Sport

Palazzo Torlonia, entusiasmo e partecipazione per il Circolo Scherma “I Marsi”

“La scherma se ti prende non ti lascia più” recitava un vecchio motto della Federazione Italiana Scherma. A giudicare dall’entusiasmo e partecipazione che hanno accompagnato una lunga serie di allenamenti ed esibizioni all’aperto, verrebbe da pensare che il Circolo Scherma “I Marsi”, società di scherma marsicana, abbia colpito nel segno. Per tutta la scorsa settimana, in occasione della Settimana Marsicana, gli schermidori marsicani si sono allenati all’interno della prestigiosa cornice del Parco Torlonia di Avezzano, mostrando come avvengono assalti, gare ed esercitazioni di sciabola e spada, armi praticate all’interno della scuola. A decine, tra adulti e bambini di tutte le età, hanno assistito alle esibizioni di questo storico e nobile sport, facendo domande, interagendo con gli atleti ed i componenti della società, provando l’ebbrezza di brandire una sciabola o una spada ed infine, salire in pedana per gareggiare.

“Sono stati giorni impegnativi, intensi e faticosi, ma vedere tanto entusiasmo e partecipazione ripaga di tutte le fatiche accumulate – dichiarano i membri della società – in questi giorni di Olimpiadi a Rio la passione per la scherma è tornata in auge anche grazie alle vittorie della Fiamingo e di Garozzo, vittorie che fanno bene a tutto il movimento italiano, in particolar modo alle realtà emergenti come la nostra”. Benché il Circolo Scherma “I Marsi” sia attivo da soli due anni, può annoverare importanti successi dei suoi atleti, soprattutto under 15, proiettati ai primi posti delle classifiche nazionali, un maestro proveniente dalle sale scherma più prestigiose della capitale ed una preparatrice atletica con esperienza decennale nella scherma. “Peculiarità della scherma è l’essere aperta a tutti senza distinzione di sesso, età, altezza o peso. E’ uno sport educativo che insegna il rispetto per l’avversario, arbitro e pubblico, i quali devono essere obbligatoriamente salutati ad inizio e fine gara. Stiamo crescendo rapidamente anche grazie ai tanti genitori che portano i loro figli e che, quasi inevitabilmente, si innamorano di uno sport tra i più affascinanti da praticare e vedere”.

Foto di Gian Andrea Carpineti

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top