Politica

Lobene a Verdecchia: “servono opere a difesa agricoltori, no chiacchiere”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

“Abbiamo apprezzato l’operato dell’avv. Verdecchia che, in qualità di assessore all’ambiente del comune di Avezzano, ha combattuto, con il concreto sostegno di Confagricoltura L’Aquila, la battaglia contro la realizzazione della centrale a biomassa della soc. Power Crop. Lo apprezziamo meno nella difesa d’ufficio del sindaco e presidente del comitato di sorveglianza del CAM per la questione della depurazione delle acqua”. Con queste parole Fabrizio Lobene, presidente provinciale Confagricoltura L’Aquila, si scaglia contro Roberto Verdecchia, assessore all’ambiente del comune di Avezzano.

“Anche ora una “arringa” burocratica a difesa dell’operato del comune che, giustamente, non poteva non prendere il provvedimento di sospensione dell’irrigazione risultata inquinata per l’insufficiente funzionamento del depuratore del nucleo industriale che, è al servizio dell’intera città di Avezzano”. I cittadini di Avezzano per questo servizio pagano il 50% dell’intero costo della bolletta al CAM. Il paradosso è che gli agricoltori, nelle loro aziende, devono rispettare le rigide normative sugli scarichi, che sono le stesse per il CAM e l’ARAP e se non le rispettano, oltre a prendere sanzioni amministrative e penali pesantissime rischiano la chiusura degli impianti. “Ed allora la domanda che sorge spontanea è: perché una impresa privata è obbligata a rispettare le leggi mentre gli enti gestori di servizi pubblici no? Infatti, non si chiude l’impianto inquinante, si chiudono o si danneggiano, con provvedimenti cautelativi, le aziende private che, ricordiamo, in assenza di fabbriche, ora sono il perno dell’economia del territorio. È chiaro che è del tutto preminente la salute pubblica, ma si abbia il coraggio di chiudere l’impianto che inquina e sanzionare pesantemente gli amministratori che governano gli enti che non rispettano le leggi. Da un amministratore pubblico ci si aspetta non la difesa d’ufficio del sindaco e dei funzionari, ma le indicazioni politiche per la soluzione del problema, cosa fare perché il depuratore funzioni, quali investimenti sono necessari per renderlo efficiente, dove trovare le risorse per rendere efficienti gli impianti,dando priorità a quelli che danneggiano le attività produttive”.

Questo deve fare un amministratore che vuole effettivamente difendere una parte importante dell’economia del territorio. Il carteggio intercorso tra ARAP, ARTA, CAM, ASL, Comune e Regione, che qui alleghiamo è la più chiara dimostrazione che cittadini e imprese sono ostaggi a pagamento delle carenza della politica e della burocrazia. Prendersela con gli amministratori del passato non ha senso ed appartiene allo sport italiano per eccellenza che è lo scaricabarile.

 

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top