Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Italia

M5S: espulso anche Cristian Iannuzzi


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Per il Movimento 5 Stelle sono ancora giorni di ordinaria follia. A far rumore, le nuove espulsioni, questa volta calate dall’alto e per ordine di Casaleggio. Gli ultimi ad allungare la lista dei «traditori» sono il deputato Cristian Iannuzzi e i due senatori Giuseppe Vacciano e Ivana Simeoni. Secondo i vertici e il capogruppo, Alberto Airola, il giudizio era stato sospeso mentre altre fonti raccontano di un voto contrario alla loro cacciata. Un giallo difficilmente risolvibile, che chiama in causa tutto il direttorio nominato da Beppe Grillo. Proprio ai cinque fedelissimi si rivolgono ora gli ex senatori già messi alla porta, richiamandosi a un problema di democrazia: Romani, Mussini, Bignami, Bencini e Casaletto chiedono la documentazione sulla loro espulsione che non sarebbe mai stata nota: «Ancora una volta l’assemblea è stata umiliata e calpestata, le decisioni definitive, come sempre, sono etero dirette dai vertici». Le regole ormai non esistono più e «espulsione dopo espulsione ne rimarrà solo uno» accusano i ribelli. Il caso è sollevato anche alla Camera, dove la fatwa colpisce in famiglia: l’ultimo dissidente cacciato è il deputato Iannuzzi, figlio della senatrice Simeoni. Lui annuncia le dimissioni dal seggio ma accusa ancora Casaleggio e i gruppi dirigenti di aver proceduto a un’espulsione a freddo, «senza alcun voto né dell’assemblea né della rete ma avvertito solo con un sms dal collega Alessio Villarosa».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top