Connect with us

Cronaca e Giudiziaria

Proclamazione consiglio regionale: una volta avvenuta, si parte con il valzer delle “partecipate”

Pubblicato

on

Dopo la proclamazione del nuovo presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, e dei consiglieri regionali e una volta composta la squadra di governo, il nuovo esecutivo regionale dovrà occuparsi del rinnovo dei vertici degli enti strumentali e delle società partecipate. Sulla base del principio dello spoil system, la Regione dovrà confermare o revocare gli incarichi ai vertici di enti importanti, a partire dalle Asl e dalle società per il trasporto pubblico per arrivare alle diverse agenzie regionali: Ater, Arit, Arta, ecc. Enti, alcuni efficienti e altri considerati veri e propri carrozzoni, da sempre al centro delle logiche spartitorie della politica.
Per quanto riguarda le aziende sanitarie locali, il manager della Asl di Teramo, Paolo Rolleri, è stato nominato a fine 2013 e ha il contratto fino al 2016. Il primo step di verifica, tuttavia, è dopo 18 mesi, quindi a metà 2015; in quell’occasione l’incarico potrà essere confermato o meno.
Il direttore generale della Asl di Pescara, Claudio D’Amario, ha superato di recente la prima verifica e il suo mandato, che è stato rinnovato, scade fra tre anni. Il manager di Avezzano-Sulmona-L’Aquila, Giancarlo Silveri, sarà sottoposto alla verifica dei primi 18 mesi tra luglio e agosto così come il direttore della Asl di Lanciano-Vasto-Chieti, Francesco Zavattaro. I direttori abruzzesi hanno il compenso più “basso”, se così può essere definito, a livello nazionale: poco più di centomila euro lordi all’anno. Nel fare il punto della situazione, il sub commissario per la sanità, Giuseppe Zuccatelli, riconosce ai manager di aver contribuito al riequilibrio dei conti. «L’elemento sul quale ho rilevato criticità», rileva Zuccatelli, «è la necessità di elevare la qualità del servizio offerto, su cui c’è ancora moltissimo da fare».
Ci sono poi le società del trasporto pubblico locale: da una parte la Gtm e la Sangritana, di cui la Regione è socio unico, e dall’altra l’Arpa e la Saga (aeroporto d’Abruzzo), di cui la Regione è socio di maggioranza. I mandati dei quattro presidenti – Massimo Cirulli (Arpa), Michele Russo (Gtm), Pasquale Di Nardo (Sangritana) e Lucio Laureti (Saga) – scadono più in là ma Cirulli ha già detto di voler lasciare a fine mese (vedi dichiarazioni in alto nella pagina di destra). I compensi vanno dai 90mila euro di Russo ai circa 130mila di Cirulli e Di Nardo. «Cifre», sottolinea il segretario regionale della Filt-Cgil, Franco Rolandi, «che unite alle spese dei Cda, superano il milione di euro».
Per quanto riguarda l’Agenzia regionale per la tutela ambientale (Arta), il contratto del direttore generale Mario Amicone, ormai alla soglia dei 70 anni, è stato rinnovato nei mesi scorsi dalla ex giunta Chiodi. Con una clausola: che, appunto, Amicone si rimetta allo spoil system nel caso in cui fosse cambiata l’amministrazione.
Altro contratto arrivato di recente è quello del nuovo direttore dell’Agenzia sanitaria regionale (Asr), Amedeo Budassi. Il presidente della Finanziaria regionale abruzzese (Fira), Rocco Micucci dovrebbe rimanere in carica fino all’approvazione del bilancio (aprile 2015). In questo caso avrebbe un doppio incarico pubblico perché dal 25 maggio è anche sindaco di Rapino.
C’è da capire anche quale sarà il destino del nuovo presidente di AbruzzoSviluppo, Giuseppe Cetrullo, e del direttore generale dell’Agenzia regionale per l’informatica e la telematica (Arit), Carlo Greco. La Regione dovrà inoltre preoccuparsi di individuare la guida della neonata Arap, ente unico in cui sono stati fusi i sei consorzi industriali abruzzesi. Nomine in viste anche nei Cda o per i commissari delle cinque Ater, mentre la logica dello spoil system non si applica alle tre Adsu, per le quali vale il principio della rotazione.
Discorso diverso per l’Istituto Zooprofilattico dell’Abruzzo e del Molise, a Teramo, il cui direttore generale è stato nominato d’intesa tra le due Regioni e il ministero. «Una delle priorità di D’Alfonso e della nuova giunta», osserva il segretario regionale della Fp-Cgil, Carmine Ranieri, «dev’essere quella di rivedere la macchina organizzativa sia della Regione che degli Enti , che dovrebbero essere il motore dello sviluppo e del rilancio dell’Abruzzo».

Cronaca e Giudiziaria

Escursionisti dispersi nella Vallelonga tratti in salvo dai vigili del fuoco

Pubblicato

on

Villavallelonga – I Vigili del Fuoco di Avezzano soccorrono e salvano due escursionisti in località Fonte Astuni.
Due giovani escursionisti romani sono stati portati in salvo dai Vigili del Fuoco di Avezzano nella tarda serata di oggi. I due ragazzi, di circa 20 anni, si erano avventurati nei sentieri della Vallelonga per un’escursione. La scarsa conoscenza dei luoghi e la sopravvenuta oscurità hanno fatto perdere l’orientamento ai giovani. Trovato riparo nel rifugio Astuni, i due sono riusciti a dare l’allarme. La sala operativa dei vigili del fuoco 115 ha immediatamente ha attivato la procedura di ricerca. I Vigili del Fuoco hanno raggiunto il rifugio con un mezzo fuoristrada e ricondotto i due escursionisti nell’abitato di Villavallelonga in buone condizioni.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Intercettato dai carabinieri su un’auto rubata, fuga tra i vicoli all’alba

Pubblicato

on

Luco dei Marsi – Si trovava a bordo di un’auto rubata e carica di refurtiva di vario genere quando è stato intercettato dai carabinieri in pattugliamento nel centro storico del paese. All’alt dei militari, l’uomo è fuggito, abbandonando la vettura e tutta la refurtiva a bordo. É accaduto due giorni fa a Luco dei Marsi, poco dopo le 6.

I militari stavano pattugliando il centro storico del paese quando hanno notato un giovane che, a bordo di una Peugeot, percorreva il tratto tra via Pinna e via Conte Berardo; vista “l’attenzione” dei carabinieri, che gli facevano segno di accostare, il conducente è sceso dall’auto e si è dato precipitosamente alla fuga tra i vicoli del borgo storico, tra lo sconcerto di alcuni residenti che uscivano per andare al lavoro. I militari si sono lanciati in un inseguimento mozzafiato ma il malvivente è riuscito a far perdere le proprie tracce.

Al controllo, l’auto è risultata rubata il giorno prima ad Avezzano, ed è stata riconsegnata all’incredulo quanto felice il proprietario. I militari di Luco dei Marsi, coordinati dal maresciallo Marco Fanella, che stanno conducendo una capillare attività di controllo e prevenzione nel centro fucense, indagano per risalire ai proprietari degli oggetti rinvenuti nella vettura abbandonata dal ladro.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Atti vandalici a Celano contro le ambulanze della Misericordia. Duro intervento del PD

Pubblicato

on

Celano – Ancora atti vandalici a Celano. A farne le spese, stavolta, due mezzi di soccorso della Misericordia. Il fatto, accaduto nei giorni scorsi in piazza Santa Maria, dove si trova la sede della Confraternita di volontariato, ha destato sdegno nella comunità e ha suscitato il duro intervento del segretario del PD cittadino: “Quanto accaduto è molto grave”, dichiara Calvino Cotturone, “I danni effettuati all’associazione di volontariato che opera sul territorio cittadino e nazionale da circa 30 anni devono far riflettere. É impensabile che sul territorio ancora non sono state installate le telecamere di videosorveglianza, nonostante i ripetuti casi di danni e furti avvenuti. Da un anno la Misericordia di Celano non ha più a disposizione neanche il garage comunale dove poter custodire i mezzi; chiediamo all’amministrazione di trovare una soluzione per un’associazione di volontariato di fondamentale importanza per Celano e non solo. Tra assistenza ed emergenze l’associazione effettua circa 20.000 interventi all’anno la presenza sul territorio è al servizio dell’intera collettività, non possiamo far finta di nulla. Bisogna innanzitutto trovare una sede dove poter custodire i mezzi, ma capire anche se l’associazione necessita di altro e sostenerla nell’importante attività che svolge quotidianamente”.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Ladri equilibristi in azione, blitz notturno in casa di un’anziana

Pubblicato

on

Capistrello – Ancora un colpo messo a segno da ladri equilibristi. I malviventi, infatti, si sono arrampicati lungo un palo della corrente fino a un balcone sito ai piani alti di un’abitazione e, forzando una finestra, si sono introdotti nei locali, dove dormiva la proprieataria, un’anziana vedova. É accaduto nella nottata di ieri, nella zona centrale di Capistrello.

La vittima ha riferito di essersi alzata alle 2.30 circa per prendere dell’acqua e di essersi stupita perché la porta della sua camera da letto, che chiude abitualmente prima di coricarsi, era aperta, ma di non essersi allarmata , pensando a una dimenticanza. Secondo una prima ricostruzione, è probabile che i ladri in quel momento fossero in casa: la signora è andata a letto piuttosto tardi e ricorda di aver udito, fin oltre l’una, le voci di alcuni residenti che si erano fermati a chiacchierare nei pressi della casa, sita vicino a una piazza; i ladri hanno setacciato al millimetro l’abitazione, asportando persino i cassetti dei mobili della camera da letto della proprietaria per trasportarli in salotto, dove li hanno svuotati in cerca di preziosi e dove al mattino li ha trovati l’anziana, molto scossa, nel caos totale lasciato dai malviventi. Magro il bottino del raid, ammontante ad appena poche decine di euro.

La spregiudicatezza e le modalità di incursione dei banditi sono affini a quelle osservate in altri centri marsicani e a Pescina recentemente, dov’è stata messa a segno una serie di furti con l’accesso alle abitazioni da finestre ai piani alti, colpi effettuati di notte, con le famiglie presenti nelle case svaligiate.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Si rifiuta di andare in comunità, pregiudicato 36enne finisce di scontare la pena in carcere

Pubblicato

on

AvezzanoM.M., 36enne tossicodipendente avezzanese e con precedenti per maltrattamenti in famiglia, lesioni, rapina e spaccio è stato arrestato dagli agenti del commissariato di Avezzano. L’uomo si sarebbe rifiutato di accettare un programma terapeutico presso una comunità, per cui si è resa necessaria l’applicazione della pena detentiva residua in carcere, come disposto dal Magistrato di Sorveglianza dell’Aquila. Attualmente stava scontando una pena di 8 mesi di reclusione in regime di detenzione domiciliare per reati di evasione.

Continua a leggere

Ambiente

No all’impianto Cesca, sit-in di protesta davanti al tribunale contro i ritardi della giustizia

Pubblicato

on

Avezzano – Sit in di protesta davanti al Tribunale di Avezzano contro l’impianto di compostaggio Cesca di Massa D’albe. In particolare gli amministratori di Magliano de’ Marsi manifestano contro i ritardi della Giustizia riguardo al ricorso presentato dai cittadini contro la ditta Contestabile Ambiente s.r.l. proprietaria dell’impianto. L’iniziativa è stata promossa dal consigliere di minoranza Sante Gentile. Presenti, dinanzi al presidio avezzanese, con diversi cittadini, il Comitato di Difesa del Territorio Equo, la sindaca di Magliano de’ Marsi, Mariangela Amiconi, la sindaca di Scurcola Marsicana, Maria Olimpia Morgante, il sindaco di Massa d’Albe, Nazareno Lucci, con i passati amministratori di Magliano.

Sabato 13 ottobre è in programma una marcia di protesta che da Magliano de’ Marsi raggiungerà l’impianto.  Il Comitato in difesa del territorio Equo invita a manifestare i liberi cittadini, le associazioni, le amministrazioni  locali e le forze politiche per “la protezione della salute pubblica” ed “in merito alle presunte irregolarità nei permessi di costruzione e nel funzionamento dell’Impianto.

Continua a leggere

Attualità

Ambulanti, arriva la smentita a possibili spaccature: “Fronte della protesta compatto”

Pubblicato

on

Avezzano – Ambulanti sul piede di guerra. Arriva a stretto giro la smentita alla notizia di una possibile spaccatura del fronte della protesta. L’intervento, firmato da Giovanni Cioni, Fiva Confcommercio per la Marsica, Carlo Rossi, Confesercenti, e Roberta Masci, Cidec L’Aquila, è netto: “Si fa presente che la notizia appresa oggi dal quotidiano “Il Centro”, avente per titolo “Gli ambulanti si spaccano sul mercato in zona nord” è completamente infondata ed è di una faziosità inaudita. Nella giornata di luned’ su 75 ambulanti hanno scelto solo 2 operatori: ai lettori l’ardua sentenza”. Per oggi pomeriggio è in programma il secondo turno per le assegnazioni dei posti nell’area della zona nord che dovrebbe ospitare il mercato da sabato prossimo.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com