Cultura

L’ex Montessori diventa polo culturale: stanziati 370mila euro per i lavori

Una sala conferenze da oltre 50 posti, un’altra dedicata alla lettura e un’emeroteca saranno gli spazi più importanti del nuovo polo culturale che l’amministrazione comunale di Avezzano, guidata dal sindaco Giovanni Di Pangrazio, metterà a servizio della città a partire da giugno 2016. Sono iniziati, infatti, i lavori per la ristrutturazione dell’edificio storico ex scuola materna “Maria Montessori”, in via G. Fontana (dietro le scuole medie E. Fermi – C. Corradini), con la consegna ufficiale alla ditta aggiudicataria EDILSARI Srl, che presume di terminarli prima della scadenza prevista tra 270 giorni. L’importo dell’opera è di circa 370mila euro, ed è totalmente finanziato dalla Fondazione Carispaq. L’intervento comporta il recupero e l’adeguamento strutturale alle nuove norme sismiche dell’edificio; il rifacimento della struttura portante interna, con tetto in legno ed a vista con capriate “Palladiane” e lavori di impiantistica in generale.

IMG_8353“Il fabbricato, abbandonato da circa 20 anni e soggetto ai vincoli della Sovrintendenza per i beni culturali, nacque nella prima metà del 1916 come primo asilo costruito dopo il terremoto – ha spiegato Di Pangrazio durante la consegna dei lavori – finalmente potrà rinascere nel centro di Avezzano, che ha bisogno più che mai di un punto di riferimento culturale, dove giovani e meno giovani possano passare del tempo leggendo, studiando e dove sarà possibile organizzare conferenze e convegni. Ringrazio il presidente della Fondazione Carispaq Marco Fanfani e quanti hanno collaborato per arrivare all’avvio di questo intervento – conclude il sindaco – da Ferdinando Margutti e Benito Bove, ex consiglieri della Fondazione, che due anni fa hanno raccolto l’idea dell’amministrazione, ai consiglieri attuali Giuseppe Ottavi e Enrico De Cristofaro che hanno dato seguito all’iter. Un ringraziamento va anche all’Ing. Giancarlo Gallese che ha realizzato il progetto con professionalità”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top