Cronaca e Giudiziaria

Piero Concia, Asl: “Fatti accertamenti in modo scrupoloso”

Avezzano – “Nei 3 accessi del paziente al pronto soccorso, sono stati fatti tutti gli accertamenti, in modo scrupoloso, in tutti gli accessi in reparto”. È quanto afferma, in una nota stampa, la direzione del Pronto soccorso dell’ospedale di Avezzano in seguito all’indagine avviata per accertare le eventuali responsabilità sulla morte di Piero Concia, 53 anni, deceduto in seguito al suo ricovero in ospedale.
Nella nota, la direzione ha riassunto gli ultimi giorni di vita dell’ex presidente del Cai partendo dal suo primo arrivo in pronto soccorso la notte del 2 luglio quando, contrariamente al parere dei medici che avrebbero voluto trattenerlo sotto osservazione in attesa degli specialisti,  Concia decise di tornare a casa, accettando l’invito a ripresentarsi il giorno dopo. Tornato in pronto soccorso il 3 luglio accusando ancora dolori addominali, l’uomo –prosegue la direzione dell’unità operativa dell’ospedale che ha assistito l’uomo – è stato sottoposto ad una radiografia diretta all’addome, che ha dato esito negativo.  Tornato al pronto soccorso, il 5 luglio, per verificare l’efficacia delle cure prescritte, Concia, che accusava ancora dolori molto forti, è stato sottoposto ad una nuova radiografia da cui, prosegue la direzione del pronto soccorso,  è emersa una perforazione intestinale. Portato immediatamente in sala operatoria e sottoposto a intervento chirurgico, l’uomo è deceduto durante l’operazione”. “Il personale medico e infermieristico -conclude la nota stampa-pur avendo compiuto ogni minuzioso accertamento in tutti gli accessi del paziente in ospedale e condotto con ogni possibile scrupolo i controlli, non può fare a meno si sentirsi amareggiato”.  In relazione alla comunicazione della Asl l’avvocato della famiglia di Piero Concia, Roberto Verdecchia, ha dichiarato che ” la magistratura accerterà le eventuali responsabilità e Piero Concia non è morto durante l’operazione ma probabilmente nei primi due accessi al pronto soccorso”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top