Politica

Piano sanitario 2016-2018: work in progress per l’ospedale di Avezzano

Ridisegnare un nuovo modello sostenibile di Servizio Sanitario Regionale, per “competere” con quelli delle regioni più avanzate. E’ la mission del nuovo “Piano di riqualificazione del sistema sanitario abruzzese 2016-2018”, approvato con decreto del Commissario ad acta per la Sanità, il presidente Luciano D’Alfonso. Il piano è stato presentato ieri, 16 giugno, a Pescara dall’assessore regionale alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci, dal subcommissario Giuseppe Zuccatelli e dal direttore del Dipartimento Salute e Welfare Angelo Muraglia. Sono 7 le azioni su cui si concentra il nuovo piano: gestire i pazienti cronici il più possibile a domicilio limitando i ricoveri ospedalieri; riqualificare la rete ospedaliera in sicurezza, qualità ed efficienza; investire in selezione, formazione e valutazione delle risorse umane; accelerare investimenti in infrastrutture e tecnologie per un sistema moderno e competitivo; ristrutturare l’architettura istituzionale privilegiando il contatto diretto con il paziente; ottenere la certificabilità dei bilanci e della qualità del Servizio Sanitario Regionale; garantire tempestività e correttezza nel rapporto con i fornitori.

Sul fronte dell’assistenza ospedaliera è prevista una riorganizzazione della rete, che sarà oggetto di un separato e successivo decreto, con la presenza di un presidio di secondo livello (con la connessione funzionale degli ospedali di Chieti e Pescara), di 2 presidi di primo livello ad alta specializzazione (L’Aquila e Teramo, nell’attesa dello studio di fattibilità per l’ospedale di secondo livello), di 3 presidi di primo livello standard a Lanciano, Vasto e Avezzano, di 4 ospedali di base a Giulianova, Sant’Omero, Atri, Sulmona e di 2 ospedali di area disagiata a Penne e Castel di Sangro. “Dopo anni – ha aggiunto l’assessore Paolucci , il governo nazionale ha finalmente sbloccato il 40 per cento dei 228 milioni di euro stanziati per la costruzione dei nuovi presidi di Lanciano, Vasto, Avezzano, Sulmona e Giulianova: si tratta di 102 milioni di euro, che ci consentiranno di far partire i progetti”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top