Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Giudiziaria

Maxi discarica abusiva a Magliano, assolti tutti gli imputati


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Sono stati assolti perché il fatto non sussiste, dopo essere stati rinviati a giudizio dal giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Avezzano con l’accusa di aver violato norme sulla tutela ambientale. Il fatto è accaduto nel 2008, quando il Corpo Forestale dello Stato, in seguito ad un esposto, aveva denunciato alla Procura della Repubblica 17 persone. Il reato contestato agli imputati era quello di discarica abusiva: secondo i magistrati, infatti, i marsicani, quasi tutti ultra settantenni, avevano inquinato oltre due ettari di terreno, adiacenti una strada bianca nei pressi di Magliano, con calcinacci e rifiuti di ogni genere. Nelle scorse ore, però, il giudice del tribunale di Avezzano, Emilio Bernardi, ha assolto tutti i pensionati, accogliendo le tesi difensive degli avvocati Angelo Iacomini, Antonio Iannucci e Paolo Di Gravio, disponendo il dissequestro dell’intera zona. I legali, in aula, hanno fatto leva sulla approssimazione delle indagini svolte dalla Procura.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top