Sport

Derby d’alta quota: Lo Schioppo si laurea campione, il Pero recrimina per le decisioni arbitrali. Il racconto del match


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Pero dei Santi. Doveva essere la partita dell’anno… prima contro seconda, il derby tra due compagini divise da un solo km… e da 4 punti.. i rispettivi campi da gioco divisi solo dal fiume Liri… insomma c’era tutto il romanticismo e le premesse per una gara spettacolare. E cosi è stato.

Più di 500 persone ad assistere al match!

Il risultato finale di 3 – 3 ci racconta di una partita avvincente, combattuta e sofferta fino alla fine. Il pareggio premia l’Asd Lo Schioppo, che forte dei 4 punti di vantaggio prima della partita, si laurea campione.

La cosa più bella della partita a nostro avviso è stato, al termine della stessa, l’applauso dei ragazzi di Mister Cecchini alla compagine Morinese per la vittoria del campionato, qualcosa di impensabile fino a qualche anno fa in queste categorie, ma atteggiamento ormai riconosciuto da tutti gli avversari del campionato, quello dei ragazzi del Pero che gli rende onore e rende onore al Mister ed alla Società che hanno lavorato molto su questo aspetto, puntando a vincere in campo e fuori.

Passiamo ora ad analizzare tecnicamente la partita con il racconto del nostro inviato e quello dei partecipanti.

Partita maschia, per lunghi tratti di un’altra categoria con giocatori che hanno calpestato anche palcoscenici più importanti, ma corretta in campo dove si affrontavano avversari si ma anche molti amici e parenti, dovuto soprattutto al fatto che 8 giocatori dell’Asd Pero Dei Santi sono di Morino e ieri cosa curiosa erano in maggioranza sul terreno di gioco.

Pronti, via e Pero in vantaggio complice un errore del portiere dello Schioppo su retropassaggio di un proprio compagno.

La partita si accende subito ed il Pero forte del vantaggio psicologico attacca e recrimina per un rigore su Giovarruscio che sembrava essere netto non fischiato dall’arbitro. A fine primo tempo però la compagine gialloblù trova ugualmente il raddoppio con una punizione di D’amico (capocannoniere del torneo) che grazie alla deviazione della barriera che spiazza il portiere neroverde.

A questo punto i giochi sembrano fatti, primo tempo dominato dal Pero con Lo Schioppo contratto e disorientato dall’aggressività degli avversari.

Al rientro però Lo Schioppo prova subito a rimediare allo svantaggio e trova il gol del 1-2, viziato però da un fuorigioco di Cicchinelli che riceve la palla oltre la linea del portiere che era uscito e come da regolamento ci sarebbero dovuti essere due giocatori per tenerlo in gioco.

Da qui inizia un’altra partita con Lo Schioppo che spinge e il Pero sempre pungente in attacco. Altro episodio contestato dalla compagine gialloblu, quando a loro avviso l’arbitro non fischia il gioco pericoloso a centrocampo sul proprio giocatore, l’azione continua con D’Innocenzo a terra dolorante e si conclude con il raddoppio sempre di Cicchinelli, che sembrava al di là della linea difensiva al momento del delizioso assist di Iacovitti.

Sta di fatto che l’arbitro convalida ed è tutto capovolto, 2-2 con i tifosi dello Schioppo in delirio.

Quando sembrava che il gol avesse piegato le gambe al Pero, ecco invece la reazione di orgoglio della squadra di casa che trova il nuovo vantaggio a 10’ dal termine con Zuccari. Situazione capovolta e questa volta in estasi ci vanno i tifosi del Pero con i sostenitori dello Schioppo che rivivono le immagine della gara d’andata dove la partita finì 3-2 per il Pero.

Questo sembrava davvero l’atto finale di una partita che aveva già detto molto. Invece no. L’arbitro assegna 9 minuti di recupero durante i quali il Pero resta in 9 prima per l’espulsione per doppio giallo di Marchione poi di un altro suo compagno il quale ha avuto una colluttazione con un avversario, ma l’arbitro ha estratto il rosso solo per il giocatore del Pero. A questo punto Lo Schioppo con due giocatori in più tenta l’assalto finale e trova la rete che lo proclama campione quando il cronometro segna minuto 98’!

A questo punto di nuovo tutto ribaltato, Lo Schioppo in festa e Pero a protestare contro l’arbitro.

Finisce qui,con uno spettacolare e rocambolesco 3 a 3 che dà allo Schioppo quel punto che bastava per laurearsi campione. Complimenti a Mister Giovarruscio che al secondo colpo centra la promozione e si prepara già ad affrontare il prossimo campionato di Seconda Categoria. Complimenti anche ai ragazzi di Mister Cecchini che ora devono recuperare le energie psico-fisiche per puntare a vincere i play-off  e raggiungere in Seconda i cugini.

A fine partita la gioia e la festa dei ragazzi dello Schioppo si protrae fino a notte fonda con sfilate canti e cori.

L’altro lato della medaglia invece mostra il rammarico dei ragazzi e dei dirigenti del Pero che raggiunti dai nostri microfoni alzano la voce contro il direttore di gara, reo a loro avviso di aver condizionato la gara con scelte sbagliate negli episodi decisivi, “durante la partita mi ha chiamato mamma dicendo che era pronto a cena” ironizza uno di loro sul recupero estremamente sostanzioso dato dall’arbitro, “ ho preso un pugno in faccia dal 9 ed ho reagito, il rosso solo per me” dichiara il ragazzo espulso.

Insomma sicuramente porterà degli strascichi, inevitabili per una partita di questa importanza.

Il campo dalla sua ha parlato, Lo Schioppo ha vinto il campionato meritatamente, il Pero ha dimostrato di essere alla pari, anzi superiore negli scontri diretti. Ad entrambe i complimenti per aver regalato alle Comunità di Morino e Pero Dei Santi una domenica di sport fantastica che rimarrà nella storia sportiva dei due Comuni.

 

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top