Ambiente

Parco: Inglesi in viaggio lungo i tratturi

Stupendo, incantevole, esperienza meravigliosa. Questi sono stati i commenti del primo gruppo di turisti anglosassoni che qualche giorno fa ha percorso il Regio Tratturo che parte da Pescasseroli, nel Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Per la prima volta, un tour operator inglese ha incluso nel suo catalogo un trekking sulle antiche vie di transumanza dei pastori abruzzesi (www.kudutravel.com/abruzzo.htm). E il successo è stato immediato: tutto esaurito di adesioni, consenso unanime del pur selettivo turismo di Oltremanica e la promessa di portare molto presto altri gruppi. Il merito va a Ecotur, che per primo ha riscoperto i tratturi come vie di trekking sui luoghi attraversati dalle pecore nel lungo viaggio verso le pianure pugliesi.

L’anno scorso, Frances Fedden, accompagnatrice turistica londinese, ha partecipato al trekking di Ecotur sul tratturo e ne è rimasta affascinata. Fedden accompagna gruppi dall’Uzbekistan al Buthan, dall’India ai Caraibi. Quest’anno il tempo è stato clemente e non ha mai piovuto. Il gruppo, formato da sette inglesi e tre canadesi, ha potuto godersi le bellezze del Parco nazionale al suo massimo, osservare le fioriture dell’Iris Marsica e della Scarpetta di Venere, fotografare le infinite orchidee spontanee che crescono nel territorio, avvistare cervi, volpi, tracce di lupi e avere perfino un incontro ravvicinato con due orsi, un maschio e una femmina, individuati grazie all’occhio vigile di Cesidio Pandolfi, guida di Ecotur che ha accompagnato il gruppo lungo tutto il viaggio fino a Sepino, in Molise.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top