Altri articoli

Operazione Eldorado: parole e immagini di un’impresa

Operazione Eldorado foto 1

A mente fredda, proviamo a ricostruire quanto accaduto in queste ore convulse ma proficue per la nostra zona. Maxi retata effettuata da 150 Agenti della Polizia di Stato ai danni di una pericolosa banda di malviventi, che dal 2012 operava rapine, furti ed estorsioni sul nostro territorio marsicano.

operazione eldorado danneggiamenti auto 1Le forze dell’ordine hanno effettuato 20 misure cautelari (di cui 11 in carcere e 9 come obbligo di dimora) e numerose perquisizioni disposte dal GIP del Tribunale di Avezzano dott.ssa Maria Proia, in quella che è stata nominata “OPERAZIONE ELDORADO” per sottolineare la sete di denaro degli indagati.

Il blitz è stato diretto dal Vice Questore Marco Nicolai, in collaborazione con la Squadra Mobile di L’Aquila, della Questura, di unità cinofile antidroga e del Reparto Prevenzione Crimine. Le indagini, partite nell’autunno del 2012, traggono le mosse dalle rapine consumate in danno di alcuni esercizi commerciali della Marsica: Match Point, Compro Oro e il Supermercato “Deco”, e ha consentito di individuare questo agguerrito gruppo criminale.

La pericolosità della banda è emersa anche grazie alle intercettazioni telefoniche e attraverso azioni criminose commesse proprio contro il personale del Commissariato di P.S. di Avezzano. L’11 dicembre 2012 è stata danneggiata gravemente un’autovettura del Commissario di Avezzano, tramite l’esplosione di un grosso petardo all’interno dell’abitacolo mentre era in corso una perquisizione. Stiamo parlando di un’organizzazione criminale ben ramificata, che ha dimostrato la conoscenza dettagliata del territorio.

operazione eldorado danneggiamenti auto 2A coordinare i crimini erano i coniugi Antonio De Silvio e Leda Salvi, ed era proprio nella loro abitazione che avveniva la pianificazione dei furti e partivano le direttive dello spaccio d stupefacenti in modo da distogliere eventuali sospetti da parte della polizia. La droga veniva acquistata in provincia di Roma e rivenduta nella Marsica, e in alcuni casi veniva pagata in “natura”, col metodo del baratto. Tra i reati contestati anche il furto nell’Istituto scolastico dell’arte e nell’Istituto Scolastico dell’Agricoltura di computer, rame, argento e denaro. Scattato subito il sequestro della refurtiva e dei conti correnti degli indagati.

Entrando nello specifico, ecco di seguito i nomi dei malviventi e i reati a carico: De Silvio Antonio, Salvi Leda e Felughi Santo, responsabili del reato di detenzione e spaccio di stupefacenti; De Silvio Antonio, responsabile della violazione di cui all’art. 75 del Dlg. 159/11; Felughi Santo, responsabile del danneggiamento dell’autovettura del Commissariato di P.S. di  Avezzano in servizio di Polizia; De Michelis Marco, responsabile del reato di evasione e sottoposto agli arresti domiciliari con permesso lavorativo; Calisse Franco Antonio e Haraka Tawfiq, responsabile del reato di favoreggiamento personale. Tra le persone arrestate anche due donne protagoniste di una tentata rapina in un’abitazione a Pescina il 27 dicembre 2012.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top