Sport

Paolo Nicolai, il cuore abruzzese che stanotte a Rio combatterà per l’oro

C’è un pezzo d’Abruzzo nella lontana Rio, e sarebbe il caso di precisare, un pezzo da novanta. Braccia e gambe made in Italy che portano il marchio di Ortona. Paolo Nicolai sta per scrivere la storia, la sua e quella del beach volley italiano, giunto all’apice in questa calda avventura estiva. Tutti incollati davanti allo schermo, anche se ci sarà da sfidare il sonno. La finalissima comincerà alle 4:59, a chiusura della sfida valida per il terzo e quarto posto tra Russia e Paesi Bassi, programmata alle 3:00.

Gli avversari degli italiani sono tosti, e parecchio. Sono i brasiliani Alison e Bruno Smith, padroni di casa e dei pronostici, che fino alla vigilia delle olimpiadi spaventavano anche solo a pensarci. Ora però qualcosa è cambiato. Ora ci sono le consapevolezze, gli attestati di stima, la voglia di vincere. Ne ha fatta di strada il gigante di Ortona, dal debutto nel 2008 a Roseto degli Abruzzi, a pochi passi da casa, con annessa misera venticinquesima posizione, ai bairros contorti e variegati di Rio, teatro di gioco abbagliato da infiniti occhi e riflettori.

“Sarà un’emozione unica e, anche se una medaglia al collo ce l’abbiamo già, non abbiamo intenzione di accontentarci”. Queste le parole di Paolo al termine della sfida coi russi.

Lasciamo allora che le emozioni ci avvolgano, e magari allo schiarire dell’alba ci ritroveremo a brindare alla vittoria. Ortona invita tutti in Piazza della Repubblica per seguire sul maxischermo la finale in diretta.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top