Cultura

“Mi chiamo Mario”, detenuto di Avezzano vince il premio letterario “Michele Buldrini”

Avezzano-Ha iniziato a leggere libri per ingannare il tempo da trascorrere in carcere. Da lì è iniziata una passione che lo ha portato a vincere il premio letterario “Michele Buldrini” indetto dall’Unione Lettori Italiani Campobasso. Lui è Mario Livrieri, 29 anni, di cui la metà trascorsi in carcere prima a Campobasso e poi ad Avezzano dove è stato trasferito da alcuni anni. Il racconto proposto al vaglio della giuria si intitola “Mi chiamo Mario” e narra la storia di un detenuto pronto a togliersi la vita oppresso da un sistema giudiziario che “considera solo l’attimo che ti è costato quindici anni ignorando quanto di buono tu abbia fatto”. Portando avanti questa sua passione per la scrittura, il detenuto sta inoltre lavorando ad un’autobiografia.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top