Attualità

Pranzo di Natale in carcere con detenuti e associazioni

Un pranzo di Natale è stato servito agli oltre 50 detenuti dell’istituto penitenziario San Nicola di Avezzano dalla comunità di Sant’Egidio di Roma, dai volontari dell’associazione Liberi per Liberare, guidata da Suor Benigna Raiola, dalla Caritas e dall’Azione Cattolica. “Questo giorno particolare – ha dichiarato il direttore del penitenziario Mario Giuseppe Silla – diventa, di anno in anno, sempre più significativo per tutti perché non esistono detenuti, non ci sono ospiti e non c’è un direttore, esistono solo persone uguali e senza differenze in un carcere a porte aperte”. Il pranzo, è stato preceduto da una messa celebrata dal cappellano dell’istituto Don Francesco, alla quale hanno preso parte tutti i dipendenti del carcere. Alla giornata nel penitenziario marsicano ha partecipato anche il direttore dell’Avvenire, Marco Tarquinio. ” Sono qui – ha sottolineato il direttore del quotidiano della Cei – perché il carcere è uno dei luoghi dei cuori dell’anno Santo della Misericordia, come ha detto papa Francesco e poi perché ho un legame particolare con questo istituto e con chi ci lavorava”. Il direttore, infatti, nei mesi scorsi aveva pubblicato sull’Avvenire una lettera speditagli da Mario Livrieri, detenuto nel carcere di Avezzano, ora ai domiciliari, nella quale auspicava che il giubileo sulla misericordia potesse riguardare anche le carceri italiane. “Un vero e proprio giorno di festa – ha commentato Suor Benigna – nel quale i detenuti cantano e banchettano  con chi, dal di fuori, ha deciso di regalare loro una giornata diversa”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top