Calcio

Mauro Bencivenga e la Nuova Scuola Calcio ASD Piana del Cavaliere

La Piana del Cavaliere a livello giovanile ha ,dallo scorso Settembre,una Nuova Scuola Calcio. Presidente della neonata Associazione Sportiva Dilettantistica è Marino Bernardini; Vice Presidente Giancarlo D’Onofrio; Responsabile Impianti Pasqualino Cococcia ed infine, come segretaria, Alessandra Santarelli. Il meraviglioso ed attrezzatissimo Centro Sportivo “Salere” di Oricola, dotato di due campi sportivi di cui, il primo in erba naturale ed il secondo in terra battuta per le partite di calcio a “otto”, è la sede ed il luogo della ASD Piana del Cavaliere. Un impianto all’avanguardia come struttura architettonica, costruito e realizzato nel rispetto di tutte le norme di sicurezza, ambientali e antisismiche. A breve, verrà anche realizzata una palestra per tutti gli altri tipi di sport. Già ottanta bambini e una Squadra di Allievi , il Martedì e il Giovedì di ogni settimana dalle 15:00 alle 19:00,si allenano e si formano con il “grande” Mauro Bencivenga coadiuvato dai collaboratori tecnici Roberto Ferrari e Alfredo Giusti.

Bencivenga, originario di Vallinfreda, ha un curriculum di tutto rispetto come allenatore, sia riguardo alle esperienze nei campionati giovanili che in quelli dilettantistici e professionisti. Infatti, Bencivenga ha lavorato per dieci anni nel vivaio della Roma, crescendo un mucchio di ragazzi da serie A: Amelia, Bovo, Lanzaro, D’Agostino, Pepe, Bonanni, con i quali vinse uno scudetto Allievi nel 1999. In quella squadra un anno dopo portò Daniele De Rossi, reinventandolo da mezzala offensiva al ruolo di mediano, in cui ha mostrato le sue immense qualità. Durante gli anni di Capello sulla panchina della Roma, Bencivenga costruì un ottimo rapporto con il ct della nazionale inglese, che gli affidò anche il recupero di Chivu. L’arrivo di Spalletti con il suo ampio staff portò via Bencivenga dalla Roma, che si imbarcò in due esperienze difficili in Eccellenza, sulle panchine di Pomezia e Palestrina dopo un breve ed infelice periodo come secondo di Menichini al Klubi Futbolit Tirana.

A gennaio 2009 il Tirana si ricordò di Bencivenga e lo chiamò a lavorare in compagnia di Agustin Kola. Il tecnico italiano in diciassette partite ottenne dodici vittorie e cinque pareggi, con nessuna sconfitta e si laureò campione d’Albania. Mauro Bengivenga ha vissuto anche un’esperienza in Cina con Danilo Tommasi, alla ricerca di qualche nuova avventura estera. Ora, ha voluto, se così si può dire, ritornare nel territorio della sua famiglia:” Gli anni passano anche per me”, esordisce Bencivenga, “ma ho l’entusiasmo di un bambino e una grande voglia di lavorare. Ritornare ad allenare nella Piana del Cavaliere è una grande soddisfazione. So che tutti si aspetteranno molto da me perché ho allenato società importanti, ma io sono una persona normale che ha avuto soltanto delle grandi occasioni dalla vita.Quello che ho imparato dal calcio cercherò di offrirlo agli altri.

L’allenatore sportivo”, prosegue Bencivenga, ” è chiamato non solo a dare una preparazione fisica, tattica e tecnica ai giovani atleti che praticano sport, ma anche di insegnare ai ragazzi quei sani valori su come lo sport sia sacrificio, rispetto delle regole del gioco come di sé stessi e degli altri.

Insomma, la vera concretizzazione di quel contenuto etico necessario per la formazione dell’uomo sano: un messaggio,questo, che troppo spesso, nei massimi livelli sportivi, non ha più lo spazio che gli compete”.(di Newsmaker)

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top