Altri articoli

Linea Roma-Avezzano, Ecco come le Ferrovie risolvono i disagi quotidiani dei pendolari

Ieri mattina mentre a Bagni di Tivoli si viveva un drammatico incidente ferroviario che ha coinvolto un ragazzo di 21 anni, in un altro punto della linea ferroviaria i pendolari andavano incontro all’ordinaria farsa, comune a tante altre giornate.

Per l’ennesima volta, infatti, il treno degli studenti in partenza alle 7,25 da Carsoli per Avezzano è stato soppresso, a causa della rottura del convoglio, giunto tra l’altro poco prima in condizioni precarie da Avezzano.

Ma le assurdità non finiscono qui.

Sono stati, infatti, organizzati dei “Bus” sostitutivi che, “naturalmente”, non hanno coperto doverosamente tutte le fermate previste: tanto è vero che gli studenti e gli altri abitanti di Colli di Monte Bove sono rimasti all’asciutto.  Infine – dulcis in fundo – mentre i pendolari affrontano mille disagi quotidianamente, si sgolano per richiedere puntualità ed efficienza nei trasporti locali, sollecitano incontri con i politici, a tutti i livelli, per trovare soluzioni alle problematiche, le Ferrovie cosa fanno?

Invece, di destinare i fondi dove servono, mandano in giro gli operai – come quello in foto ripreso ieri mattina a Tivoli – per dare una “verniciata” al marmo esistente.

Forse, sarebbe il caso che i politici che si stanno adoperando seriamente per risolvere i problemi dei pendolari, si sveglino e non si facciano prendere in giro, perché i fondi per la manutenzione dovrebbero essere destinati su altre voci. E loro stessi dovrebbero pretendere di dialogare con interlocutori competenti: in grado di conoscere i reali problemi dei viaggiatori e della gestione, a tutto tondo, di una linea ferroviaria.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top