Giudiziaria

Palazzina attaccata da…uno sciame di api… è periodo

Un curioso episodio è avvenuto ieri mattina a Carsoli. Quando la titolare di un’agenzia di assicurazioni, insospettita dal continuo ingresso di api nel proprio ufficio al piano terra di una palazzina in pieno centro, è uscita per capire da dove gli insetti stessero provenendo, si è trovata di fronte ad una nuvola nera che ben poco aveva a che fare con la meteorologia.
Un grosso sciame di api aveva infatti interpretato come propria dimora il cornicione di una palazzina ubicata in un’area che, oltre ad essere residenziale è presidiata da diverse attività commerciali.

Subito è partita una chiamata ai Vigili del Fuoco, i quali, dopo aver dispensato preziosi consigli, hanno prontamente provveduto ad interpellare un apicoltore della zona, il quale ha preso in “adozione” il prezioso insetto.
L’insolito “allevatore” ci ha fornito la spiegazione di questi eventi: “può capitare che gli sciami di api abbandonino le loro arnie. Questo fenomeno può accadere in seguito alla fuga dell’ape regina oppure quando, prive di essa, le api operaie vaghino alla sua ricerca. In tali casi occorre solo avere un po’ di pazienza e contattare un apicoltore che provvederà a rimuovere lo sciame rapidamente ed in sicurezza”.
Ci teniamo molto a ricordare che le api non vanno assolutamente uccise. Esse sono un alleato fondamentale dell’ecosistema terrestre. D’altronde ci sarà pur un motivo se Obama instituisce una task force per la loro salvaguardia. Ad Albert Einstein viene attribuito questo pensiero: “Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, l’umanità non sopravvivrebbe più di quattro anni. Niente più api, niente più impollinazione…niente più uomini!”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top