Attualità

Piscina comunale, “Di Matteo e De Cesare in corto circuito, pressioni sull’amministrazione”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Avezzano – Si è tenuto sabato 15 ottobre l’incontro-dibattito promosso da Alessandro Lucarelli, Nazzareno Di Matteo e Lorenzo De Cesare, rispettivamente titolari di Metrò, Pinguino e Pineta, sulla questione della gestione della piscina comunale di Avezzano.

I tre professionisti hanno costituito l’Ati e hanno concorso al nuovo bando emanato dal Comune di Avezzano. Alle critiche degli Associati, divenute nel corso delle settimane un feroce “j’accuse” su “ritardi” e presunte “gestioni sospette” della vicenda legata all’appalto per la gestione della piscina comunale, detenuto dalla Fin fino al 2013, risponde il consigliere comunale Ignazio Iucci.

“Siamo oltre i limiti dell’assurdo – tuona il consigliere comunale Ignazio Iucci in merito alla conferenza stampa tenutasi ieri alla piscina privata di Avezzano – il trio Di Matteo, Lucarelli, De Cesare, ognuno dei quali responsabile di strutture sportive private in città, si è espresso in merito agli impianti sportivi di Avezzano, cercando di illudere i cittadini di parlare come soggetti neutrali rispetto alla questione. Ancor più incredibile se si pensa che una delle due offerte al vaglio della commissione il prossimo martedì, è proprio quella dei tre, che si sono consociati in Ati, appositamente per partecipare al bando. Dovrebbe essere il Comune stesso a scrivere all’anticorruzione per pressioni ingiustificate da parte di concorrenti in gara. Ricordiamo che l’attuale amministrazione, rispetto al periodo in cui Di Matteo e De Cesare erano rispettivamente consigliere e assessore comunale di Avezzano, risparmia oltre 60.000 € l’anno. Tra l’altro, questi aspiranti gestori federali del nuoto, sanno bene che l’affidamento alla FIN è stato scelto proprio da loro attraverso una trattativa privata, senza alcun bando pubblico. L’amministrazione deve pensare ai cittadini di tutta la Marsica che usufruiscono di questo servizio e non agli interessi di singoli. Si mettano l’anima in pace e aspettino sereni l’esito della gara”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top