Cronaca e Giudiziaria

Polemiche sul calendario venatorio

«Il calendario venatorio 2014/2015, approvato dalla giunta regionale lo scorso 11 agosto, umilia circa 15 mila cacciatori abruzzesi, penalizzati rispetto alle regioni limitrofe, prevedendo insensate e punitive limitazioni temporali dell’esercizio venatorio, con aperture notevolmente ritardate e chiusure anticipate ». Lo afferma il capogruppo di Forza Italia, Lorenzo Sospiri, osservando che si continuano a proteggere specie dannose per le colture agricole, «con ingravescente nocumento delle produzioni vitivinicole ed olearie, fiore all’occhiello della nostra regione». Secondo Sospiri è probabile che la delibera sia oggetto di impugnative e ricorsi con prevedibili ricadute negative per tutto il comparto agricolo e venatorio».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top