Italia

Madia dà garanzie sul lavoro ai dipendenti delle Province

La questione dipendenti delle Province andrà oggi in consiglio dei ministri. È l’impegno preso dal ministro Marianna Madia con i sindacati. Si discuterà della proroga dei contratti di lavoro per «il migliaio di lavoratori precari delle Province, che altrimenti finirebbero il rapporto di lavoro tra pochi giorni, il prossimo 31 dicembre» e di una serie di incontri con i ministeri interessati «per eliminare le storture che si sono create tra la legge Delrio e la legge di Stabilità appena approvata». Queste le due richieste – recepite dal ministro della Pubblica amministrazione – portate dai sindacati. Il ministro Madia ha ribadito anche l’impegno a garantire i posti di lavoro. «C’è la voglia di fare le riforme, di superare le Province come ci siamo impegnati con i cittadini – ha sottolineato a conclusione dell’incontro con i sindacati – ma nello stesso tempo abbiamo l’obiettivo di garantire i lavoratori delle Province». Quello di ieri è stato un primo incontro, ce ne saranno altri per un percorso «che ci consentirà di ricollocare le persone nelle amministrazioni statali, nelle Regioni e nei Comuni in modo da valorizzarne le professionalità», ha detto il ministro Madia.

1 Comment

1 Comment

  1. Elena Micheli

    25 dicembre 2014 at 11:43

    Le assicurazioni della Madia contano quanto conta lei nell’ambito del governo: nulla.
    Il problema Province è rappresentato dal FURTO, operato dal Governo nei confronti di tali enti con la legge di stabilità: 1 miliardo nel 2015, che diverranno 2 nel 2016 e 3 nel 2017.
    TUTTO QUESTO A TASSAZIONE INVARIATA PER I CITTADINI.
    In tali condizioni le Province e le Città Metropolitane non potranno assicurare neppure i servizi essenziali (strade, edilizia scolastica, ecc.) e numerose di esse andranno in default già nel 2015, non riuscendo neppure a pagare gli stipendi dei dipendenti a tempo indeterminato.
    Altro che assumere precari!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top