Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Prima Notizia

Ospedale di Avezzano: ragazzo sordo aiuta il medico nell’ingessatura per carenza di organico


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

L’Azienda Ospedaliera, tra le sue finalità, persegue la promozione della salute di tutti i cittadini, garantisce il diritto all’informazione, la comprensione e l’accettazione delle cure. Evidentemente, però, non tutti i pazienti hanno la possibilità di beneficiare dei criteri di imparzialità che dovrebbero essere alla base dell’erogazione dei servizi sanitari. È questo il caso dei sordi che, in diversi contesti, sono cittadini non pienamente integrati, perché non possono interloquire con chi non conosce la LIS (lingua dei segni italiana).

Ciò che è successo ad Avezzano, presso il pronto soccorso dell’Ospedale Civile, è l’esempio lampante di quanto appena descritto. Un giovane sordo, dopo aver portato il padre (anch’egli sordo) in ospedale in seguito ad una brutta caduta dalle scale, si è ritrovato ad aiutare l’ortopedico nell’ingessatura della gamba fratturata per mancanza di personale. Non sono mancati, oltre alle difficoltà dovute alla mancanza di organico, i problemi di comprensione per comunicare la vicenda del padre al dottore.

Fortunatamente per il paziente alla fine tutto si è risolto per il meglio, ma sarebbe auspicabile che, in una struttura sanitaria, ci fosse un interprete professionista abilitato a tradurre dalla lingua parlata alla lingua dei segni e viceversa, così da permettere davvero a tutti i pazienti di avere garantita la prestazione del servizio pubblico, sia per la tutela del diritto alla corretta erogazione del servizio, sia per favorire la comprensione e la collaborazione nei confronti degli operatori.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top