Connect with us

Cronaca e Giudiziaria

Meteo: la Marsica si gode il sole d’Ognissanti

Pubblicato

on

Bello per tutto il week end. Il maltempo sembra, oramai, un lontano e brutto ricordo. Il fine settimana dedicato alle maschere dei vivi e ai volti dei morti non ammette pioggia. «Il tempo resisterà mite fino a giovedì».

Non c’è spazio per la pioggia, nella culla dell’Orso marsicano, ma solo per le lacrime memori di chi, oggi, non v’è più. Si chiude l’ombrello e si spalanca l’album dei ricordi, quindi, durante il week end venturo, nella zona marsicana d’Abruzzo. Il fine settimana di Ognissanti porterà grigiore, di fatti, solo dentro le case degli abitanti dei comuni della conca del Fucino. Fuori, sarà gradevole grazie al tanto amato sole autunnale. «La nuvolosità  – spiega Thomas Di Fiore, il nostro esperto Meteo, membro – che ci ha accompagnato nelle ultime ore, lascerà spazio ad una condizione del cielo migliore, grazie all’affermarsi di un campo anticiclonico sui Balcani, favorevole all’afflusso di correnti fresche da est, che porterà, in previsione, un leggero calo delle temperature (4°c ad 850hpa)».

Quindi gradevole di giorno e freddo di sera: come vuole il classico periodo che fa rima con cioccolata calda sormontata da panna montata fra foglie dipinte d’autunno. «Se da una parte, quindi, – continua Thomas – avremo temperature gradevoli di giorno, nottetempo, oltre alle classiche nebbie, la Marsica dovrà fare i conti anche con piuttosto temperature basse, che potranno dar luogo a delle gelate notturne, in ispecie nella conca fucense». Thomas, membro storico dell’Associazione meteorologica aquilana ‘AQ Caputfrigoris’, colora, quindi, una panoramica assai attraente per tutti gli abitanti della Marsica. Qualcuno già comincia ad organizzarsi per la tipica settimana bianca, anche se, dice Thomas «la vacanza in alta quota, di solito, prende il periodo che da gennaio arriva sino a febbraio, proprio per la presenza massiccia di neve». Tornando a noi, da venerdì sera in poi, il bel tempo spadroneggerà su tutta la zona nostrana.

A partire da oggi, venerdì 30 ottobre, il nostro uomo del Meteo, dipinge un quadro abbastanza terso: il cielo presenterà una certa nuvolosità, con qualche isolata precipitazione proprio  interessante l’area marsicana. Venti dai quadranti orientali tenderanno a far scendere un poco le temperature, specie le minime notturne. «Dopo venerdì, partirà un bel week end da vivere a pieni polmoni. Il giorno assomiglierà ad un re bello e mite, mentre la notte ad una dama fredda ma a tratti serena».

LE PREVISIONI PER IL WEEK END – «Per sabato, ultimo giorno del mese, il tempo  – spiega Thomas – appare buono, con temperature piacevoli di giorno e fredde di notte. Quella di Halloween sarà, comunque, un’occasione di festa con possibilità, purtroppo, di alcune leggere brinate notturne, per quel che concerne la conca del Fucino. La giornata di domenica, 1 novembre, sarà soleggiata e con cielo poco nuvoloso. Venti deboli da est; per l’area di Collarmele e di Pescina, è prevista qualche raffica moderata. Le nebbie prenderanno possesso della Marsica nottetempo e al mattino, con la possibilità di gelate notturne per l’inversione termica delle vallate».

PREVISIONI PER IL RESTO DELLA SETTIMANA – Per lunedì 2 novembre, invece, giorno della classica commemorazione dei defunti, le condizioni meteo miglioreranno ancora, «dato che il centro del campo anticiclonico posizionato sui Balcani, tenderà a coinvolgere di più l’Italia centrale.  – afferma Thomas – E’ in programma, perciò, un lieve aumento di temperature, vento praticamente assente e nebbie notturne. Giornate assai miti quelle di martedì e mercoledì, che saranno caratterizzate da cielo sereno, eccetto qualche banco di nebbia previsto per le prime ore del mattino. Le temperature saranno, quindi, in aumento, con valori che si aggireranno attorno ai 10°c ad 850 hpa. Ciò significa che i valori massimi potranno superare anche i 15°c nella città di Avezzano, nonostante le giornate brevi, topiche del periodo in essere. Buono ovunque anche per giovedì».

Luco1

L’ANGOLO CURIOSO DEL METEOROLOGO – Oggi abbiamo deciso di narrare di una leggendaria nevicata, che, in un anno ora assai lontano, mise in ginocchio gran parte della Marsica nostrana. Quella nevicata lì, ribelle e nota ai più  come la grande bufera di freddo del ’56, dettò legge per vari mesi, opponendo agli spostamenti dei marsicani di una volta, vere e proprie mura di gelido ghiaccio. «Fra il dicembre del 1955 – racconta Thomas – e il gennaio del 1956, la temperatura fu piuttosto mite. In Abruzzo, infatti, non v’era neve nemmeno in alta quota, quindi nessuno avrebbe potuto immaginare l’inferno di ghiaccio che stava lì, lì per scatenarsi. Dato che, all’epoca, di fatti, non esisteva ancora la matematica al servizio del Meteo, nessuno poteva venire a sapere che sulla Russia, proprio allora, stava formandosi un tremendo anticiclone siberiano, di notevole entità. L’anticiclone, normalmente, è foriero di bel tempo, ma questo era caratterizzato da una sorta di ‘convoglio’,  nella parte meridionale, di aria gelida. Quell’inverno fu una sorta di antesignano di ciò che accadde, poi, nel febbraio non troppo lontano del 2012. Con lo scoccare del 1 febbraio del 1956, quindi, incominciò a cader giù neve in abbondanza».

Nevicate diffuse e persistenti si sono avvicendate per 20 giorni interi. «Poi – aggiunge Thomas – ci fu uno stop. Le nevicate ripresero a brandire la Marsica dal 4 marzo del ’56 sino al 20». La soluzione del mistero della mitica nevicata di allora, è da rintracciarsi proprio nella formazione del suddetto anticiclone di alta pressione, di stampo russo-siberiano, ‘termicizzato’. «Tutte le pianure sermatiche – e quindi Siberia e Russia – erano caratterizzate da temperature bassissime. – afferma Thomas – Ciò comportò la freddezza di questo anticiclone. Le correnti attorno agli anticicloni, si muovono al contrario rispetto alle depressioni: quindi, in senso orario. Nel punto meridionale dell’anticiclone, scorreva dell’aria molto fredda, che proveniva proprio dalla Siberia e dalla Mongolia. E proprio questa stessa si è avvicinata al bacino del Mediterrano, verso le zone dei Balcani, dell’Italia e della Spagna. In questo triangolo geografico, quindi, andò a formarsi una depressione, nella quale le correnti calde (da Scirocco) sormontavano le fredde, poiché più leggere. Questo fenomeno diede luogo alle forti nevicate». Nella storia del Meteo, di queste surreali nevicate, se ne contano all’incirca tre: la prima, accaduta nel 1929, la seconda nel ’56 e la terza nel più recente 2012. «L’annus horribilis è stato sicuramente il primo, il 1929, in cui per quattro giorni di fila, in maniera ininterrotta, dal 10 febbraio circa, venne giù davvero tantissima neve».

Luco10«Nel 1956, ad Avezzano, cadde un metro di neve, mentre a Pescina si narra addirittura che il treno venne bloccato da mura nevose alte sette metri. Un inverno tremendo e assolutamente inaspettato», conclude Thomas. Nel mese di marzo, nell’anno del 1956, ci fu, poi, una recrudescenza del freddo. «Ciò significa che sulla Marsica, allora vennero giù altre nevicate, di notevole portata. Il 2012, invece, fu un anno molto mite nel mese seguente di marzo». Il gelo portato dall’anticiclone russo-siberiano è chiamato dagli addetti ai lavori come ‘pellicolare’, «in quanto – spiega Thomas – porta freddo a tutte le quote». Nel più recente 2012, nevicò da Ostia fino a Pescara. Per l’inverno prossimo venturo si spera di non contare un quarto anno di neve consecutiva e abbondante. Per i poeti, le mura nevose, saranno pure simbolo di eternità e lentezza della vita, ma per chi nella neve si risveglia con l’impellenza di andare a lavoro, hanno le sembianze di veri e propri incubi da vivere, purtroppo, ad occhi aperti. (g.c.)

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca e Giudiziaria

Si apre il processo “Capogna”: 26 rinviati a giudizio tra imprenditori e politici marsicani

Pubblicato

on

Avezzano – Si aprirà il 10 ottobre 2019 davanti al Collegio del Tribunale di Avezzano il processo che ha visto 26 persone, tra imprenditori e politici marsicani, coinvolte in un presunto giro di tangenti in materia di appalti pubblici in vari comuni della Marsica e accusate a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, turbativa d’asta, estorsione, concussione, falso, riciclaggio, usura e responsabilità amministrativa del legale rappresentate della società in relazione al reato della corruzione [Leggi qui]. Il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Avezzano, infatti, ha rinviato a giudizio a vario titolo Bianchini Maurizio, Mariano Santomaggio, Salvatore Manfredo, D’Aurelio Federico, Salucci Angelo, Babusci Luigi, Di Cesare Martorano, Del Corvo Gianluca, Dominici Luca, Di Stefano Francesco, Tonelli Claudio, Manzoni Luca, Piccone Filippo, Gatti Mario,  Ciaccia Luigi, Quaglieri Paola, Marcelli Francesco Maria, Buccitti Fabio, Paolini Danilo, Santomaggio Mariano, Aureli Mario, Di Cesare Martorano, Tonelli Claudio, Palumbo Domenico, De Angelis Corrado, Del Corvo Gianluca. Per alcuni degli imputati che compariranno davanti al collegio il gup ha archiviato alcune accuse mosse dagli inquirenti.

Prosciolti dalle accuse, invece, Quaglieri Mario, Ermanno Bonaldi, Pignanacci Guido, Elio Morgante, Cesidio Piperni, Giampiero Attili, Aurelio Maurizi per intervenuta prescrizione; Frigioni Vittoriano e Venditti Paolo prosciolti nel merito dalle accuse.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Incendio provoca l’esplosione di una bombola di gas, paura a Celano

Pubblicato

on

Celano – Due squadre dei vigili del fuoco di Avezzano stanno operando in un’abitazione del “Rione Crocifisso” a Celano interessata dallo scoppio di una bombola di gas. L’esplosione sarebbe avvenuta a causa di un incendio divampato in un magazzino annesso dove erano custodite diverse bombole di gpl. Fortunatamente solo una di esse è esplosa, ma senza provocare gravi danni. Il forte boato causato dalla deflagrazione è stato avvertito da molti residenti.

 

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Raffica di incidenti alle “curve di San Vincenzo”: mamma e bimba si ribaltano, l’assessore Angelucci sfonda il guardrail

Pubblicato

on

Luco dei Marsi – Raffica di incidenti stradali sulla Strada provinciale 22 nel tratto noto come le “curve di San Vincenzo”. Un’auto con a bordo una giovane mamma e la sua bambina si è ribaltata, probabilmente a causa del ghiaccio. E’ accaduto ieri, intorno alle 13. A bordo della Fiat Panda c’erano una giovane donna di Luco dei Marsi e la sua bimba di soli quattro anni, rimaste illese nonostante i danni ingenti riportati dall’auto. Mezz’ora prima nello stesso punto una Picasso grigia è uscita fuori strada sfondando il guardrail e restando in equilibrio sulla vegetazione verso la sottostante Circonfucense. Alla guida dell’auto l’assessore del comune di Luco dei Marsi, Valentina Angelucci, candidata alle elezioni regionali, che nell’incidente ha riportato lievi traumi ed è stata medicata al pronto soccorso di Avezzano.

 

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Ordigno inesploso rinvenuto ad Avezzano, artificieri sul posto

Pubblicato

on

Avezzano – I vigili del fuoco di Avezzano sono intervenuti in seguito ad una segnalazione per la presenza di un ordigno esplosivo, di cui si sta verificando la natura, rinvenuto nel pomeriggio di oggi nella zona nord di Avezzano. I vigili del fuoco hanno messo in sicurezza la zona. Secondo i primi accertamenti potrebbe trattarsi di un fuoco pirotecnico di grande potenza inesploso. Sul posto anche carabinieri della locale stazione e gli artificieri della polizia.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Aperta un’inchiesta sulla morte di Antonello Ferreri

Pubblicato

on

PescasseroliAntonello Ferreri, giovane chef di 35 anni, originario di Avezzano è morto in circostanze ancora tutte da chiarire, tanto che la Procura del Tribunale di Sulmona ha aperto un’inchiesta. Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri della compagnia di Castel di Sangro.

Lo hanno trovato, questa mattina, riverso sulle scale dell’Hotel di Pescasseroli dove lavorava da qualche mese. Sono due al momento le ipotesi al vaglio degli inquirenti: il giovane chef potrebbe aver perso la vita per un improvviso malore che sarebbe risultato fatale, provocando la caduta, oppure la morte potrebbe essere subentrata dopo un incidente. Dubbi che dovranno essere chiariti dall’autopsia già disposta e che sarà affidata al medico legale già domani mattina. A ritrovare il corpo esamine del giovane cuoco sarebbe stato un collega che ha lanciato subito l’allarme e ha allertato i soccorsi. A constatare il decesso sono stati prima i sanitari del 118, e poi il medico legale fatto intervenire dai carabinieri per la prima ispezione cadaverica.

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Tenta di scippare una mamma con bambino alla stazione, arrestato un marocchino

Pubblicato

on

AvezzanoTentato scippo alla stazione ferroviaria di Avezzano ai danni di una mamma che aveva con sé il figlio minorenne. Per questo ieri sera gli agenti del Commissariato di Avezzano hanno arrestato un cittadino di nazionalità marocchina, già noto alle Forze di Polizia in quanto sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di firma per reati contro il patrimonio e la persona. L’extracomunitario ha tentato di impossessarsi della borsa della donna, ma senza riuscirci grazie alla pronta reazione del compagno. A casa del marocchino gli agenti hanno trovato circa 30 grammi di droga tra hashish e marijuana. L’arrestato è stato condotto presso il carcere di Avezzano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Anche qualche giorno fa una donna era stata scippata sempre in zona stazione, in quell’occasione il consigliere comunale Francesco Eligi aveva inseguito il ladro che, braccato, ha abbandonato la borsa [Leggi qui].

 

Continua a leggere

Cronaca e Giudiziaria

Muore dopo 36 ore al pronto soccorso, vittima il gestore del bar dell’INPS

Pubblicato

on

Avezzano – É morto dopo essere rimasto in osservazione per quasi due giorni al pronto soccorso, dove si era recato per un malessere. Il tragico finale ha visto vittima un sessantaquattrenne luchese, Mino Porcelli, molto conosciuto in paese e ad Avezzano, dove gestiva il bar presente nella struttura dell’INPS.

Il calvario dell’uomo è iniziato giovedì scorso quando ha accusato un malore. Giunto all’ospedale del capoluogo marsicano, era stato visitato e sottoposto a delle analisi; i medici ne avevano disposto la permanenza nelle sale del pronto soccorso, sotto osservazione. Secondo una prima ricostruzione, le condizioni dell’uomo erano andate degradandosi nel corso delle ore, con un nuovo episodio critico nella serata di ieri, venerdì 4 gennaio. Il decesso dell’uomo è avvenuto nella mattinata di oggi. I familiari hanno presentato denuncia e la Procura ha avviato le indagini, disponendo l’autopsia sul corpo dell’uomo. Mino Porcelli lascia la moglie, un figlio e una figlia.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com