Attualità

Powercrop, il consigliere Ranieri (M5S) presenta sei domande a D’Alfonso

Sono sei i quesiti che Gianluca Ranieri (M5s) porrà, nel corso del prossimo consiglio regionale, al presidente D’Alfonso per conoscere quale sia realmente la posizione della Regione Abruzzo sulla realizzatore della centrale elettrica a biomasse proposta dalla Power Crop Srl. Quesiti che mettono all’angolo la Giunta anche vista l’approvazione all’unanimità della Delibera consiliare del 9 aprile 2015, dove, come si legge nelle premesse del documento, il Governo Regionale ha preso l’impegno ad  assumere ufficialmente una posizione di contrarietà nei confronti del progetto e a contrastarne in ogni modo la realizzazione, proprio perché è stata riconosciuta l’incompatibilità con il contesto socio-economico ed ambientale della Piana del Fucino e, più in generale, la Marsica e l’Abruzzo.

Un impegno che però non è stato mantenuto dalla Giunta che, a quasi un anno dall’approvazione, non attua i punti programmatici previsti dalla delibera. “Non c’è tempo da perdere – afferma Ranieri – il presidente ha l’obbligo di dar atto alle delibere votate in consiglio soprattutto quando si tratta di questioni così delicate per la salute del territorio e degli abruzzesi. Nel prossimo consiglio del 22 marzo pretendiamo delle risposte concrete dalle quali capiremo quale peso da il presidente all’organo di consiglio della Regione Abruzzo e, soprattutto, a tutti gli abitanti del territorio marsicano”.

“Il passo fondamentale che chiediamo alla Giunta – spiega  Ranieri – è il ritiro della firma dall’accordo di riconversione  del 2007, già formalmente approvato dal consiglio. Questo è l’unico atto che concretamente fermerebbe la Power Crop. Da domani – conclude il consigliere 5 stelle – partirà una campagna di sensibilizzazione per chiedere proprio il ritiro di questa firma da parte della Regione”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top