Italia

Loris, un video smentisce la mamma

Il filmato che sembra smentire il racconto di Veronica Panarello, una sequenza di immagini riprese da una telecamera di sorveglianza che dimostrerebbero che il piccolo Loris non è mai sceso dalla Polo nera della mamma vicino alla scuola, spinge le indagini sull’omicidio del bambino in una direzione imprevista, che getta sul delitto di Santa Croce Camerina un’ombra angosciosa. La mamma condotta nuovamente in caserma per tre ore martedì sera, due ore di perquisizione nella casa di via Garibaldi in cui il bambino viveva con i genitori, i riflettori puntati sulla famiglia già devastata, l’iscrizione di una persona nel registro degli indagati nell’inchiesta sull’omicidio del bimbo, ritrovato cadavere in un canale di Scoglitti, a quattro chilometri di distanza dalla scuola dove cui la giovane mamma, una casalinga di venticinque anni, aveva raccontato di averlo lasciato alle 8.25 di sabato scorso. «Non ci saranno tempi lunghi per chiarire le prime cose» dichiara in serata il procuratore di Ragusa Carmelo Petralia, sottolineando che la reazione dello Stato è stata «molto forte: abbiamo a disposizione il meglio degli investigatori italiani». La scena che potrebbe essere la chiave del mistero, rintracciata dagli investigatori in una mole immensa di immagini, oltre 4 tetrabyte di dati, sembra mostrare una verità diversa da quella raccontata dalla donna più e più volte dalle 12.30 di sabato scorso.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top