Abruzzo

Maltempo, balneatori Abruzzo chiedono stato calamità naturale

I balneatori abruzzesi della Fab Cna chiederanno alla Regione la proclamazione dello stato di calamità naturale, dopo un’accurata verifica dei danni provocati dall’ondata di maltempo che nelle ultime ore si è abbattuta sull’Abruzzo. A dispetto delle previsioni, infatti, a creare problemi, ieri sera e nel corso della notte, non è stata tanto la pioggia, quanto, piuttosto, il vento, con raffiche fino ai 35 nodi, e una violenta mareggiata. Palme divelte, ombrelloni e sdraio volate via, cassonetti in acqua ed erosione di diversi tratti costieri: questo lo scenario che appare oggi sulle spiagge abruzzesi. Dopo una prima e sommaria verifica, il direttore regionale della Fab, Cristiano Tomei, parla di un bilancio «già preoccupante. Le segnalazioni più serie di danni – dice – riguardano la costa teramana e in particolare i comuni di Martinsicuro e Silvi. Ma anche il Pescarese, Montesilvano soprattutto, e la costa teatina, dove Francavilla al Mare e Vasto appaiono per ora i centri più colpiti, presentando un quadro di danni preoccupante». «Il problema – aggiunge – non riguarda solo le imprese turistiche, già colpite da una stagione estiva con più ombre che luci, ma l’intera economia turistica costiera regionale. Senza dimenticare i danni provocati a un bene dello Stato, quale la costa, dall’accentuarsi del fenomeno erosivo: da qui la nostra richiesta alla Regione affinchè si attivi al più presto per una verifica della situazione e per un incontro con gli operatori colpiti». Per il resto il maltempo non sembra aver creato grossi problemi: i Vigili del Fuoco sono impegnati un pò dappertutto per alberi e rami pericolanti, come a Pescara, in via Aldo Moro, dove un tronco è finito su un’automobile parcheggiata in strada, ma, in ogni caso, non si registrano situazioni di emergenza. Il Comune del capoluogo adriatico, che ieri sera ha attivato il Centro operativo comunale (Coc), è in attesa del nuovo bollettino della Protezione civile per decidere il da farsi. «Il peggio è passato – spiega Giovanni De Palma di AbruzzoMeteo – e la situazione va lentamente migliorando. Oggi ci saranno schiarite, ma potrebbero formarsi temporali sulle zone interne. Da stanotte, invece, c’è il rischio di nuove precipitazioni, anche violente, sulla costa e sarà così almeno fino a giovedì o venerdì».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top