Cronaca e Giudiziaria

Operazione “Tutti per uno”, sospesi dal servizio Gallese e Arioli

Avezzano – La Asl ha sospeso dal servizio Angelo Gallese e Gino Arioli coinvolti nell’inchiesta “Tutti per uno” che ha portato all’arresto di dieci persone, accusate, a vario titolo, di frode processuale, corruzione, falsità materiale ed ideologica commessa da pubblici ufficiali in atto pubblico, frode assicurativa, truffa ai danni dello Stato e favoreggiamento.

Gli arresti erano scattati all’alba del 24 maggio, al termine di una lunga serie di indagini supportate anche da riprese video. Caso emblematico quello di Arnaldo Aratari, già attenzionato da precedenti indagini, e della sua famiglia: lui, coordinatore del meccanismo del falso ottenimento delle invalidità (anche per se stesso), il suocero, Guglielmo Mascitelli, beneficiario della falsa invalidità, e la moglie, Tiziana Mascitelli, che, in qualità di dipendente dell’Agenzia delle Entrate, ha usufruito impropriamente della legge 104. Ad Aratari, considerata la figura chiave dell’inchiesta, la Guardia di Finanza aveva sequestrato, a seguito di un’altra indagine, beni per oltre 200 mila euro.

Il congelamento del rapporto di lavoro per Gallese e Arioli durerà fino a quando la misura detentiva resterà in vigore con un limite massimo di 5 anni.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top