Ultim'ora

Piazza del mercato, Di Bastiano: “Oggi non è altro che un parcheggio”

La vecchia piazza del mercato di Avezzano che tutti vogliono riorganizzare, oggi non è altro che un parcheggio a tempo pieno: auto che tranquillamente vanno e vengono sulla piazza per l’intera giornata, una piazza che sempre più sta morendo insieme ad alcuni volenterosi e coraggiosi commercianti  che hanno investito il loro futuro su un progetto che non si concretizza. E’quanto denunciato dal presidente del centro giuridico del cittadino Augusto Di Bastiano in merito al progetto di riqualificazione di piazza del mercato. “L’unico atto concreto ha riguardato la ristrutturazione dei locali commerciali e la rimozione dei vecchi box commerciali, – dichiara Di Bastiano – ma inizio a pensare che il progetto di riorganizzare il commercio in piazza del mercato non esista. Non trovo traccia degli atti deliberativi, il mercato del contadino o come ognuno l’ha chiamato in questi anni, non ha alcun supporto di atti che lo istituiscano”.

“Un ritorno al passato – dichiarava tempo fa Di Pangrazio – quando questa piazza era uno dei centri dove la vendita dei nostri prodotti, quelli del Fucino, sorreggeva la nostra economia locale; l’obiettivo è un’agricoltura a chilometro zero, che, affiancata alla vendita del pesce,  riuscirà a ridare quella spinta propulsiva necessaria ad un commercio sempre più in affanno”. In sostanza, una riqualificazione doverosa che, secondo l’allora assessore Gabriele De Angelis, “oltre a riportare gente in piazza, avrebbe offerto ulteriori trenta posti di lavoro”.

“Assessore Verdecchia, il non dialogo non paga – conclude Di Bastiano -, un mercato si organizza con atti amministrativi e dialogo con associazioni di categoria del commercio, Confagricoltura, Coldiretti, Cia, e consumatori e abitanti della zona. La invito a dialogare con chi è competente in materia, se c’è ancora volontà di riorganizzare l’area in oggetto da parte dell’amministrazione ma per cortesia basta annunci e la prego di passare ad atti concreti”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top