Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Altri articoli

Lo sforzo supremo…


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Mentre vi scrivo, le suole di chi ha partecipato alla marcia pro tribunale sono ancora calde.

Scelgo quindi di non lasciar “decantare” un po’ l’argomento, e forse sbaglio, perché servirebbero più elementi per avere una visione di insieme di quanto è stato. Nel mio tentativo abbozzato cerco, quanto meno, di rifugiarmi subito in un approccio quantitativo più che qualitativo, elencando i freddi numeri.

Al telefono, qualche ora fa, avevo colto un certo entusiasmo in chi era presente, ma i primi comunicati parlano di mille fiammelle (o, al massimo, 1500, ndd); non poche ma nemmeno tante. Ora, almeno che la maggior parte dei presenti non abbia sfilato fra le vie della città al buio, ci dovrebbe essere un criterio di proporzionalità fra le fiammelle e le persone, che al netto quindi fa mille camminatori (lapalissiano…).

Tutta questa manfrina per dire che nella mattinata della stessa giornata, sempre pro tribunale suo, in una città vicina (Sulmona) avevano sfilato in 2000, sia pur con la preziosa alleanza delle scuole, storicamente molto solidali in orario scolastico, meno nella fascia pomeridiana (era così anche quando lo scioperante ero io, ci mancherebbe, non mi fraintendete…).

Criteri proporzionali e numerici ci dicono invece che la città di Ovidio, al netto, rimane sotto i ventimila abitanti mentre, la zona peligna tutta, svetta sino a superare i quarantamila, quanti ne fa la sola Avezzano.

Continuiamo a dare i numeri: 140mila circa sono gli abitanti della Marsica, centomila quelli del bacino del Fucino. Che è come dire che i 2000 (a voler essere stretti) sarebbero dovuti esserci da noi e i 1000 (a voler essere generosi) nel vicino capoluogo peligno.

Bisogna sapersi accontentare però. Anche perché l’attivismo politico non è mai stato il nostro forte; bisogna risalire alle lotte dei braccianti del Fucino e, più recentemente, alla guerra per AZ provincia per avere quel bagno di folla che, va detto, per il tribunale comunque non c’è stato (a scanso di equivoci).

Va invece sottolineato, in vero, che il bicchiere è mezzo pieno se partiamo dall’esempio del mini raduno contro i tagli alle strutture sanitarie che ci fu nel nostro capoluogo di zona, appena un pugno di anni fa. Anche lì è possibile fare un confronto, con tanto di scontro diretto con i sulmonesi. Furono più di ottomila in piazza nelle loro file, contro le nostre poche centinaia di fronte alla cattedrale.

Mi sembra quindi palese che un 1 a 4 sia comunque meglio di uno 0 a 8. Diciamo che la giustizia da noi tira più della salute? O invece che gli atleti messi in campo in questo caso sono più blasonati e famosi?

Difficile dirlo, ma il vero problema è che quel flop e questo mezzo successo porteranno alla stessa conclusione, temo. Anche perché la reazione è stata, come troppo spesso accade in Italia, colpevolmente tardiva.

E allora accontentiamoci dell’incremento della partecipazione che comunque qualcosa è…

VALE

Luca DJ Di Giampietro

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top