne invalido, avrebbe, tra aprile e maggio 2018, sottratto dall’abitazione dei coniugi una carta postale e relativo libretto postale intestata ai medesimi, per poi utilizzare il documento per effettuare ben 13 indebiti prelievi per un totale di Euro 7.300.
Inoltre si è accertato come l’indagata, nel corso del tempo trascorso presso l’abitazione delle vittime quale badante, abbia sottratto numerosi oggetti in oro per un valore di circa 5 mila Euro. Il marito, poi, si sarebbe recato presso un esercizio Compro Oro di Avezzano dove avrebbe realizzato diverse operazioni volte alla sostituzione dei preziosi sottratti presso l’abitazione dei coniugi, che vendeva al prezzo corrente dell’oro usato.
L’attività svolta dai militari della Stazione di Morino, in piena sinergia con l’Autorità Giudiziaria, testimonia ancora una volta come l’Arma dei Carabinieri si sia schierata a difesa di una delle fasce più indifese della nostra società, gli anziani, e che interviene costantemente su quelli che sono i reati di maggior allarme sociale come i furti in abitazione.

Al riguardo, è importante ricordare che le denunce da parte della cittadinanza sono determinati per consentire alle Forze di Polizia di orientare al meglio le investigazioni e addivenire alla compiuta identificazione degli autori.
Inoltre, l’Arma dei Carabinieri, da tempo, ha avviato, in campo nazionale, l’iniziativa rivolta a tutelare le fasce deboli ed in particolare gli anziani, spesso vittime, mediante artifizi e raggiri, del reato di truffa. Si invitano tutti i cittadini a consultare sul sito www.carabinieri.it l’apposita sezione denominata “Servizi per il Cittadino” attraverso il seguente link: http://www.carabinieri.it/cittadino/consigli/tematici/giorno-per-giorno/contro-le-truffe, al fine di ricevere qualche consiglio per evitare lo spiacevole inconveniente di essere truffati.

Continua a leggere

Abruzzo

L’AQUILA : PRIMO TRAPIANTO DI RENE CON ROBOT CHIRURGICO

Pubblicato

on

L’AQUILA: INIZIA L’ATTIVITÂ DEL ROBOT CHIRURGICO NEL TRAPIANTO DI RENE: PRIMO INTERVENTO SU UN PAZIENTE MOLISANO

CON L’ESORDIO DEI ‘BRACCI MECCANICI’ NEL TRAPIANTO L’OSPEDALE AQUILANO ENTRA NEL CIRCUITO EUROPEO DELLA DISCIPLINA

Il rene è solo l’ultima applicazione della nuova tecnologia che, in poco più di un anno, ha consentito di eseguire oltre 200 operazioni in urologia, chirurgia d’urgenza addominale e altri campi.

L’AQUILA – All’Aquila si apre il nuovo corso della chirurgia robotica applicata al trapianto di rene. Nei giorni scorsi, infatti, è stato effettuato il primo intervento su un uomo residente nel Molise a cui è stato impiantato il rene donatogli dalla sorella. Il robot segna una svolta importante nell’attività della trapiantologia non solo dell’Aquila ma della Regione perché alza la qualità dell’asticella della qualità della chirurgia, riduce la sofferenza del paziente e accelera i tempi di attesa. L’avvio al San Salvatore dell’utilizzo del robot ‘da Vinci’ nel trapianto di rene (uno dei pochi centri in Italia a praticarlo con l’ausilio di questa tecnologia) è stato illustrato questa mattina all’ospedale di L’Aquila nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato, tra gli altri, il manager della Asl, Rinaldo Tordera, la rettrice dell’Università, Paola Inverardi, il sindaco Pierluigi Biondi, il prof. Francesco Pisani, direttore del centro regionale trapianti Abruzzo e Molise e il dr. Luigi Di Clemente, direttore del reparto urologia. L’applicazione del robot chirurgico, tra i grandi vantaggi, presenta quello della precisione che nessuna abilità manuale, anche del professionista più esperto, può eguagliare. L’uso dei bracci meccanici nel campo dei trapianti di rene è l’ultima delle applicazioni del robot da Vinci, acquistato dalla Asl ed entrato in funzione oltre un anno fa: è stato utilizzato prima nell’ urologia e, a seguire, in altri ambiti tra cui, recentemente, nella chirurgia d’urgenza addominale (fegato e pancreas). In poco più di un anno sono stati 200 gli interventi compiuti con robot nelle diverse specialità.

Come avviene il trapianto di rene col robot? L’organo viene prelevato dal donatore per via laparoscopica (con piccole incisioni anziché apertura totale) attraverso il fianco, senza entrare nella cavità addominale e poi estratto con un’incisione di pochi centimetri nella regione inguinale. Con questa tecnica mininvasiva si riducono di molto i danni biologici rispetto alla procedura tradizionale. Contemporaneamente alla fase di estrazione del rene dal donatore una seconda équipe interviene con robot sul ricevente per preparare la sede in cui reimpiantare l’organo. Tramite un’incisione di 5 centimetri sopra al pube il rene prelevato viene posizionato all’interno della cavità addominale, lateralmente alla vescica. Il robot chirurgico consente di eseguire queste procedure con movimenti molto precisi e con maggiore rapidità, grazie anche alla visione delle immagini molto ingrandita rispetto alle dimensioni normali. Con il ricorso ai bracci meccanici in sala operatoria, in virtù della mininvasività dell’intervento, il paziente ha tempi di recupero molto veloci perché il danno biologico, legato al trapianto, è molto ridotto.

Continua a leggere

In Evidenza