Cronaca e Giudiziaria

Meteo, cosa ci aspetta nei prossimi giorni?

Previsioni del tempo in Italia fornite dal Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare.
MERCOLEDI’ 4: NORD – cielo in prevalenza coperto su tutte le regioni con precipitazioni nevose tra Valle d’Aosta, Piemonte, Emilia Romagna, specie settore occidentale e zone montane e pedemontane sia dell’intero Appennino che alpino centro orientale. le nevicate che subiranno una parziale attenuazione nel corso del pomeriggio torneranno a farsi diffuse tra Piemonte centro-meridionale ed Emilia raggiungendo anche le quote pianeggianti. Altrove invece la quota neve sara’ un po’ piu’ elevata ed interessera’ soprattutto il settore piu’ settentrionale del triveneto. CENTRO E SARDEGNA – nuvolosita’ diffusa e consistente su tutte le regioni peninsulari e sull’isola con precipitazioni altrettanto diffuse e con caratteristica di forte intensita’ specie tra Toscana, Lazio e zone interne. Piu’ deboli i fenomeni sulle coste adriatiche. Nevicate a quote di medio-bassa collina su tutto il settore appenninico. SUD E SICILIA – al mattino nuvolosita’ consistente soprattutto sulla Campania, Basilicata tirrenica e settore piu’ settentrionale della Calabria con precipitazioni diffuse anche temporalesche che inizieranno ad attenuarsi a partire dalle ore pomeridiane. Le nubi non mancheranno anche sul resto del meridione ma si presenteranno in forma meno estesa e compatta risultando alternante anche a locali schiarite specie tra Sicilia e settori ionici. TEMPERATURE: minime e massime in diminuzione sulle regioni di nordovest e sul settore occidentale dell’Emilia Romagna; in aumento tra triveneto ed il resto del Paese. VENTI: deboli orientali o nordorientali al nord con decisi rinforzi su basso Piemonte e Liguria di ponente; moderati, ma con rinforzi, di provenienza meridionale su tutte le regioni con tendenza a divenire moderati o forti di maestrale sulla Sardegna. MARI: moderati, ma con rinforzi, di provenienza meridionale su tutte le regioni con tendenza a divenire moderati o forti di maestrale sulla Sardegna; tutti da mossi a molto mossi a parte il mar di Sardegna, il Tirreno centrale ed il basso Adriatico che risulteranno agitati.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top