Altri articoli

Oricola: Servizi associati, occasione persa?

Vincenzo Mini, capogruppo comunale Oricolacamp, interviene sulle recenti delibere del comune di Oricola sui servizi associati, auspicando che nel futuro il cammino verso il convenzionamento dei servizi sia differente poiché i primi atti sono un mancato riconoscimento dell’importanza del comune e a discapito dei cittadini.

Oricola, è riconoscimento unanime, ha nell’ufficio tecnico e nel gruppo protezione civile, due punte di diamante. Il servizio di protezione civile è stato associato con i comuni della Piana del Cavaliere. Nonostante il nostro gruppo fosse il più attrezzato e quello con più esperienza non è il capo convenzione. Nel nostro ufficio tecnico si è avuto il primo sportello catastale decentrato, da L’Aquila, nella Piana del Cavaliere e negli anni ha affrontato diverse e importanti opere pubbliche (sovrappassi e svincolo autostradale – fognature – fermate bus – ecc…).

Anche in questo caso, il servizio associato del catasto non ci vede capo convenzione. Infine per le gare delle opere pubbliche importanti (superiori a 40mila euro), non siamo capo convenzione, cedendo però questa funzione non a Carsoli come le precedenti ma a Cappadocia. Lo stesso per i servizi e le forniture superiori a tale somma. A voi le considerazioni. Io le ho esposte in Consiglio senza risultato. Una su tutte il fatto che i capi convenzioni hanno una maggiore libertà rispetto al patto di stabilità. Il che permette più spese a favore dei servizi per i cittadini. Visto che anche il decreto di ieri del governo sul patto di stabilita 2014 penalizza il comune di Oricola.

1 Comment

1 Comment

  1. Pingback: C.C. 31/01/2014 – servizi associati | OricolaCamp - TU protagonista

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top