Connect with us

Ultim'ora

L’Aquila, nuovo ambulatorio di ginecologia pensato per infanzia e adolescenza

Pubblicato

on

Da domani, giovedì 21 maggio, all’ospedale S. Salvatore di L’Aquila, sarà attivo un ambulatorio di ginecologia per la prevenzione e la cura di patologie dell’apparato sessuale femminile, di malformazioni genitali e abusi sessuali. Bambine, teen-ager e giovani fino a 20 anni avranno uno spazio ad hoc dotato di strumentazioni nuove, personale medico specializzato e un ambiente pensato per trattare giovani soggetti alle prese col delicato passaggio all’età adulta. L’ambulatorio opererà all’interno del reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di L’Aquila, diretto dal prof. Gaspare Carta. Per accedere al servizio, diretto dalla dr.ssa Loredana Cerrone, supportata dalla caposala Assuntina Carducci, occorre la prenotazione al Cup. Durante l’attività dell’ambulatorio, è prevista la possibilità di telefonare dalle ore 9 alle 13.00 (tel: 0862/368262) per avere informazioni su modalità di svolgimento del servizio, accesso e tipo di prestazioni assicurate.

Finora le giovanissime sono state assistite dai normali ambulatori in cui accedono le donne adulte. Da domani, invece, le adolescenti avranno uno spazio ad hoc che, oltre ad assicurare un’assistenza medica qualificata, offrirà loro un ambiente ‘soft’, colori adeguati e mini-arredi con decorazioni adatte alla giovane età. Infezioni e malformazioni dell’apparato genitale femminile, alterazioni del flusso mestruale, educazione contraccettiva, patologie vulvo-vaginali e attività di prevenzione, sono alcune delle tematiche di cui si occuperà l’ambulatorio. Inoltre il nuovo servizio diventerà un punto di riferimento per le tematiche dell’abuso sessuale. L’attività ginecologica, infatti, consentirà di accertare sul piano clinico casi di violenze. In questo senso il nuovo ambulatorio farà da faro su eventuali violenze consumate ai danni di adolescenti, adottando non solo cure ma affidando i minori, quando necessario, ad altri servizi di supporto psicologico erogati dall’ospedale.

Cronaca e Giudiziaria

Espulso marocchino socialmente pericoloso. Numerosi i procedimenti penali aperti a suo carico in pochi anni

Pubblicato

on

Avezzano – Un cittadino extracomunitario è stato espulso per motivi di “pericolosità sociale”. Si tratta di un cittadino marocchino di 26 anni (iniziali E.M.T.), domiciliato ad Avezzano, irregolare sul territorio dello Stato e con numerosi precedenti di polizia. Il provvedimento, emesso dal Prefetto dell’Aquila, scaturisce da un’attività investigativa dei Carabinieri dell’Aliquota di Contrasto della Criminalità Terroristica del Comando Provinciale di L’Aquila.

I militari, che hanno eseguito il provvedimento nella mattina del 25 settembre, hanno posto l’attenzione sul 26enne dallo scorso mese di maggio, quando sono emersi presunti collegamenti con organizzazioni di matrice terroristica. Gli immediati accertamenti hanno escluso che il cittadino extracomunitario fosse effettivamente coinvolto in attività riconducibili al terrorismo. Tuttavia, le indagini sul suo conto hanno evidenziato numerosi elementi di pericolosità sociale.

Il citato cittadino marocchino ha fatto ingresso clandestinamente nel territorio nazionale probabilmente nel 2015 e ha subito dimostrato una spiccata indole criminale. In pochi anni a suo carico sono stati aperti numerosi procedimenti penali per reati commessi nella provincia di Siracusa e nella Marsica, in particolare in materia di stupefacenti, ma anche per furto e resistenza a pubblico ufficiale.

A gennaio di quest’anno, ad Avezzano, lo straniero è stato arrestato dopo che, per sottrarsi a un controllo nell’ambito dell’operazione “periferie sicure”, ha speronato una pattuglia dei Carabinieri ad alta velocità, facendo poi ulteriore resistenza ai militari, rimasti feriti. Nella circostanza, lo stesso giudice per le indagini preliminari di Avezzano, convalidando l’arresto, ha descritto il soggetto come “clandestino nel territorio italiano, senza fissa dimora, vicino a soggetti orbitanti in contesti delinquenziali” e ha evidenziato la sua “mancanza di remore a mettere in pericolo l’incolumità degli agenti operanti e degli utenti della strada, nonché la personalità caratterizzata da una particolare scaltrezza e una significativa aggressività nei confronti delle Forze dell’Ordine”.

L’attività investigativa – sviluppata dall’Aliquota di Contrasto della Criminalità Terroristica con l’ausilio di attività tecniche – è stata focalizzata anche sull’elevato tenore di vita dello straniero, non rapportato alle fonti di reddito. Pur non avendo mai svolto lavori in Italia, abitava in un appartamento del centro di Avezzano e aveva la disponibilità di due autovetture di grossa cilindrata (un’Audi A3 e una BMW serie 1), nonché di ingenti somme di denaro in contanti rinvenute nel corso della perquisizione domiciliare.

I carabinieri dell’Aquila, che hanno operato congiuntamente ai militari della Compagni di Avezzano, hanno anche chiesto l’intervento di personale tecnico della A.S.L. di Avezzano – Ufficio di Igiene Pubblica, a causa delle disastrose condizioni igienico-sanitarie in cui versavano gli ambienti di dimora.

Il Prefetto dell’Aquila, alla luce degli elementi investigativi forniti, ha ritenuto il soggetto persona socialmente pericolosa e ha emesso il provvedimento di espulsione con allontanamento immediato dal territorio nazionale, eseguito dai militari nella mattinata del 25 settembre. Nella stessa giornata, al termine delle operazioni di fotosegnalamento, il marocchino è stato accompagnato presso il C.P.R. (Centro di Permanenza per il Rimpatrio) di Torino, in attesa del definitivo trasferimento in Marocco.

Continua a leggere

Attualità

A Capistrello una domenica tra sport, natura e storia

Pubblicato

on

Capistrello – Una giornata di eventi quella di ieri, domenica 23 settembre, a Capistrello. Complice anche la bella giornata di sole, l’area che costeggia il fiume Liri è stata letteralmente presa d’assalto. Due le iniziative in programma, patrocinate dal Comune, che hanno visto una straordinaria partecipazione: la visita all’Emissario di Claudio in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio e la terza edizione della manifestazione di corsa ad ostacoli “Extreme Warrior Run”.

Boom di presenze per la passeggiata naturalistica, di rara bellezza, nei luoghi dell’Emissario, la più imponente opera idraulica della storia antica e dal 2017 tra “I Luoghi del Cuore Fai. Grande successo, con ben 97 partecipanti e tantissimi spettatori, per la terza edizione dell’Extreme Warrior Run”. Un percorso di dieci km, con trenta ostacoli, lungo il fiume Liri, tra barriere naturali e artificiali, corsi d’acqua, dislivelli e spazi angusti e ristretti.

L’ evento sportivo, appartenente alla categoria delle OCR (Obstacle Course Race), è stato organizzato dalla Polisportiva Atletica Capistrello.

Di seguito i primi tre classificati per ogni categoria.
Uomini: Francesco Coppa (Castelliri), Simone Sabatini (Usa Avezzano) e Endrio Sabatini (Polisportiva atletica Capistrello).
Donne: Moira Franchi (Usa Avezzano), Lorena Laciancio (Capracotta), Barbara Pizzi (Podistica Luco dei Marsi).
Over 40 (D): Emanuela Binetti (Italian Spartans)
Over 50 (D): Belinda Casavecchia (Area 51 Sora)
Under 18: Luca Ippoliti (Usa Avezzano)
Over 40 (U): Davide Baldassarre (Podistica Luco)
Over 50 (U): Massimo Castellucci (Usa Avezzano)
Over 60: Gaetano Settevendemmie (Podistica Luco)

Continua a leggere

Ultim'ora

Sicurezza ex Superstrada del Liri: in arrivo investimenti e proposta di raddoppio della carreggiata

Pubblicato

on

Avezzano – Il Presidente del Consiglio Regionale, Giuseppe Di Pangrazio ,ha incontrato il Direttore Compartimentale del’Anas Abruzzo, Antonio Marasco, per un esame congiunto delle problematiche e delle criticità di gestione, soprattutto in relazione alla sicurezza, della Strada a scorrimento veloce della Valle del Liri, che ha una funzione strategica nella mobilità nazionale e, collegando Avezzano con Cassino, è un asse di mobilità primario tra il Tirreno e l’Adriatico.

Nel corso dell’incontro sono stati  valutati attentamente tutti gli aspetti gestionali dell’importante asse stradale che collega l’Abruzzo con il Lazio e la Campania ed ha un grande flusso di traffico civile e di trasporto merci che ne richiede la massima sicurezza ed efficienza gestionale. In particolare Di Pangrazio e Marasco hanno condiviso di dover attuare alcuni interventi immediati con un ulteriore lotto di lavori per 1,5 milioni di euro, oltre quelli già realizzati nell’anno in corso,  finalizzato al  miglioramento della sede stradale e al rifacimento di tratti di fondo asfaltato usurati. Nell’incontro l’Ing. Marasco ha assicurato altri interventi di messa in sicurezza, in particolare l’illuminazione degli svincoli di accesso e di uscita; una serie di puntuali interventi di messa in sicurezza, individuati sulla base dell’analisi statistica degli incidenti stradali intervenuti negli anni dipendenti dall’assetto tecnico dell’infrastruttura stradale; il miglioramento delle segnaletiche; l’introduzione di segnaletiche luminose nel tratto in restringimento all’ingresso della galleria del Salviano in direzione Avezzano-Capistrello.

Il Presidente Di Pangrazio ha condiviso l’opinione di Marasco circa la sicurezza della Strada che raggiungerà ulteriore livelli di prevenzione proprio grazie agli interventi concordati. Inoltre  è stato concordato l’avvio di un comune lavoro istituzionale, anche con il coinvolgimento delle rappresentanze parlamentari abruzzesi, per proporre al Governo un piano di investimenti adeguato che sia finalizzato al raddoppio della Strada a scorrimento veloce della Valle del Liri,  un asse viario strategico a livello nazionale ed influente nel collegamento verso l’Europa,  tramite dei corridoi di grande comunicazione autostradale. Tale investimento potrebbe vedere proprio nel tratto tra Avezzano e Capistrello, nel quale si aggiunge un forte flusso di mobilità periurbana, un primo lotto funzionale, che sarebbe valido in assoluto ad elevare i livelli di sicurezza. Di Pangrazio si è dichiarato soddisfatto dell’incontro, della condivisione istituzionale e si è impegnato ad informare e coinvolgere nei prossimi giorni tutti i sindaci del territorio in un percorso che possa produrre la migliore rapidità e continuità degli interventi.

Continua a leggere

Ultim'ora

Tagliacozzo, la Montessori e l’istituto Argoli chiusi lunedì 24 per interruzione servizio idrico

Pubblicato

on

TagliacozzoScuole chiuse a Tagliacozzo a causa dell’interruzione del servizio idrico. L’ordinanza firmata dal primo cittadino, Vincenzo Giovagnorio, riguarda la sospensione dell’attività scolastica dei plessi della scuola dell’infanzia “Montessori” (ex Pretura) e delle scuole medie e ITT della “Argoli” per la giornata di lunedì 24 settembre dalle ore 8.00 alle ore 17.00. Il sindaco precisa che negli edifici della “Bevilacqua” e della “Tantalo” le lezioni avranno luogo regolarmente.

Continua a leggere

Ultim'ora

E’ morto Stefano Grossi, ex sindaco di Tagliacozzo. Oggi i funerali

Pubblicato

on

Tagliacozzo – Ieri, 20 settembre, è venuto a mancato Stefano Grossi, sindaco emerito di Tagliacozzo dal 1972 al 1976. I funerali si svolgeranno oggi alle 16.30 nella chiesa della Santissima Annunziata di Tagliacozzo.

“Desidero ricordarne pubblicamente la figura di cittadino, amministratore, padre e nonno integerrimo, saggio, severo con se stesso e con gli altri. Negli ultimi anni aveva accolto l’impedimento a camminare con cristiana rassegnazione, sorretto da una Fede forte e si era battuto per sensibilizzare le istituzioni a provvedere al superamento delle barriere architettoniche. Alla consorte signora Giuseppina, ai figli Rosalba Grossi e Domenico, a tutti i familiari e agli amici Pieraldo Mercuri e don Ennio Grossi giungano i miei affettuosi sentimenti di vicinanza e di cordoglio”. E’ il messaggio di cordoglio del sindaco di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio.

Continua a leggere

Abruzzo

Autostrade, ecco la proposta di Toto: affidamento fino al 2050, tariffe più 3,34 annuo

Pubblicato

on

Abruzzo – “Slittamento della scadenza della concessione di venti anni da quella attuale del 2030, fino al 2050 senza nuova gara; lavori per 3.140 milioni di euro, di cui ben 2.000 pubblici a fondo perduto; la tariffa salirebbe lo stesso del 3,34% annuo almeno fino al 2040”. È quanto rivelato dal Forum H2O in merito alla proposta del concessionario di Strada dei Parchi in relazione al nuovo PEF, depositata al ministero dei lavori pubblici e dei trasporti. “Il documento inedito è stato ottenuto con un accesso agli atti avviato lo scorso 11 maggio. In realtà il Ministero è ancora inadempiente su altri atti che erano stati richiesti riguardanti la procedura seguita” .

“Nel documento sono individuati gli investimenti necessari secondo Strada dei Parchi: 1.623 milioni per i viadotti, partendo da quelli “più a rischio” (testuale nel documento, ndr); 375 per le pile dei viadotti; 633 per le gallerie; il resto su altri interventi, come l’anti-scalinamento già in corso. Per la manutenzione ordinaria sarebbero destinati 32,8 milioni ogni anno, rispetto ai 25,8 attuali. I posti di lavoro scenderebbero da 447 unità a 350 (-22%). Secondo il documento, il Tasso Interno di Rendimento della Concessione è stato finora del 12,9%. Il costo medio ponderato del capitale (“WACC – Weighted Average Cost of Capital”), il tasso di rendimento minimo che un fornitore di risorse richiede per il proprio contributo di capitale, passerebbe dal 9,71% del PEF attuale all’8,71% (anche a causa del mutato contesto finanziario)”.

“Ci sono decine di viadotti degradati in maniera vergognosa per i quali è mancata la manutenzione ordinaria per anni. Addirittura nella proposta di Piano Economico Finanziario si può leggere che gli interventi sulle sottostrutture dei viadotti “sono stati calibrati in funzione anche del loro stato di ammaloramento”! Ricordiamo che rispetto al Piano economico vigente mancano all’appello investimenti milionari, come quattro aree di servizio. Nonostante vi fosse una previsione di spesa di circa 2 milioni di euro sulle recinzioni in autostrada, pochi mesi fa sono entrate addirittura le vacche e vi sono stati diversi incidenti, anche gravi, per impatto con la fauna selvatica”.

“Comprendiamo che decenni di gestione vergognosa del dossier autostrade non si risolvono in pochi mesi. Vogliamo però capire quale percorso pubblico di discussione il Ministro Toninelli e la sua maggioranza vogliono costruire visto che da qui a breve si devono prendere decisioni che avranno impatto per i prossimi decenni sulla vita di milioni di persone. Diciamo subito che sarebbe un grave errore discutere del nuovo PEF senza prima chiarire cosa è avvenuto in questi anni ad un’autostrada realizzata a suo tempo con fondi pubblici e gestita dal concessionario scelto con gara europea negli ultimi 15 anni. In due mesi si può tirare una linea dritta sullo stato dell’arte e su tutte le pesantissime criticità che sappiamo esistere, anche in merito ai contenziosi. Il Ministro venga a vedere personalmente come sono ridotte le pile, chieda se e come è stata fatta la manutenzione ordinaria. Mandi ingegneri e tecnici e faccia le verifiche che sono mancate in questi anni. Disveli tutte le carte, comprese quelle dei lavori assegnati “in casa” da Strada dei Parchi alle altre aziende del gruppo TOTO. Spieghi quali sono le progettazioni che sono state caricate nel PEF. Ad esempio, quelle della fantasiosa variante da 6,5 miliardi chi le paga? Chiariti questi punti si potrà stabilire intanto se il Concessionario merita o meno di gestire questa infrastruttura strategica per i cittadini abruzzesi e laziali. Poi si potrà, se è il caso, trattare sui contenuti del nuovo Piano Economico Finanziario. In ogni caso speriamo che siano tutti concordi, a partire dal Governo, su un fatto:  questa vicenda non si potrà certo concludere con l’assegnazione diretta delle due autostrade ai nipotini di Toto”. È quanto riportato dall’associazione in una nota.

 

 

Continua a leggere

Ultim'ora

Il comune di Civitella Roveto cerca un autista di scuolabus, ecco come fare domanda

Pubblicato

on

Civitella Roveto – Il comune di Civitella Roveto intende procedere all’assunzione di un autista di scuolabus. L’assunzione sarà a tempo determinato per 12 mesi non continuativi e per un totale di 36 ore settimanali. Le domande, inviate all’ente, dovranno essere effettuate entro e non oltre le ore 12 dell’8 ottobre 2018.

Ecco l’avviso di selezione ed il modulo di domanda

 

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com