Lavoro

Micron, accordo su tagli a esuberi, da 419 a 320 unità

Ipotesi d’accordo nella notte al ministero del Lavoro sulla vertenza Micron che prevede la riduzione degli esuberi della multinazionale di microelettronica da 419 a 320 unità e con la STMicroelectronics che ha dato la disponibilità ad assorbire 170 lavoratori. A rendere noto il contenuto dell’accordo, che dovrà essere approvata da assemblee dei dipendenti, è il segretario di Ugl Metalmeccanici di Catania, Luca Vecchio, sottolineando che nel capoluogo etneo gli esuberi passerebbero da 127 a 39 unità.

Secondo Luca Colonna, segretario nazionale della Uilm, gli esuberi della multinazionale americana in Italia sono 419 e lavorano oltre che ad Arzano, ad Agrate e Vimercate (Monza Brianza), Catania e Avezzano. «Sono stato scongiurati i licenziamenti – continua il dirigente sindacale – e sono previste soluzioni occupazionali certe per più di due terzi degli interessati. Inoltre, c’è almeno un anno di tempo per individuare, attraverso incentivi all’uscita, ‘outplacement’, progetti di ricerca finanziati dalla Ue tramite le Regioni, le soluzioni per il rimanente un terzo dei lavoratori». Positivo il giudizio della Uilm: «Abbiamo individuato una buona soluzione – conclude Colonna – ma saremo soddisfatti solo quando avremo trovato la soluzione occupazionale per tutti».

Ieri in tutti i siti, compreso quello di Avezzano, si sono svolte assemblee per informare i lavoratori a approvare l’intesa, che verrà ratificata definitivamente la prossima settimana. «Micron – evidenzia Paolo Sangermano, segretario Cisl della provincia dell’Aquila – recupera 85 posizioni professionali, che riducono i 419 esuberi iniziali, mentre ST Microelettronics, che vede una partecipazione di controllo paritetica tra ministero del Tesoro e fondo strategico industriale francese, si impegna ad assumere 170 persone entro il periodo di cassa integrazione. Micron offre, inoltre, 62 opportunità di trasferimento all’estero e 40 di trasferimento nelle altre sedi italiane, con incentivi e sostegno per lo spostamento.

Saranno svolti corsi di formazione e riqualificazione». «Un risultato importante – sottolinea Sangermano – in un momento in cui, molte delle vertenze industriali, si sono concluse con un nulla di fatto. Con l’intesa si conclude una vertenza difficile e si rilancia il forte impegno dei lavoratori e del sindacato per l’occupazione». Il piano della Micron prevede, infine, il ricorso alla mobilità volontaria, con incentivi che vanno dalle 28 alle dodici mensilità.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top