Ultim'ora

L’Aquila, operaio senza stipendio sale su una gru e minaccia il suicidio

Le tasche vuote continuano a mietere vittime. Lo aveva già fatto lunedì scorso. Stamane, un operaio egiziano di 31 anni è salito su una gru di un cantiere in viale Duca degli Abruzzi, alle porte del centro storico e ha minacciato di gettarsi nel vuoto se non riceverà i compensi arretrati.

Il giovane, che rivendica diverse migliaia di euro, è impegnato in lavori post sisma, in particolare lavora per una ditta subappaltatrice e si occupa di montaggio e smontaggio di ponteggi. Dopo ore ed ore di trattative l’operaio è sceso dalla gru. A convincerlo, in particolare, e’ stato il dirigente della Squadra Volante, Nicola Di Pasquale.

Poi, a dargli man forte, ma il 31enne stava ormai scendendo, sono arrivati un fratello e un cugino dell’egiziano. In sostanza il giovane, che si e’ fatto portavoce anche di altri operai, lamenta la mancata corresponsione da parte del datore di lavoro, una ditta aquilana, per complessivi 40 mila euro. Dell’episodio si sta ora interessando anche l’ispettorato del lavoro che ha già sentito l’imprenditore il quale nega quanto sostenuto dall’egiziano tanto che lunedì scorso lo aveva denunciato per tentata estorsione.

Per l’operaio oggi a questa denuncia ne e’ scattata un’altra: la polizia, infatti, gli ha contestato il reato di esercizio abusivo delle proprie ragioni. In questo periodo sia l’egiziano che gli altri operai non stanno lavorando poiché la ditta aquilana è in attesa di nuove commesse.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top