Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Altri articoli

L’ultimo a saperlo è sempre il marito


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Capita anche questo nella nostra Italietta sgangherata.

Anno di grazia 2013, mese Dicembre, giorno 20. Una data come le atre, penserete. E invece, no.

O almeno, non per il Centro San Domenico e nemmeno per la politica. Forse qualcuno di voi avrà già capito a cosa mi riferisco. La voce era nell’aria ma sino alla mattina sembrava non crederci nessuno. Mi riferisco alla protesta dei genitori del centro per diversamente abili; più volte annunciata eppure presa sotto gamba dai più.

Compatti, grintosi, loquaci al punto giusto e, soprattutto, determinati ad ottenere qualcosa di concreto. Per le strade di Avezzano, a dispetto di tutto e di tutti; senza forconi o camion, senza insegne o bandiere, solo con la rabbia di chi soffre. Ci ascolteranno? I più se lo chiedevano e si rispondevano di no; ma in fin dei conti siamo in ballo e dobbiamo ballare!

La mattina come arriva, così se ne va; dal Comune di Avezzano scendono in diversi, al capezzale degli affranti genitori. Scende anche il sindaco; sembra una presa in giro e invece non lo sarà. Infatti, in men che non si dica, si sparge la voce della promessa di firma sulla deroga alla chiusura. E’ un provvedimento complesso e complessivo (perché in realtà riguarda tutto l’Abruzzo e non il caso specifico) e poi si è vinta solo una battaglia, mica la guerra!

Sarà stato questo il primo pensiero dei più? Di qualcuno senza dubbio, ma poi, a bocce ferme, ci rifletti e ti rendi conto di tanti altri aspetti. Ma nemmeno nei manuali di utopia (?), tu fai la manifestazione e subito il politico si fa convincere e firma. Tutto in tempo reale… in streaming.

E allora pensi pure a quanto i giochi politici, anche questa volta, si siano fatti beffa di noi, del popolo.

Diamogli il contentino, ma prima facciamogli prendere un po’ di freddo, altrimenti è troppo comodo! Sarà stato questo il pensiero di chi ci governa a livello regionale?

Non è dato saperlo, ma il sospetto è forte. Perché rendersi così impopolari quando si può fare la figura dei salvatori della patria!?! Quando la situazione sembra ormai persa, arriva super Chiodi e firma. E non importa che il marito sia l’ultimo a sapere di avere le corna. In fin dei conti è un classico e se ne farà una ragione… il marito.

Ma soprattutto, perché non dovremmo firmarlo? I soldi non ci sono per risolvere la questione definitivamente e allora noi ti firmiamo una deroga trimestrale e poi un’altra (magari dopo un’altra mezza tonnellata di suppliche) e scavalchiamo così la data delle elezioni.

E la figura del minchione così la fa il prossimo governatore d’Abruzzo. E se poi rivince Chiodi, come risolve?

VALE

Luca DJ Di Giampietro

1 Comment

1 Comment

  1. cartropo antani

    23 dicembre 2013 at 10:41

    Se rivince chiodi dopo i vari assessori arrestati …

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top